Napoli velata (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2017
Supporto: Blu-ray
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 16,34

€ 16,50
(-1%)

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,98 € Spese di spedizione

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,90 €)

"Arriva un momento in cui la vita ti si apre di nuovo…"

In una Napoli sospesa tra magia e sensualità, ragione e follia, un mistero avvolge l'esistenza di Adriana travolta da un amore improvviso e un delitto violento

Una sera ad una festa Adriana incrocia gli sguardi seducenti e provocatori di Andrea, un giovane attraente e sicuro di sé. Lei non riesce a sottrarsi a quella schermaglia sensuale e i due trascorrono così la notte insieme. Ma non sembra chiudersi tutto lì, si danno, infatti, appuntamento per il giorno dopo. In lei cresce rapidamente un sentimento più forte, forse l’inizio di un grande amore che potrebbe cambiarle la vita. La svolta arriva, ma diversamente da come si aspettava. La situazione precipita quando rimane coinvolta in un delitto che la trascina al centro di un’indagine dai contorni inquietanti. Uno scossone capace di minare ogni sua certezza. Involontariamente, senza possibilità di scampo, s’infila in un percorso dentro la più segreta zona d’ombra della propria personalità.

3,25
di 5
Totale 4
5
0
4
2
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco

    22/09/2019 12:09:19

    Dopo il penultimo lavoro Rosso Istanbul, Özpetek torna a girare in Italia e, ancora una volta, il titolo è un luogo aggettivato. Così, Napoli è velata come la Vergine, soleggiata eppure sulfurea, teatro di un Cluedo potenzialmente febbrile ma ridotto a solletico. Perché, nonostante le aspettative riposte in un soggetto intrigante, Napoli velata è un film sceneggiato male e diretto peggio. Quello che dovrebbe essere il ritmo incalzante di un thriller si incaglia nel melodrammatico. Non riesce a convincere nemmeno la performance attoriale del duo Mezzogiorno-Borghi, anzi si unisce alla coda di errori di regia. L’una arranca dietro al suo personaggio, l’altro ripropone la fortunata casistica di espressioni che gli hanno garantito un posto nell’empireo degli attori italiani, ma senza l’energia animalesca di un Vittorio (Non essere cattivo).

  • User Icon

    Marta

    28/12/2018 22:08:29

    Un capolavoro di intrighi e misteri con una bellissima Napoli che è protagonista e sfondo della storia allo stesso tempo.

  • User Icon

    Margherita

    23/09/2018 17:24:57

    Travolgente thriller di Ozpetek che segna il ritorno della bravissima Giovanna Mezzogiorno, che aveva lavorato con lui nel film "La Finestra Di Fronte". Una Napoli elegante ed intrigante come non mai, scenario di alcuni misteri da risolvere. Ottima anche l'interpretazione di Alessandro Borghi. . Colonna Sonora: Arisa. Versione Bluray perfetta

  • User Icon

    luca70

    20/09/2018 09:37:45

    Affascinato dalla sua storia e dalle sue mille sfaccettature, il regista Ferzan Ozpetek ambienta nella Napoli contemporanea il suo ultimo film, Napoli velata. Adriana (Giovanna Mezzogiorno), anatomopatologa figlia della borghesia napoletana, incontra Andrea (Alessandro Borghi) e ne subisce il fascino. Dopo una bollente notte di passione, la donna viene coinvolta nelle indagini per la risoluzione di un delitto all’interno di una città piena di misteri.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

Cupo come un mystery e debordante come un mélo, un film ambizioso che restituisce in maniera efficace l'incandescenza della passione

Trama

Adriana, anatomopatologo a disagio coi vivi, incontra Andrea, un giovane uomo che la seduce e la ama una notte intera, appassionatamente. Adriana è travolta, finalmente viva. Al risveglio gli sorride e dice sì al primo appuntamento. Ma Andrea a quel rendez-vous romantico non si presenta. È l'inizio di un'indagine poliziesca ed esistenziale che condurrà Adriana nel ventre di Napoli e di un passato, dove cova un rimosso luttuoso.

David di Donatello 2018: Migliore autore della fotografia: Gian Filippo Corticelli
Miglior scenografo: Deniz Gokturk Kobanbay, Ivana Gargiulo

  • Produzione: Warner Home Video, 2018
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 111 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS HD 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Ferzan Ozpetek Cover

    Regista e sceneggiatore; dal 1976 vive a Roma. Autore di numerosi film tra cui Il bagno turco (Hamam) - con cui esordisce -, Le fate ignoranti, La finestra di fronte, Cuore sacro, Saturno contro, Mine vaganti, Allacciate le cinture. Nel 2013 esce per Mondadori il libro Rosso Istanbul; nel 2015 esce Sei la mia vita. Approfondisci
  • Giovanna Mezzogiorno Cover

    Attrice italiana. Figlia di Vittorio M., dotata di bellezza magnetica e grande talento interpretativo, si forma alla scuola di P. Brook ed esordisce nel 1997 con Il viaggio della sposa di S. Rubini. Nel 1998 offre una straordinaria prova attoriale in Del perduto amore di M. Placido, in cui interpreta una maestra progressista che si scontra con la provincia meridionale negli anni ’50. Alterna commedie e film drammatici e si consacra definitivamente con Tutta la conoscenza del mondo (2001) di E. Puglielli, ma soprattutto con il successo del suo personaggio in L’ultimo bacio (2001) di G. Muccino. Nel 2002 F.?Ozpetek le affida l’intensa parte di una giovane moglie in crisi che si innamora del dirimpettaio in La finestra di fronte Nel 2003, dopo il ruolo di una giornalista rai trudicata dalle truppe... Approfondisci
  • Alessandro Borghi Cover

    È un attore italiano. Vincitore del Vanity Fair Stories Award 2018 per aver avuto il coraggio di calarsi nei panni di un personaggio difficile e controverso e averlo trasformato in un emblema capace di far scrivere al cinema una pagina di storia. Approfondisci
  • Anna Bonaiuto Cover

    Attrice italiana. Di origini napoletane, studia recitazione all'Accademia d'arte drammatica. Le sue doti interpretative, libere dai paludamenti della recitazione teatrale classica, sono presto apprezzate anche al cinema, fra gli altri, da L. Wertmüller che la fa esordire in Film d'amore e d'anarchia (1973) e, dopo altri dieci film in credibili ruoli di supporto, da P. Avati che la vuole protagonista di Fratelli e sorelle (1992). Lo stesso anno gira Morte di un matematico napoletano di M. Martone sotto la cui direzione nel 1995 tratteggia il suo ruolo migliore (con cui vince il Nastro d'argento e il David di Donatello): la Delia di L'amore molesto (dal romanzo di E. Ferrante), che nel ricostruire gli ultimi giorni di vita della madre ripercorre la propria esistenza fino alla fanciullezza. Lontana... Approfondisci
Note legali