Categorie

Renzo De Felice

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788806195700

Con questo sesto tomo la biografia di Mussolini affronta il periodo cruciale della partecipazione dell'Italia alla seconda guerra mondiale e della crisi e caduta, il 23 Luglio 1943, del regime fascita.La ricostruzione di Renzo De Felice si concentra su tre aspetti fondamentali: le ragioni dell'intervento mussoliniano nella guerra e gli obiettivi che il 'duce' si proponeva di conseguire, i rapporti e i contrasti con la Germania; l'atteggiamento verso la guerra degli Italiani e le alterne vicende del "fronte interno". Come al solito, De Felice fonda la sua ricostruzione su una vastissima documentazione per lo più inesplorata che gli permette di chiarire molte questioni controverse, far luce su altre praticamente mai studiate o addirittura ignorate e di colmare numerose lacune.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Guido Gualtieri

    25/04/2016 18.22.35

    Ho letto tutti i libri precedenti di questa collana. Non è sicuramente quello scritto meglio(ho notato errori di punteggiatura sopratutto nella parte iniziale del libro). E' molto interessante la parte riguardante ai primi approcci con il mondo arabo, ma personalmente avrei tralasciato molti particolari. Nella parte finale del libro, riguardante la guerra in Nord-Africa sarebbe stata utile una cartina geografica per capire meglio i vari spostamenti delle truppe tedesche e italiane. Spero il De Felice si rifaccia nel 7ettimo volume di questa collana tutt'altro che noiosa

  • User Icon

    saturn

    17/08/2015 23.28.26

    Libro praticamente illegibile; scritto in modo contorto con sintassi involuta al massimo (periodi lunghi anche un'intera pagina), punteggiatura zoppicante. Dal punto di vista contenutistico è evidente l'enorme confusione dell'esposizione; l'assenza di una chiara cronologia dei fatti, il divagare nebuloso dell'autore su argomenti secondari; soprattutto De Felice utilizza le fonti in modo molto discutibile e mostra grande reticenza su elementi fondamentali della condotta mussoliniana in guerra. L'autore trascura di anilizzare in profondità gli enormi errori politici e militari del Duce, il suo dilettantissimo e anche la sua carica aggressiva e violenta dimostrata dalle direttive ai suoi generali. Totalmente assente una analisi documentata dell'estremismo mussoliniano nella conduzione della guerra e dell'occupazioni italiani, specie nei Balcani. Libro da evitare.

Scrivi una recensione