Categorie
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2010
Pagine: 296 p. , Brossura
  • EAN: 9788807018237
Usato su Libraccio.it € 9,18

C’era un tempo in cui la città di Messina, fedele al re Borbone ed eterna rivale di Palermo, splendeva dei fasti di antiche famiglie nobiliari e recenti caste mercantili. Sede di una delle università più antiche d’Europa e risorta dopo la pestilenza del 1742, il terremoto del 1783 e il nubifragio del 1824, in quel Ferragosto del 1839 Messina si presentava stanca e assolata, agitata dall’imminente processione dell’Assunta che si ripeteva ogni anno, favorendo l’unità della popolazione e la rinascita dell’orgoglio civico.
Unità e orgoglio: due temi cari al Risorgimento italiano, un’epoca gloriosa nella quale si dipana la trama di questo nuovo romanzo di Simonetta Agnello Hornby. Dopo il grande successo di critica e di pubblico dei suoi ultimi romanzi Vento scomposto, Boccamurata, e La zia marchesa la scrittrice siciliana, che vive e lavora in Inghilterra da molti anni, torna alle ambientazioni storiche, per regalarci la figura di un’eroina assolutamente inedita e affascinante.
Secondo la definizione che ne dà la stessa autrice, Agata è una “monaca eretica”. Sesta figlia femmina di una nobile famiglia napoletana trasferita a Messina per volontà del re Federico II di Borbone, Agata è una tredicenne dalla rigida educazione e con la testa piena di sogni. Il sogno più vivido della sua adolescenza si chiama Giacomo Lepre, ha venti anni ed è il nipote del notaio. La sua è una famiglia ricchissima, troppo ricca anche per la famiglia Padellani e per le scarse sostanze di cui, dopo una vita di sperperi, è rimasto titolare Don Peppino Padellani, il padre di Agata, maresciallo dell’esercito regio a Messina e figlio del principe di Opini. Gli stemmi e i blasoni, in quegli anni di sovvertimenti politici e fitti traffici mercantili, non bastano più per portare in dote una fanciulla. Servono legami e conoscenze, parentele con la borghesia in ascesa e gli uomini illuminati dell’intellighenzia cittadina. Nonostante l’amore tra i due giovani, le famiglie si oppongono al matrimonio e la giovane Agata viene spedita in convento a Napoli, per una breve permanenza al seguito di una zia Badessa, Donna Maria Crocifissa.
Ancora una volta la ragione è politica: l’intercessione della monaca è necessaria alla famiglia per ottenere, dopo la morte di Don Peppino, un assegno vitalizio del Re. Agata, però, coglie solo in parte la portata della decisione che è costretta a subire e si adatta abbastanza in fretta alle abitudini della vita monastica.
I ritmi del monastero di San Giorgio Stilita, la cadenza delle preghiere, i canti, il lavoro in cucina secondo la Regola benedettina, assorbono ogni momento della sua vita, insieme ai legami, agli intrighi e agli inganni che si compiono in quell’ambiente apparentemente asettico; al punto che, pur avendo l’occasione di andarsene, Agata decide di restare in convento e di prendere i voti perpetui, proprio mentre una breccia si apre nelle spesse mura del convento. È James Garson, il capitano della nave inglese che l’ha condotta a Napoli, a squarciare la corazza della sua clausura. Uomo di spirito libero e idee rivoluzionarie, per dieci lunghi anni nutre la mente della giovane monaca inviandole libri stranieri infarciti d’idee all’avanguardia. Quello che ne risulta è una donna che vive la pace del monastero con abbandono, ma che allo stesso tempo sogna di essere libera, sola ed emancipata.
Un romanzo che ci riporta agli anni della conquista della libertà di pensiero e di autodeterminazione, a un’epoca gloriosa della storia italiana in cui ogni donna aveva l’occasione di compiere una piccola rivoluzione privata.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    margherita arzillo

    26/10/2013 18.49.31

    Il libro è in gran parte una copia del testo di Enrichetta Caracciolo Memorie di una monaca napoletana.Alcune situazioni e dialoghi si ritrovano quasi testualmente in questa opera precedente.Il testo della Hornby però non regge il confronto con quello della Caracciolo, fortemente drammatico anche per la sua natura di memoir. Le poche parti originali della Hornby sono molto sentimentali e banali.

  • User Icon

    ferruccio

    12/09/2013 16.21.54

    Il percorso di vita a cui spesso erano costrette ragazze appartenenti alle nobili famiglie del regno delle Due Sicilie nella prima metà dell'800. La narrazione, e relativi accadimenti, ha come sfondo i primi moti di insurrezione siciliana propedeutici ai fatti storici dell'Italia del 1848.

  • User Icon

    angela

    22/09/2012 18.06.12

    mah,tutto sommato un buon romanzo.Descrive bene la vita monastica del tempo, con interessanti spunti storici. Il finale mi è parso un pò forzato e senza colpi di scena. Un libro che consiglio per una lettura non troppo impegnativa.

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    21/07/2012 01.09.53

    Un libro che conquista; ma gradatamente. La storia di Agata, monaca dopo aver desiderato Giacomo, nel profondo Sud prima dell'Unità d'Italia, si pone su diversi piani di lettura. Agata non nasce con la vocazione; a questa viene obbligata dai soliti intrighi familiari che volevano anche nell'Ottocento le ragazze di buona famiglia monacate per forza. L'ambiguità della figura di Agata si attua non nei fatti ma nell'affezione al chiostro, che diviene quasi scuola di vita, nonostante le angherie subite e la voglia di fuggire. In Agata si svolge come una sorta di stupefacente schizofrenia, ma anche nella madre, che la vuole monaca ma, poco dopo, la vorrebbe maritare, naturalmente con chi vuole lei , per motivi d'interesse. Il personaggio di Agata è dunque trasgressivo nell'originalità del contesto e per il fatto che raggiunge i suoi scopi per il rotto della cuffia. La narrazione diventa appassionante sia perchè divisa in capitoli leggibili e sia anche per l'abilità della Agnello Hornby, in un romanzo non adatto a chi è digiuno di scrittura, epperò molto fruibile laddove assieme ai moti dell'anima offre una buona azione sia psicologica sia nei fatti. La storia poi è importante per il contesto storico che fa di essa uno spaccato di una nazione, non ancora tale, legata molto all'interesse di casta nei piani alti della società, a loro volta uniti alla nobiltà e al clero e dove i soldi nobilitano e giustificano ogni azione, soprattutto a scapito dell'educazione delle figlie femmine, viste come merce di scambio e pacchi da sistemare. Originale il personaggio di passaggio della monaca ermafrodita e degli intrighi del convento.

  • User Icon

    Olga

    01/06/2012 14.15.11

    Che delusione!!! Ogni volta che lego un romanzo della Agnello mi immagino di ritrovarmi immersa in un lettura appassionate e ricca come lo è stato per "La Mennulara" e "La zia marchesa", invece anche questa volta, già delusa da "Boccamurata" mi sono ritrovata di fronte ad un romanzetto rosa, scontatissmo e banale, che non sembra nemmeno scritto dalla Agnello! Fiduciosa continuerò a comprare i suoi romanzi, nell'attesa che la scrittrice ritrovi il suo antico smalto!!

  • User Icon

    vega

    15/12/2011 14.29.21

    Ho trovato questo romanzo molto deludente, decisamente non all'altezza dei bellissimi "La mennulara" e "La zia marchesa", se non nei primi capitoli. Dall'ingresso in convento di Agata in poi, il romanzo diventa un vero e proprio polpettone sconclusionato, con parti slegate tra loro, sembra effettivamente fatto con il "copia e incolla". Avevo sperato in un altro piccolo gioiello da godermi e centellinarmi sera dopo sera, peccato.

  • User Icon

    Mazzy77

    06/12/2011 11.14.02

    Della stessa autrice avevo letto "La Mennulara", che mi è piaciuto molto, quindi leggendo la trama ho dato per scontato che sarebbe stato lo stesso, invece sono rimasto un po' deluso. Il romanzo si legge bene, ma ho avuto l'impressione che gli mancasse qualche cosa. Avrei tolto qualche pagina centrale, e l'avrei aggiunta alla fine: Donna Maria Ninfa se lo meritava...

  • User Icon

    nihil

    21/11/2011 09.17.18

    Ho letto altri libri di queasta autrice e mi erano piaciuti. Questo è piuttosto deludente, pur considerando l'ottima ed esaustiva ambientazione storica. La trama purtroppo non è nulla di più di un Harmony confezionato al tavolino con molto impegno sul lato storico. Tutto sommato un libro banale.

  • User Icon

    Cristina'77

    15/09/2011 17.39.21

    E'la prima volta che leggo un libro di questa autrice. Ho apprezzato il suo stile, l' ambientazione storica e culturale di quel tempo, la descrizione dei personaggi. Credo però si sia dilungata eccessivamente sulla vita del convento, d' accordo che faccia fede al titolo, ma a volte ho affrontato alcune parti a fatica. Inoltre, ha dedicato poco spazio alle "faccende amorose". Sicuramente leggerò un altro libro della Agnello, sono curiosa di scoprirla in altri contesti.

  • User Icon

    margherita

    03/09/2011 12.49.59

    Sono stata molto delusa dal libro. Pochi si sono accorti che è una copia pressocché conforme di un testo del 1864 I misteri del chiostro o Storia di una monaca napoletana. A parte poche aggiunte banali (la storia d'amore) la trama, le situazioni,addirittura il contenuto di alcuni dialoghi sono fedelmente ricalcati sul testo di Enrichetta Caracciolo. La signora Hornby la ringrazia per gli spunti relativi ai cerimoniali del chiostro, ma penso che, per onestà, avrebbe dovuto ammettere che il debito verso la Caracciolo è di gran lunga maggiore.

  • User Icon

    tina

    28/06/2011 15.33.57

    Messina, 1839: Agata, tredicenne innamorata, viene costretta dalla madre alla morte del padre a prendere il velo, in quanto la famiglia è caduta in miseria. Entra in un convento benedettino di Napoli, dove la badessa è una sorella del padre. La ragazza cerca di ribellarsi al suo destino, e spera che il suo fidanzato da Messina la venga a salvare. Quest'ultimo invece finirà per sposare una ricca nobile. Nel romanzo c'è questo strano personaggio che è un giovane capitano inglese (James Garson), conosciuto sul piroscafo che dalla Sicilia l'ha condotta a Napoli e che periodicamente riesce a mandarle romanzi che la protagonista divora. Non si comprende come, ad un certo punto la monaca si accorge di essere innamorata di questo capitano che roccambolescamente riesce a ritrovarla a rapirla ed a portarla in Inghilterra. Il romanzo si sofferma a raccontare la vita delle monache ed in particolare delle ragazze della nobiltà che vengono costrette a farsi suore. Non riesco a definirlo un romanzo ma non ha nemmeno i tratti di un libro di storia. Risulta un ibrido. Avevo trovato Boccamurata noioso questo è insopportabilmente. Scritto tra l'altro male con errori grammaticali, con frasi incomprensibili. Ho chiuso con l'Agnello Horbny, è lontana anni luci dai suoi due romanzi più belli la Mennulara e la zia Marchesa.

  • User Icon

    laura

    09/04/2011 21.44.27

    Ho appena finito di leggerlo e nn nascondo la mia perplessità...Inizialmente lento...nn mi ha preso particolarmente,poi,man mano che continuavo a leggerlo,è stato più piacevole,ma ci sono punti un pò troppo lenti... La storia sarebbe carina,ma credo che inizialmente si sia dilungata troppo nelle descrizioni e la fine sia stata troppo affrettata.Comunque,leggerò altri libri di Simonetta nella speranza di rivalutarla e di conoscerla meglio...!

  • User Icon

    CRISTINA

    21/02/2011 13.51.41

    è il primo romanzo che leggo di quest'autrice e sono sincera all'inizio avendo letto il retro della copertina ho immaginato fosse la solita storia scontata della suora innamorata invece mi è piaciuto come si sono evolsi i fatti, mi piace che ha parlato della bella Napoli e della bella Sicilia, dei moti dei carbonari, insomma un libro che con un semplice racconto ci ha dato un po' di storia...mi piacciono molto i libri cosi che calcano i personaggi storici famosi anche se qui tutto e' accennato io avrei approfondito di piu', pero' forse poi non sarebbe piu' stato LA MONACA. Credo che leggero altri libri di Simonetta.

  • User Icon

    silvana

    20/02/2011 17.48.46

    Non è il migliore tra i romanzi della Agnello, ma è "onesto" e di scorrevole lettura: da leggere soprattutto se interessati ad una ricostruzione romanzata di un periodo storico con una sensibilità molto diversa dai giorni nostri e dove tuttavia sono riscontrabili i prodromi della modernità.

  • User Icon

    giorgio g

    14/02/2011 12.09.51

    Dopo l'insoddisfacente "Vento scomposto" l'Autrice ha scelto di tornare alle storie della sua terra e la qualità del racconto ne ha beneficiato: il capitolo iniziale del libro con la processione dell'Assunzione della Vergine a Messina è destinato a restare nella memoria dei lettori, con quei bambinetti che, in segno di devozione, vengono tenuti per ore e ore disperati e piangenti in alto sulla "Vara" della Madonna. C'è qualcosa dei "I Viceré" in questa parte del libro e nelle diatribe tra i parenti di Agata come ci sono degli accenti del Verga di "La storia di una capinera" nella vicenda della protagonista. E, se vogliamo trovare dei riferimenti, c'è pure il linguaggio di Camilleri con i termini siciliani che, molto opportunamente e con misura, vengono a sostituirsi a quelli della nostra lingua. Per qualcuno la storia di Agata Padellani può far pensare a un fumettone, ma non dimentichiamo che poco più di un secolo fa le leggi della conservazione del patrimonio familiare obbligavano tante fanciulle dell'aristocrazia a rinchiudersi nei conventi. E per tutte non c'era il lieto fine...Persone che potevano avere tutto o quasi tutto trovavano il modo per complicarsi la vita e renderla infelice a sé stessi e agli altri. Leggere libri con uno sfondo storico aiuta a rendersi conto dell'evoluzione dei costumi avvenuta negli anni. Un'ultima considerazione: il breve capitoletto dedicato ai ringraziamenti testimonia la serietà con la quale l'Autrice ha condotto le sue ricerche sul mondo monastico. Le sia reso merito!

  • User Icon

    davide

    05/02/2011 12.54.08

    anche se non lo considero ai livelli de"la menullara e "la zia marchesa" e soprattutto di "vento scomposto"credo ke questo romanzo si legga con notevole scioltezza e passione inoltrandosi in un profondo sud ke alla nostra autrice piace raccontare......in questo caso si conoscono le vicissitudini della protagonista una monaca di quell'epoca.......un buon romanzo che consiglio solo pero' dopo aver letto i precedenti.......

  • User Icon

    anna

    10/01/2011 17.23.29

    Seguo da anni Simonetta Agnello Hornby ed i suoi libri mi sono sempre piaciuti molto. Ed anche quest'ultimo mi è piaciuto, ma, come è mia consuetudine dopo aver finito di leggere un libro che "mi prende", mi butto su internet per approfondire fatti e situazioni. Mi sono accorta che questo romanzo ricalca per trama, personaggi, descrizioni e situazioni (prese proprio tal quali) un testo dal titolo "I misteri del chiostro napoletano" di Enrichetta Caracciolo, pubblicato nel 1864 se non erro. La Agnello Hornby inserisce di suo il personaggio di Garson, ed il finale, per il resto è già tutto o quasi presente nel testo di cui sopra; ad onor del vero lei menziona nei ringraziamenti questa scrittrice, che poi racconta in quel testo la sua stessa vita, dicevo la ringrazia per le minuziose descrizioni della vita monastica, ma.... insomma, sono quasi identici! Sono basita.....

  • User Icon

    Nicole

    07/12/2010 21.02.38

    Non sono d accordo con chi in precedenza ha commentato che la storia in questo romanzo non decolla...Secondo me invece la trama si sviluppa discretamente come in tanti altri romanzi.Va bene,non sarà ricca di suspense o di azione,ma si lascia leggere.Condivido invece l opinione generale che il finale sia stato troppo sbrigativo,ma se non altro è un finale "lieto".Un pò sull onda di STORIA DI UNA CAPINERA,è comunque un romanzo godibile e ben scritto.

  • User Icon

    Sabina

    06/12/2010 08.06.42

    Veramente un bel libro. Lo consiglio, mi è piaciuto veramente tutto, ambientazione, periodo storico, trama, finale. Cercherò altri libri di questa autrice.

  • User Icon

    ant

    24/11/2010 12.52.12

    Ci tenevo a recensire questo romanzo fondamentalmente per due cose: 1) La notevolissima capacità descrittiva e fantasiosa dell'autrice a riguardo della narrazione di avvenimenti riguardanti: ricevimenti,feste religiose,feste mondane, preparazione di eventi. La Hornby ti fa proprio vedere e gustare queste tavole imbandite di ogni ben di DIO siciliano(sì perchè la storia è ambientata sopratutto a Messina e poi a Napoli; e per quanto riguarda le feste religiose sono riportati usi e costumi dei luoghi descritti in modo mirabile) fantastica! 2) Le argomentazioni riguardanti gli avvenimenti storici avvenuti nel Regno delle Due Sicilie tra l'inizio dell'Ottocento e la nascita del Risorgimento sono molto corpose e ben delineate. Per quanto riguarda la trama e lo svolgimento del romanzo... non so ho letto libri più interessanti della Hornby(La Mennulara e la Zia Marchesa) questo qui mi ricorda troppo Storia di Una capinera di Verga(una monaca che controvoglia entra in convento e che poi si fa piacere il posto forzatamente, interessandosi sopratutto di altre cose rispetto all'essenza di un convento(diventa esperte di erbe mediche etc) Cmq questa è una scrittrice da tenere sempre d'occhio, perchè ha una capacità di abbinare il dialetto siciliano con usi e costumi siciliani il tutto mischiato ad una notevolissima predisposizione al racconto dei luoghi che fa incantare davvero. Poi se c'è qualcuna/ che mi traduce questa frase estrapolata dal libro: "ricordativi ca una fimmina ca si fa trasiri socc'e gghiè d'à vucca o d'atri banni ,disonorata è"...io ringrazio già in anticipo(la mia email è scritta) Saluti

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione