Musical Offering - Vinile LP di Alfred Schnittke,Sofia Gubaidulina,Edisson Vasilievic Denissov,Edward Artemiev,Oleg Buloshkin

Musical Offering

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Goodfellas
Data di pubblicazione: 5 agosto 2016
  • EAN: 0889397610166
Salvato in 1 lista dei desideri
Raccolta che vide la luce per la prima volta un quarto di secolo fa. Ripristinare un contatto con l'onda di sperimentatori sovietici appare oggi doveroso, visto soprattutto il lavoro di recupero filologico condensato negli ultimi anni per Edward Artemiev. Qui siamo agli albori degli anni '70 ed il lavoro sul sintetizzatore ANS regalava frutti inconsueti, se prendiamo in esame la formazione classica dei protagonisti in scena. il potenziale di un'orchestra accorpato in una soluzione midi, uno strumento precursore che avrebbe aperto le porte a numerose e sorprendenti interazioni.
  • Alfred Schnittke Cover

    Compositore russo di origine tedesca. Iniziò a studiare il pianoforte nel 1946 a Vienna; dal 1948 seguì gli studi di composizione corale all'istituto Gnesin di Mosca e nel 1953 entrò nel conservatorio della capitale, dove rimase fino al 1958. Compositore prolifico e duttile, conta nella sua vastissima produzione musiche per una sessantina di film, numerose musiche di scena e componimenti d'ogni genere (vocale, sinfonico, cameristico, sacro e profano). I lavori scritti fino al '72 rivelano un influsso delle tecniche seriali, ma la I Sinfonia inaugurò quell'abile sovrapposizione e giustapposizione di differenti strati musicali che verrà definita «polistilismo». Pur incontrando la tenace opposizione degli apparati burocratici del regime sovietico, la sua musica venne eseguita da importanti solisti... Approfondisci
  • Sofia Gubaidulina Cover

    Compositrice russa. Conclusi gli studi di composizione a Mosca (1953), dopo primi lavori tonali giunse verso il 1965 al serialismo (5 Studi per contrabbasso, arpa e percussione). Nella cantata Notte a Menfi (1969) per mezzosoprano, coro maschile e orchestra da camera, su testi egizi tradotti da Anna Achmatova, emerge una tensione tra lirismo e tecnica seriale destinata ad aprire la strada a procedimenti compositivi più liberi ed espressivi; nello stesso anno, in Rubaijat per baritono e orchestra, su testi di O. Khayam, affiorano i temi esistenziali della sua poetica: il rapporto con Dio, la fede, il problema della vita e della morte. Negli anni '70, in un periodo di isolamento politico e artistico, frequentò con Schnittke e Denisov lo studio elettronico del Museo Skrjabin e nel 1975 fondò... Approfondisci
  • Edisson Vasilievic Denissov Cover

    Compositore russo. Allievo di V.J. Sebalin al conservatorio di Mosca, negli anni '60 fu tra i primi compositori sotto il regime sovietico ad accostarsi alle correnti della musica contemporanea europea, esercitando un'importante influenza in tal senso sui colleghi più giovani (per es. su A. Schnittke). Spesso presente a Darmstadt, vicino alle posizioni di Boulez, assimilò le tecniche seriali in una trasparenza e leggerezza di scrittura che sono andate accentuandosi nei lavori più recenti, venati di un vago neoromanticismo. Si segnalano vari Concerti per strumento solo e orchestra (1972-82), Requiem (1980), numerose liriche su testi di A. Blok, Baudelaire, B. Vian e altri; le opere teatrali Il soldato Ivan (1959), L'écume des jours (La schiuma dei giorni, 1977-81), Quatre filles (1986). Approfondisci
Note legali