-15%
Il napoletano che domò gli afghani - Stefano Malatesta - copertina

Il napoletano che domò gli afghani

Stefano Malatesta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Neri Pozza
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 5 luglio 2002
Pagine: 159 p., ill.
  • EAN: 9788873058755
LIBRO € 12,32
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 12,32

€ 14,50
(-15%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il napoletano che domò gli afghani

Stefano Malatesta

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il napoletano che domò gli afghani

Stefano Malatesta

€ 14,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il napoletano che domò gli afghani

Stefano Malatesta

€ 14,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La stupefacente storia di un soldato di ventura napoletano nel XIX secolo: Paolo Avitabile, governatore di Peshawar e generale dell'Impero inglese; l'unico occidentale che sia riuscito a mettere ordine nella città più turbolenta dell'Asia abitata, allora come oggi, da una mescolanza di razze. La sua figura incuteva un tale terrore che gli stessi inglesi dicevano che gli afghani guardavano a lui con la stessa paura e con la stessa ammirazione con cui un branco di iene guarda alla tigre. E ancora oggi a Peshawar le madri, per farsi ascoltare dai loro bambini riottosi, minacciano di chiamare Abu Tabela, la traduzione di Avitabile.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,2
di 5
Totale 5
5
0
4
2
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco

    19/09/2019 10:15:42

    Libro molto piacevole, abbastanza scorrevole nella lettura. L'inizio è in parte dedicato a una coppia di ufficiali dell'esercito napoleonico, Jean Baptiste Allard e Jean Baptiste Ventura, che, sconfitti a Waterloo, cercarono fortuna in Oriente, nel Punjab, alla corte di Ranjit Singh. Questi di fatto aprirono la strada al Generale Avitabile, superando le diffidenze del maharaja. Da questo momento in poi le informazioni su Avitabile aumentano leggermente, ma senza mai giungere al livello di una vera e propria biografia. Su di lui, alla fin fine, non si sa moltissimo e Malatesta è stato bravo nel proporre un ritratto del nord dell'India in cui inserire ciò che si conosce delle gesta di Abu Tabela, piuttosto che una scarna biografia del napoletano.

  • User Icon

    Paul Rideout

    12/01/2008 11:00:03

    La storia vera che Malatesta racconta è curiosa ed interessante ma non si può non notare che il libro divaga alquanto, lasciando la storiografia propriamente intesa ai margini di un racconto dove l'ironia e le considerazioni personali trovano lo spazio maggiore. Purtroppo la verità è che non si hanno notizie ingenti circa la vita "esotica" di Paolo Avitabile, alias Abu Tabela. E quel poco che si sa, probabilmente, non meritava una monografia.

  • User Icon

    Maurizio

    05/07/2007 12:36:55

    Libriccino furbetto, scritto con la mano di un venditore di parole, qua e la ammiccante, si avverte fortemente il giornalista. Ricco di divagazioni, ma si capisce che se avesse dovuto limitarsi a fare una vera biografia di Avitabile non avrebbe potuto andare al di là di un articolo di giornale. Comunque piacevole.

  • User Icon

    maurizio crispi

    10/03/2003 18:22:28

    Ho trovato davvero piacevole la lettura di questo piccolo saggio biografico di Stefano Malatesta, di cui ho apprezzato in passato già altri libri, nonchè i frequenti articoli che compaiono su Repubblica nel paginone della cultura. I libri di Malatesta, così frequentemente incentrati sulle narrazioni biografiche di personaggi singolari, provocano stupore e meraviglia. La storia di Avitabile, improbabile generale napoletano in Afghanistan, è davvero singolare e, visto che siamo in epoca mediatica, è così appassionante che meriterebbe anche un film, che ci possa mettere in contatto spettacolare con pagine di storia per noi abbastanza sconosciute. Ma, già di per sé, il racconto di Malatesta è appassionante, per nulla tedioso e si legge tutto d’un fiato come un libro d’avventure. Ogni volta Malatesta, con la caparbietà e la sagacia di un segugio, ma nello stesso tempo desideroso di trasformare la sua ricerca in autentica avventura di viaggio, sia nel tempo che nello spazio geografico, cerca di scovare le tracce storiche dei suoi personaggi, riuscendo ogni volta a produrre delle piccole gemme, in forma di ricostruzione storica o di piccolo réportage. L'operazione di ricerca sul napoletano "che domò l'Afghanistan", da lui portata a termine (anche con la meritoria conquista di fonti bibliografiche di cui si era persa la traccia), è perfettamente riuscita, prendendo corpo in una narrazione che, pur rigorosa e fedele alle fonti, non è priva di una piacevole ironia. Alla fine della lettura, sempre assillato dai problemi di archivazione dei nuovi libri che vado via via leggendo, io mi sono chiesto quale potesse essere la giusta collocazione di questo libro. Un quesito indecidibile oscillante tra queste differenti opzioni: metterlo in compagnia dei testi di viaggio oppure tra le biografie o, infine, nella libreria di casa che ospita i romanzi di avventure, quelli che mi hanno accompagnato negli anni dell'adolescenza ma anche successivamente. Un quesito appropriato: ma io, francamente, propenderei per lo sc

  • User Icon

    Gian Luca

    20/01/2003 00:24:52

    Malatesta ricostruisce la vita e le gesta belliche di un italiano sconosciuto ai molti, Abu Tabela, O’ Malommo ovvero il generale Avitabile, ancora una volta sfruttando doti riconosciute come la grande precisazione, la minuzia scientifica e la costante ricerca bibliografica. Nel descrivere questo diavolo di Agerola, lo scrittore ci presenta, tra le righe, il Pakistan e l’India del Nord del XIX secolo, le corti ricche e sfarzose asiatiche dove circolavano diamanti di inaudita bellezza, gli ufficiali napoleonici scappati dall’Europa e che qui trovarono fortuna e consenso grazie alle loro conoscenze di tattica militare, ci presenta esploratori inglesi di poca credibilità e torture terribili. Questo libro sembra la prosecuzione dell’opera migliore di Malatesta “Il cammello battriano”, alcuni passi sono addirittura identici, ma mancano qui tuttavia le sensazioni, gli odori, le immagini poetiche che il Taklamakan, il bacino del Tarim, la Via delle Seta e le ricerche archeologiche in quelle terre di assoluto fascino avevano suscitato in tutti i lettori del “Cammello”. Di piacevole lettura.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Stefano Malatesta Cover

    Si è laureato in scienze politiche a Roma, città nella quale è nato. Ha cominciato a viaggiare ancora molto giovane, e da allora non ha mai smesso. È stato, nel corso di una vita ricchissima di avvenimenti, viceamministratore di una piantagione di tè alle Seychelles (quando ancora queste isole erano una colonia inglese), documentarista di animali, cronista di nera, inviato di guerra. Per «La Repubblica» scrive da oltre venticinque anni critiche d’arte, recensioni di libri e commenti e soprattutto racconti di viaggio sempre sulle tracce di qualcosa o di qualcuno, riprendendo una certa tradizione del recit de voyage quasi scomparsa nei giornali italiani e oggi fin troppo praticata. Oltre alle prime guide alla natura in Italia, ha scritto L’armata... Approfondisci
Note legali