Traduttore: D. Angeleri
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Edizione: 29
Anno edizione: 1984
Pagine: 256 p., Rilegato
  • EAN: 9788830401075

59° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantasy

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,50
Descrizione
Tra le rovine di un anfiteatro, ai margini di una grande città, trova rifugio una strana bambina, che, fuggita dall'orfanotrofio non conosce nemmeno la propria età. Agli abitanti dei dintorni, che la guardano incuriositi, dice di chiamarsi Momo. Non passa molto tempo che la bambina si conquista la fiducia e la simpatia di tutti, chiunque abbia un problema va da Momo che non dà consigli e non esprime opinioni, si limita ad ascoltare con un'intensità tale che l'interlocutore trova da solo la risposta ai suoi quesiti. Un giorno gli agenti di una sedicente Cassa di Risparmio del Tempo si presentano anche nel microcosmo costituito da Momo e dai suoi amici. Tutti cadono nella trappola dei "Signori Grigi", e Momo deve affrontare da sola la situazione ...

€ 14,96

€ 17,60

Risparmi € 2,64 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 17,60 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucia

    13/11/2018 14:07:37

    All'inizio può annoiare e sembrare pesante ma la fantasia del mondo di Momo ti porterà a proseguire questo meraviglioso viaggio

  • User Icon

    Rita

    22/09/2018 15:32:06

    Il tempo non si perde, ma si impiega e questa lettura te ne fa comprendere il significato.

  • User Icon

    Kesia

    21/09/2018 14:47:25

    Bel libro. Veloce ma tratta problematiche attuali.

  • User Icon

    Cristiano

    20/12/2015 09:30:05

    Sottoscrivo in pieno la recensione di Martina e rimando a quella come introduzione a questo splendido racconto dei tempi moderni

  • User Icon

    Rosa Barone

    05/01/2014 18:44:20

    un libro che consiglio di leggere. Una storia piena di significato, seppur narrata con una lingua semplice e scorrevole, ricca di avventure e colpi di scena. L'ingenuità della protagonista Momo, riuscirà a sconfiggere le insidie dei malvagi Signori Grigi. Una vicenda che si può immaginare ambientata al giorno d'oggi in cui gli uomini sono sempre più distratti ed egoisti. Un bel libro da leggere, soprattutto consigliato ai ragazzi...

  • User Icon

    simon@

    01/10/2011 14:20:31

    Libro per ragazzi, ma dovrebbero leggerlo o rileggerlo gli adulti. Per ricordarsi... di essere stati bambini...di vivere il tempo...di vivere il prorpio tempo... che il tempo passa e non ritorna...nemmeno se lo risparmi anzi è solo tempo perso!

  • User Icon

    Elena

    22/11/2010 17:31:15

    Ho letto Momo per la prima volta in prima media, dietro consiglio della prof. Ricordo ancora oggi l'emozione che mi dava la lettura di ogni pagina. Oggi l'ho consigliato a mia figlia undicenne, sono curiosa di sentire la sua opinione e spero che faccia nascere in lei l'amore per la lettura, proprio come è successo a me nel lontano 1984. Vi farò sapere!! Anzi, magari sarà proprio mia figlia a lasciare un commento.

  • User Icon

    valentina simona bufano

    08/09/2010 17:58:59

    a tratti ma tratti molto brevi come i punti nell'alfabero morse noiosetto ma per il 99% è una magia ne hanno tratto un film discreto e un orrendo cartone animato che chissà perchè alla critica è piaciuto Spielberg dove sei quando servi????

  • User Icon

    Carmine

    09/07/2010 00:52:16

    Ende, in questo capolavoro onrico, ricorda la filosofia visionara di Blake, in particolar modo LOS di Jerusalem. "Esiste un grande eppur quotidiano mistero. Tutti gli uomini ne partecipano ma pochissimi si fermano a rifletterci. Quasi tutti si limitano a prenderlo come viene e non se ne meravigliano affatto. Questo mistero è il tempo. Esistono calendari ed orologi per misurarlo, misure di ben poco significato, perché tutti sappiamo che talvolta un'unica ora ci può sembrare un'eternità, ed un'altra invece passa in un attimo... dipende da quel che viviamo in quell'ora. Perché il tempo è vita. E la vita dimora nel cuore.Come voi avete occhi per vedere la luce, e orecchie per sentire i suoni, così avete un cuore per percepire il tempo. E tutto il tempo che il cuore non percepisce è perduto, come i colori dell'arcobaleno per un cieco o il canto dell'usignolo per un sordo." Il tempo non è nostro nemico, il denaro lo è. Tutti siamo padroni del nostro tempo e la morte non deve spaventarci. Libro immenso

  • User Icon

    Martina

    15/06/2009 23:23:29

    Non capisco sinceramente come si faccia a pensare a qualcosa di etereo leggendo un libro talmente realistico come "Momo" può risultare se letto con un minimo di occhio critico...Non è un attacco, ma solo un piccolo sfogo: letto ad un livello di coscienza più elevato di quello che può avere un bambino delle elementari, rimane una delle analisi più accurate del mondo, di come l'umanità abbia tendenze suicide e cannibali "disumane", di quanto il livello di coscienza e di voglia di aprire gli occhi stia incessantemente calando...e forse le fette di prosciutto più spesse sono proprio quelle che stanno di fronte agli occhi degli adulti,più che dei giovani lettori che, quando ancora non rimbambiti dai nostri artefatti (quali i mass media), sentono un leggero fremito di inquietudine sfogliando queste pagine!...Io ho 21 anni, ma ricordo bene la mia infanzia,fortunatamente...e propongo a tutti di fare un salto indietro nel tempo, e a provare a rileggere questo capolavoro dell'antroposofo Ende scrollandosi di dosso tutti i preconcetti oramai diventati abitudine per noi "gente civilizzata"! Grazie per l'attenzione, Martina

  • User Icon

    scrittommy

    12/04/2009 10:10:27

    un libro che, finalmente, presenta un ragazzo che sappia davvero ascoltare le persone ed i loro problemi. L' ho votato 4 perchè, comunque, c' è stata la parte centrale che mi ha leggermente annoiato. Non da 5, insomma. Un libro che, comunque, merita.

  • User Icon

    Tiziana

    27/05/2008 15:34:02

    Letto quest'inverno!Fantastico.Da consigliare a tutti quelli, come me, a cui la vita sfugge dinanzi in un corri corri giornaliero verso nn si sa cosa!So però di aver conosciuto le "orefiori"!

  • User Icon

    irene

    09/03/2008 18:57:46

    io e mia mamma eravamo in libreria. a un certo punto mi dice:"prova a guardare questo libro, è dello stesso scrittore che ha fatto la storia infinita, e puo essere carino" porgendomi Momo. io lessi quello che era scritto dietro, e mi sembrò molto avvincente. allora lo comprai. non mi sono mai pentita di averlo fatto: è un libro bellissimo, che ti fa pensare, e parla di quella magnifica e stranissima cosa chiamata TEMPO. questo libro, sotto mio consiglio, l'ha letto anche mia mamma, che l'ha molto apprezzato. ende! continua così!

  • User Icon

    agata

    27/02/2008 17:00:08

    E’ una favola delicata e leggiadra. Evanescente come gli attimi di cui è composto il tempo, fulcro del racconto, e ricca di spunti concreti e preziosi e di cose inafferrabili ma altrettanto preziose. E’ proprio una favola gentile, argentina , in alcuni punti eterea. Il ritmo è lento, da assaporare, dalla prima all’ultima pagina e sono certa che non sia un caso. Una favola che può essere letta a più livelli.

  • User Icon

    FD

    18/05/2007 15:25:50

    Momo è un piccolo libro meraviglioso. Con semplicità e profondità, Michael Ende (autore anche del romanzo da cui è stato tratto l’omonimo e famoso film “La storia infinita”) ci racconta una storia bellissima, la storia di una bambina di nome Momo che deve salvare il mondo dai signori grigi che sottraggono il tempo agli uomini. Infatti, questo libro è qualcosa di più di una semplice fiaba, è un libro sul valore del tempo, il tempo da dedicare agli altri, a noi stessi, alle cose che ci fanno star bene, ai nostri pensieri... e questo tempo, ci mostra Ende, viene sottratto dal ritmo lavorativo della società moderna che diventa sempre più frenetico, imponendo una fretta nel fare le cose che non ha nessuna ragione d’essere, se non quella di volere ottenere sempre più cose materiali... ma questo a scapito del tempo che rende la nostra vita degna di essere vissuta: una vita umana, e non una vita da formicaio impazzito. Io non sono una di quelle persone che disprezzano la vita moderna pur godendone tutti i benefici, o rimpiangono i “bei” tempi andati, penso che la vita del passato fosse da tutti i punti di vista peggiore di quella del presente, ma riconosco l’esistenza del problema del tempo di cui parla Ende. E’ anche un libro in cui si esalta il valore della fantasia, e l’importanza dell’ascoltare per poter sviluppare dei rapporti di amicizia veri. Insomma, questo libro è un piccolo gioiello, adatto sia ai bambini che agli adulti, una bella storia di pura fantasia che però riesce a farci soffermare su aspetti importanti della vita reale. Vivamente consigliato.

  • User Icon

    Lucia

    06/03/2007 15:20:34

    L'ho letto che ero una bambina (parliamo di circa vent'anni fa...) e ne ho un bellissimo ricordo. Adattissimo anche ad un pubblico meno giovane.

  • User Icon

    elvis

    08/01/2007 13:14:56

    Ehi, Gianluca Gualano, ma quanti anni hai? Vedi che nessuna maestra ti ha chiesto di fare un riassunto del libro di Momo, magari assegnato per l’estate!!! Grazie, ma se racconti e commenti la trama, togli il gusto di leggere il libro a chi deve ancora farlo. A parte questo, è una delle storie più belle che abbia mai letto, e l’ho fatto a vent’anni, ma mi ha davvero portato in un mondo da sogno, quello che tutti noi cerchiamo ma che, ironia della sorte, non abbiamo il TEMPO di trovare!!! Atmosfera morbida e delicatissima, lettura piacevole per grandi e piccini.

  • User Icon

    Gianluca Gualano

    22/06/2006 15:15:39

    È possibile che qualcuno ci porti via il nostro tempo senza che c’è ne accorgiamo? A quanto pare sì e questi ladri del tempo, chiamati Signori Grigi, sono oramai dappertutto. Questi abili commercianti dai visi spenti e cenerognoli, vestiti di grigio da testa a piedi, si muovono per la città fumando sigari grigi e tenendo sempre nella mano la loro misteriosa borsa, grigia ovviamente anche questa. Il loro “cibo” è il tempo degli uomini e dunque devono convincere in modo mefistofelico tutte le persone a risparmiare tempo affinché loro possano sopravvivere. Ma come si fa a risparmiare tempo e far si che i Signori Grigi possano rubarlo agli uomini e depositarlo nella loro lugubre banca di risparmio del tempo? Semplice, basta fare tutto molto più in fretta ed eliminare tutto quello che è, secondo l’opinione dei Signori Grigi, inutile: gli hobby, i divertimenti, il trascorrere del tempo con amici o con la propria famiglia. E sembra che il loro intento stia lentamente e subdolamente riuscendo. Solo i bambini sembrano essere indenni da codesta trappola ed in particolare Momo, una bambina senza età che non sa ne leggere ne scrivere ma che possiede il grandissimo e rarissimo dono di saper ascoltare sia le persone che l’eterna musica delle stelle e dell’universo. E sarà proprio Momo ad essere incaricata da niente poco di meno che il governatore del tempo Mastro Hora di restituire il tempo rubato agli uomini e distruggere così i Signori Grigi, riaprendo gli occhi agli esseri umani per riportare loro sul vero significato della vita e del tempo. Un racconto per ragazzi ma che offre validissimi spunti di riflessione per adulti e, mai come oggi, di una triste attualità.

  • User Icon

    maricò

    20/05/2006 12:18:24

    Ho letto "Momo" molti anni fa, già adulta, dopo "La storia infinita". Formativi entrambi, tanto che ne consiglio sempre la lettura ai miei alunni. La disponibilità della piccola Momo a donare il proprio tempo agli altri, l'avidità dei signori grigi, la tranquilla flemma della tartaruga, Mastro Hora e i suoi orologi insegnano molto più, e molto meglio, che un testo di filosofia ad affrontare questa nostra caotica, alienante vita. Non uccidiamo la Momo che c'è in noi! Conserviamo quella che i latini chiamavano humanitas, l'interesse dell'uomo per l'altro uomo.

  • User Icon

    alice92

    22/04/2006 22:39:14

    avevo visto il film nel 2001, ricordavo che mi era piaciuto tantissimo, ma nn ricordavo per niente il film. Ho letto il libro e il film non me lo ricordo comunque però così ho avuto l'occasione di leggere un libro bellissimo ed ho assaporato la magia di questo libro. MERAVIGLIOSO!

Vedi tutte le 45 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


(scheda pubblicata per l'edizione del 1984)
scheda di Levi Montalcini, A., L'Indice 1985, n. 1

Vivere consuma il tempo ma ne conserva la qualità vitale, risparmiare il tempo spegne la vita e distrugge così il tempo. La fiaba di Ende racconta l'antico conflitto tra la vita e la morte in termini più sottili e moderni: a Momo, la bambina capace di ascoltare tanto da udire e fare udire le musiche, i silenzi e le avventure della vita interiore, si oppongono i Signori Grigi, nebbiosi, freddi e insinuanti che possono trasformare la vita in un vuoto insensato e ripetitivo e il cuore umano in un luogo sterile e chiassoso. La lotta di Momo contro i Signori Grigi si anima di continue invenzioni: il vortice vagante che crea le tempeste, la tartaruga Cassiopea che prevede il futuro, ma solo per la prossima mezz'ora, la stanza degli orologi di Maltro Hora, il custode del Tempo, e il luogo onirico di dove sgorgano e nascono le ore. La ricchezza delle immagini compensa i momenti più rari, in cui il conflitto non riesce ad attingere alla dimensione fiabesca.