I nazisti della porta accanto. Come l'America divenne un porto sicuro per gli uomini di Hitler - Eric Lichtblau,Susanna Bourlot - ebook

I nazisti della porta accanto. Come l'America divenne un porto sicuro per gli uomini di Hitler

Eric Lichtblau

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Susanna Bourlot
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,26 MB
  • EAN: 9788833974132
Salvato in 12 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il Premio Pulitzer Eric Licthblau ci regala con questo libro l’acuta e sconvolgente ricostruzione di fatti che credevamo di conoscere, ma che nessuno prima di lui aveva raccontato nei particolari.

È ampiamente noto che dopo il crollo del Terzo Reich migliaia di gerarchi nazisti trovarono rifugio in Sudamerica. Criminali di guerra come Mengele, Eichmann, Priebke, Barbie e numerosi altri fuggirono indisturbati, avvalendosi dell’assistenza di una misteriosa ed efficiente organizzazione, nome in codice Odessa. Si sospettava che dopo la guerra molte centinaia di nazisti si fossero insediati indisturbati anche negli Stati Uniti. Incredibilmente, molti di loro, benché riconosciuti come criminali di guerra, furono reclutati dall’FBI e dalla CIA e utilizzati come informatori negli anni della Guerra fredda. Secondo quanto contenuto nei documenti che Lichtblau ha potuto esaminare dopo la loro desecretazione, le autorità dell’FBI e della CIA erano convinte che la collaborazione dei nazisti «moderati» potesse risultare utile per la sicurezza degli Stati Uniti. Fu così che per molti anni, protetti dalla passività e dall’acquiescenza delle agenzie americane, personaggi come Ivan Demjanuk, meglio noto ai sopravvissuti del campo di concentramento di Sobibor come Ivan il Terribile, Otto von Bolschwing, già ufficiale delle SS e stretto collaboratore di Adolf Eichmann, Jakob Reimer, noto per aver partecipato alla «liquidazione» del ghetto di Varsavia, e numerosi altri nazisti, vissero indisturbati negli Stati Uniti in quanto «meritevoli di protezione».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Jonny

    04/03/2016 09:48:31

    Sono sincero..ho scelto questo libro attratto dalla copertina (cosa che non si dovrebbe mai fare!). Pensavo fosse un romanzo invece mi sono imbattuto in un testo ricco di storia ed avvenimenti che solo in parte avevo sentito, ma che spesso avevo ignorato. Libro stupendo che tiene incollato dalla prima all'ultima pagina. Consiglio vivamente la lettura!

  • User Icon

    claudio

    19/01/2016 07:46:53

    Argomento tabù per anni il salvataggio di criminali nazisti da parte degli americani. Con il solo alibi dell'anticomunismo, della guerra fredda. In questo modo almeno diecimila nazisti, fra i quali personaggi di spicco e non solo piccole guardie dei campi di sterminio, riuscirono ad ottenere la cittadinanza americana, protetti ora dalla Cia, ora dall'Fbi, ora da entrambe.

  • User Icon

    Anders McVeigh

    23/12/2015 02:32:03

    Opera bene scritta e fondamentale per fare luce sul legame occulto fra USA e nazionalsocialismo. Per approfondire ulteriormente l'argomento, consiglio anche l'opera "Operazione Paperclip" di Annie Jacobsen.

Note legali