Musica per violoncello completa

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Morton Feldman
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 8 novembre 2013
  • EAN: 5029365940122
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Two Pieces; Projection 1; Four Songs to Poems by E.E. Cummings; Intersection 4; Two Instruments; Durations 2; Voices and Cello; Patterns in a Chromatic Field
Morton Feldman è senza dubbio uno dei compositori americani più importanti e influenti della seconda metà del XX secolo. Le sue opere dai toni spiccatamente sperimentali – che spesso lasciano spazio a più di un’interpretazione – sono basate su cellule melodiche apparentemente infinite, che vengono gradualmente variate e sviluppate in strutture toccanti e di incredibile lunghezza (alcune durano diverse ore), che finiscono sempre per esercitare un effetto quasi allucinatorio sul pubblico. Nel corso degli ultimi anni Feldman è diventato una figura quanto mai carismatica, al punto da essere considerato quasi un antidoto contro il logorio della vita moderna. Queste opere vengono proposte nell’interpretazione di Marco e Giancarlo Simonacci, che confermano per l’ennesima volta la loro spiccata propensione per questo stile, che avevano già dimostrato nelle splendide registrazioni dedicate alla produzione di John Cage pubblicate dalla Brilliant Classics.

Dopo essersi diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ed essersi perfezionato con Enrico Dindo, il violoncellista Marco Simonacci ha iniziato una intensa carriera concertistica, dedicandosi soprattutto agli autori contemporanei.
  • Morton Feldman Cover

    Compositore statunitense. Dopo studi di composizione condotti sotto la guida di Wallingford Riegger e Stefan Wolpe, trovò la sua strada grazie all'incontro con John Cage e con i pittori afigurativi americani (J. Pollock, Ph. Guston, W. De Koonig). Da Cage apprese l'attenzione per il silenzio e le sonorità più lievi, dai pittori la concezione di un colore capace di generare un processo autonomo di forme e articolazioni. La sua poetica può dunque essere enunciata con chiarezza quasi sche­­matica: usare il suono come gli astrattisti puri usavano il colore, cioè prescindendo dall'«imitazione» e dall'espressione degli «affetti». Egli adottò quindi un sistema di notazione rivoluzionario che riduce la partitura a pochi e semplici simboli grafici, intendendo comunicare agli esecutori i registri (acuto,... Approfondisci
  • Marco Simonacci Cover

    Dopo essersi diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ed essersi perfezionato con Enrico Dindo, il violoncellista Marco Simonacci ha iniziato una intensa carriera concertistica, dedicandosi soprattutto agli autori contemporanei. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali