La nave degli scomparsi. Magnus Chase e gli dèi di Asgard. Vol. 3

Rick Riordan

Editore: Mondadori
Collana: I Grandi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 5 dicembre 2017
Pagine: 444 p., Rilegato
  • EAN: 9788804683452

Età di lettura: Da 12 anni

56° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - Narrativa e storie vere - Fantasy e realismo magico

Disponibile anche in altri formati:

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    31/12/2017 19:43:55

    Non è facile dare un giudizio su questo libro. Per la prima volta sono felice che una delle saghe di Riordan sia finita. Di tutte le sue opere, la trilogia di Magnus Chase è sicuramente quella che mi piace meno. Il libro non è male, scritto in modo leggero: simpatico e in alcuni momento abbastanza intrigante. Infatti ho dato un voto abbastanza alto e generoso, come per i primi due. Una grande qualità dell’intera trilogia è l’ambientazione, l’atmosfera cupa e oscura che Riordan è riuscito a creare, perfetta per il mondo vichingo. Fin da “La spada del guerriero” sono rimasto colpito da villa Chase e, in quest’ultimo, ho trovato Niflheimr molto suggestiva. I personaggi, che soprattutto all’inizio ritenevo il punto debole della storia, vengono approfonditi e in parte migliorati. Anche se nel complesso il protagonista rimane fiacco e inoltre Alex toglie non poco spazio a Samirah, riducendo il ruolo di uno dei pochi personaggi interessanti della trilogia. Ho sempre attribuito alle opere di Riordan il grande merito si essere di essere istruttive, soprattutto per i giovani, dandogli le basi per capire i miti antichi. Ora mi sembra giusto sottolineare come la sua esposizione di tali miti non vada presa troppo alla lettera. Ad esempio per accedere al Valhala non occorreva morire impugnando un’arma con valore bensì morire con valore, con o senz’arma. E Kvasir non era proprio un dio. Ultimi i suoi libri sono sempre più saturi della sua ideologia, da cui derivano forzature a discapito della trama. Per esempio in più occasioni è ingiusto e imparziale nei confronti dei sudisti della Guerra di Secessione. E ho trovato senza senso tutto il rimpianto per l’uccisione dei 9 giganti schiavi, visto che comunque è apparso chiaro che fossero malvagi come i loro simili. E infine, tanto per essere chiari, Zeus e Odino non sono mai stati chiamati Re del Cosmo, bensì rispettivamente dell’Olimpo e di Asgard.

Scrivi una recensione