Categorie

Otto F. Kernberg

Traduttore: S. Stefani
Anno edizione: 1985
Pagine: 324 p.
  • EAN: 9788833950075

scheda di Viacava, A., L'Indice 1985, n.10

L'autore, uno dei più noti esponenti della psicoanalisi americana, ritorna in questo libro su un tema da lui già trattato da un punto di vista teorico: l'uso congiunto e non contrapposto della teoria della psicologia dell'io e della teoria delle relazioni oggettuali, sulla base di una esperienza clinica con pazienti "borderline" (pazienti, cioè, n‚ nevrotici n‚ psicotici, ma appunto, al limite). La prima parte del libro consiste in uno studio approfondito di questa patologia: rifacendosi a precedenti lavori, soprattutto di Erikson, l'autore dà un contributo chiarificante a distinguere il "borderline" dallo psicotico. Nei capitoli successivi vengono esaminate e confrontate le posizioni di Melanie Klein, di Fairbairn, di Edith Jacobson, di Mahler e dell'autore stesso, facendo seguire al percorso clinico, quello teorico attraverso il quale Kernberg è giunto all'attuale posizione. La seconda parte del libro si apre con una trattazione non comune, il narcisimo normale e patologico nella mezza età: vengono esaminati in particolare gli sviluppi difensivi patologici, il diniego, la svalutazione, la depressione e ancora, le reazioni ipocondriache, manie e rituali compensatori e così via. Di notevole interesse teorico e clinico sono soprattutto i due capitoli centrali, dove viene studiata la relazione tra teoria delle relazioni oggettuali e tecnica psicoanalitica da un lato e teoria della psicoterapia psicoanalitica dall'altro.