Categorie

Stephen King

Traduttore: G. Arduino
Collana: Pandora
Anno edizione: 2014
Pagine: 470 p. , Rilegato

72° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Thriller e suspence - Thriller

  • EAN: 9788820057190

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    clare

    18/01/2017 08.56.13

    Un bel tentativo di king di passare ad un genere più vicino al thriller, bello il personaggio di hodges e stupenda holly, certo non è da paragonare ai grandi scrittori "specializzati" in thriller, ma è un libro godibile, scorrevole, senza le lunghe digressioni e ancora più lunghe descrizioni che caratterizzano i romanzi di king e che spesso sottolineano i detrattori. Se volete un king "più leggero" questo fa per voi.

  • User Icon

    Alessandro

    31/12/2016 08.46.36

    Ho letto almeno 25 libri di Stephen King tra cui molti di quelli più vecchi. Si vede chiaramente il tentativo di approdare in un nuovo genere letterario ma troppo spesso si vede ancora di più il peso del genere per cui King ha lavorato tutta la vita. Questo romanzo potrebbe essere definito quindi come una via di mezzo, non ancora perfettamente adattato al genere poliziesco e non completamente distaccato dal genere horror. La storia di per se è buona, forse non la più originale (sicuramente nulla di sorprendente) e descritta abbastanza bene, in modo da indurre il lettore a completare il libro. Ciò che non ho molto apprezzato è il continuo alternarsi di idee intelligenti, geniali a soluzioni a tratto ridicole e scontate. Su questo si può chiudere un occhio, in fondo si tratta di un nuovo genere anche per King. Ciò che però mi ha lasciato un pò perplesso (ed è per questo che tolgo una stella) è il repentino cambio di posizione dei personaggi. Senza fare spoiler viene presentato un personaggio di nome Janey, ben caratterizzato e con un ruolo molto importante sia per il protagonista che per la trama, ad un certo punto viene "rimpiazzata" da un altro personaggio di nome Holly, un personaggio dubbioso, introdotto velocemente e a cui viene dato un ruolo forse fin troppo importante. Questo è un gesto che non ho molto apprezzato, aspetto tuttavia di leggere gli altri due libri della trilogia per scoprire se è stata una scelta giusta o poco pensata. Per chi stesse cercando un libro di King da cui cominciare consiglio i vecchi lavori: Pet Sematary, Duma key, La zona morta oppure uno dei sui classici: IT, 22/11/63, L'ombra dello scorpione.

  • User Icon

    furetto60

    15/06/2016 15.41.11

    King cambia, si evolve, s'è invecchiato, l'incidente subito continua a lasciare tracce. I pregi - la scultura dei personaggi (grande Holly che affiora piano piano), la tensione narrativa - prevalgono di gran lunga su alcune momenti meno ispirati: scelte telefonate, anche se comunque efficaci, soluzioni piovute dall'alto (la scoperta della pswd, l'utilizzo dei sette pc). Tanta bella la sovraccoperta quanto orribile la rilegatura.

  • User Icon

    Giorgio

    23/10/2015 22.11.08

    Delusione totale. Non c'è niente del King indimenticabile del Miglio verde, di It, di Shining, di Stagioni diverse, di 22/11/63 e di tanti altri. I personaggi e la trama non mi hanno coinvolto neanche per poche pagine e mi hanno fatto rimpiangere gli ultimi libri letti del nostrano Manzini con il vice questore Schiavone in azione. Se ci sarà un seguito, mi terrò alla larga e rileggerò il King che mi ha riempito molte notti di appassionata lettura.

  • User Icon

    eloise

    24/09/2015 16.58.21

    Uno dei libri più brutti di King, sempre che lo abbia scritto lui....ho letto thriller di scrittori pressoché sconosciuti con trame più avvincenti. L'ho trovato banale e scontato a tratti esasperante per la stupidità del personaggio "cattivo". ....ci sono ragazzini alle scuole medie che scrivono in maniera più originale! Di certo non correrò a comprare il seguito di questa saga.

  • User Icon

    Andy

    17/09/2015 14.32.27

    Il Re non delude mai , bel libro molto scorrevole soprattutto dopo le prime cinquanta pagine e finale che fa presagire ad una saga che si svilupperà in avanti. Mi è piaciuto molto la suspence e l'originalità della trama rispetto ai libri passati. Da leggere

  • User Icon

    cristina

    02/07/2015 14.30.14

    Non il miglior King. La trama lascia un po' a desiderare, così come la caratterizzazione dei personaggi (superficiale e poco coinvolgente) e certe trovate un po' forzate (ad esempio l'entrata in scena di Holly che diventa un deus ex machina alquanto improbabile per la risoluzione degli eventi). Probabilmente un romanzo frettoloso. Il finale non entusiasma; francamente nemmeno l'idea che tale storia possa avere un seguito.

  • User Icon

    Itz

    29/06/2015 16.31.27

    Bello, però il finale non mi ha fatto impazzire..

  • User Icon

    marcostraz

    07/05/2015 09.20.33

    Mi è sembrato il tipico libro di King: grande ambientazione, grande caratterizzazione dei personaggi, finale un pò debole...

  • User Icon

    Francesco.it

    29/04/2015 19.56.09

    Un buon libro, da leggere tutto d'un fiato in meno di una settimana. Il Re ha dato vita a un romanzo thriller carico di suspense, ricco di riflessioni ma leggermente povero di descrizioni.

  • User Icon

    noncidomai

    07/04/2015 17.45.48

    Ho Letto tutti i libri del RE, anche più di una volta e in linga originale. Ha avuto nel tempo alti (ma ALTI ALTI) e qualche basso, ma non tanto basso. Non ho mai creduto alle voci di libri scritti da altri e firmati da lui, ma in questo caso.... non c'è niente del RE a parte forse il prologo e il flashback a metà libro che sono validi. Il resto è inconstistente da tutti i punti di vista, soprattutto per la caratterizzazione dei personaggi che solitamente è il suo forte e che in questo caso è a dir poco ridicola

  • User Icon

    lorena

    11/02/2015 09.02.52

    E' un libro molto scorrevole, l'ho letto in tre giorni e la tensione delle ultime 150 pagine mi ha praticamente divorata. Lo stile è inconfondibile e la storia cattura ad ogni paragrafo. Lasciatevi coinvolgere e le scene scorreranno nella vostra mente come in un film. Ottimo!

  • User Icon

    Francesco

    06/02/2015 20.45.43

    Scorrevole come ogni altro libro di King anche se in questo non si dilunga e divaga troppo con le descrizioni; poco impegnativo. Un gran bel giallo ma si discosta molto dalle trame con cui abbiamo avuto a che fare in altri romanzi. Si legge tutto d'un fiato.

  • User Icon

    gianluca

    22/01/2015 12.20.54

    Leggo King da quando avevo 12 anni, quindi mi ha accompagnato per 24 anni di vita, e posso esprimere un parere su questa sua opera ultima credo abbastanza qualificato. La premessa con cui il libro è stato presentato è che lo scrittore si sarebbe avventurato per la prima volta ufficialmente fuori dai canoni horror che ne hanno caratterizzato la carriera, quindi chi "cerca" il King classico in questo romanzo sbaglia sicuramente libro. Questo mr Mercedes è invece quello che deve essere, un poliziesco in cui di certo non mancano elementi tipici di ogni libro del Re come dipendenze (alcolismo nella fattispecie) e finestre sul mondo che gli è più familiare, quello horror, con la descrizione di dettagli "macabri" circa lo stato delle vittime che magari in un altro poliziesco non si sarebbero ritrovati. Questo non è un giallo (si sa da subito chi è l'assassino), nè un noir tipicamente detto, ne un horror, ma una storia lunga il giusto (nemmeno 500 pagine) senza tempi morti e che nelle ultime 100 pagine non ti fa vedere l'ora di completare il libro, che dovrebbe essere il primo capitolo di una trilogia che in effetti il finale aperto lascia intravedere apertamente. In sostanza credo quindi un buon lavoro di intrattenimento (oltre che un ottimo spot per la Mercedes Benz, idolatrata per tutto il libro) da cui però, di certo, non si può avere la pretesa di "conoscere" il vero King, da cercarsi di sicuro altrove.

  • User Icon

    Gargamella75

    17/01/2015 13.23.25

    Mi era mancato negli ultimi libri il buon vecchio Stephen King. Finalmente tornato in grande forma. Una lettura appassionante dall'inizio alla fine, mai scontata. Più un genere noir che horror, ma un terreno che king ha saputo ben percorrere. Ottimo! Bentornato!

  • User Icon

    Aris-34

    05/01/2015 22.23.57

    Primo libro di King che leggo e....discreta delusione. Certamente colui che è definito come un grande scrittore avrà scritto opere importanti ma questa certamente non ne fa parte. Non mi piace l'horror ne il soprannaturale e questo thriller poteva essere un occasione per ammirare il cosiddetto Re, ma il libro e' veramente banale, scritto piuttosto bene ma estremamente prolisso e soprattutto privo di un'idea originale. Mi pare un compitino svolto in fretta, senza alcun mordente. Peccato

  • User Icon

    alessandro

    04/01/2015 20.07.23

    Leggo Stephen da sempre, compro i suoi libri senza esitare e senza badare ai commenti. Alcuni suoi libri mi hanno deluso ( tipo insomnia ) altri forse erano eccessivamente lunghi con qualche in pagina in meno sarebbero stati degli ottimi romanzi. Ecco mr. Mercedes è uno di quelli, io li chiamo romanzi intermedi cioè quelli che l'autore deve scrivere per onorare il proprio contratto con la casa editrice. Romanzi quest'ultimi che sono il preludio al successivo che magari sarà in perfetto stile del maestro. Il romanzo si fa leggere ed a tratti appassiona anche, la storia però e molto banale ed in qualche momento anche grottesca. Aspetto con ansia il prossimo per verificare se la mia teoria e corretta.

  • User Icon

    zombie49

    02/01/2015 17.54.58

    In un'alba nebbiosa una Mercedes grigia piomba a tutta velocità sulla folla di disoccupati in attesa davanti a un ufficio del lavoro. Muoiono otto persone, due rimangono paralizzate, molte sono ferite. L'auto è ritrovata in un vicino parcheggio nella zona industriale, ma il guidatore non viene mai rintracciato. Il detective Hodges però non si rassegna, e, in pensione da pochi mesi, vuole risolvere il caso, dopo avere ricevuto un beffardo messaggio di sfida dal killer. In modo del tutto inconsueto nella letteratura gialla, King ci presenta subito anche il colpevole, e il thriller vive sulle storie parellele di Bill e di Brady, che si sfidano in una mortale partita a scacchi. In palio non ci sono solo le loro vite, ma anche quelle di altre potenziali vittime, perché nella sua folle lucidità Brady ha già ucciso e continuerà a farlo. Il male esiste e può nascondersi accanto a noi, un assassino nel suo quotidiano può comportarsi come chiunque altro, avere un lavoro normale e una famiglia, e può colpire le sue vittime non solo nel fisico ma anche nella mente, approfittando delle loro debolezze. Brady è la metà oscura di ciascuno di noi, il cavernicolo nascosto in fondo al nostro animo, egoista, cinico e privo di empatia x il prossimo, negato anche da noi stessi, sebbene molte delle sue considerazioni siano condivisibili. Apprezzo molto il King non horror, e qui ho ritrovato le emozioni di "Cujo" e "Dolores Claiborne": non c'è nulla di soprannaturale in questo racconto, la solita ormai scontata lotta tra il Bene e il Male, ma è un thriller psicologico avvincente, e i personaggi sono verosimili. Il finale è ricco di suspense ma non apocalittico, e nelle ultime righe il Re ci regala una sorpresa. Purtroppo King, interrotto il fantastico sodalizio con Dobner, ha nuovamente affidato la versione in italiano a Arduino, che si ostina a tradurre letteralmente e in modo a volte incomprensibile espressioni intraducibili.

  • User Icon

    davide

    01/01/2015 23.47.11

    Stephen King con questo romanzo passa al detective-thriller story, dopo essersi approcciato al giallo psico-thriller con Joyland..romanzo fluido, scorrevole, ben scritto. Storia interessante ma nulla di particolare.

  • User Icon

    Giacomo Bellini

    01/01/2015 10.44.46

    Kin e' e restera' il re del brivido. Questo non e' forse il suo romanzo piu' riuscito ma lo stile resta sempre inarrivabile. Da leggere (anche se forse non merita l'acquisto in brossura)

Vedi tutte le 49 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione