Recensioni Né di Eva né di Adamo

  • User Icon
    02/05/2020 14:52:29

    Breve ma ricco di emozioni e sentimento. Un perfetto riassunto dell'essere giapponesi, una perfetta storia romantica di cui innamorarsi. Non un capolavoro, ma sicuramente un libro gradevole

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/10/2019 07:34:51

    uno dei libri più autobiografici dell'autrice belga, un ritorno al Giappone dov'è cresciuta e dove si scontra con il modo di vivere e pensare, attraverso un lavoro e una storia d'amore, di un paese così diverso dalla sua europa. bello vivace e a suo modo profondo

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/03/2019 21:37:03

    Storia d'amore che nasce per caso tra l'autrice/protagonista e un giovane giapponese che vuole imparare il francese. Ci sono tutti gli ingredienti affinché la storia rimanga impressa nei cuori dei lettori: l' incontro di due diverse culture, l'incomprensione dei genitori di lui, la spensieratezza della giovinezza che si affaccia all'età adulta, ed inoltre è basato su una storia vera. Godetevi questo libro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/03/2019 18:58:43

    Ho letto questo libro dopo aver visto il film che ne è stato tratto e che mi era piaciuto molto. L'autrice racconta in prima persona l'esperienza vissuta a Tokyo durante gli anni della sua giovinezza ( la storia si colloca prima di quella raccontata in " Stupore e tremori") e il rapporto d' amicizia/ amore che la lega a Rinri, inizialmente solo un suo studente. La Nothomb racconta bene il difficile percorso che conduce alla crescita e alla maturazione, nonché le difficoltà d' integrazione di una straniera nella terra del Sol Levante. Dalle sue righe trapela tutto l'amore verso questo magnifico paese, la sua natura, i suoi misteri ed i suoi abitanti. Davvero consigliato a chi ama il Giappone ed è curioso di avere uno spaccato privo di pregiudizi su questa affascinante società!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/02/2018 17:11:05

    Piacevole da leggere, leggero ma non superficiale. Interessante per conoscere la cultura, il modo di vivere, la mentalità, le persone giapponesi. E’ molto esplicativa, viva, efficace la scrittura, il lettore non è un osservatore esterno ma, nel corso della narrazione, diventa una presenza accanto ai protagonisti. E’ un modo simpatico e accattivante quello con cui l’autrice ci accosta al Giappone e ai Giapponesi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/07/2016 12:08:08

    Ho comprato questo libro perché, per caso, ho visto il film (che - a parte il finale - è abbastanza fedele allo spirito del libro), ma l'ho letto dopo Stupore e Tremori, che è di precedente pubblicazione, anche se i fatti narrati nei due libri sono contemporanei. La vicenda è autobiografica, una storia d'amore sui generis, con un uomo e con un paese. Racconto privo di romanticismo ma vivido nella rappresentazione delle sfumature emotive. Mi è piaciuto molto lo stile della Nothomb nel descrivere fatti e sensazioni e ho adorato il suo geniale uso del linguaggio. Mi sto scoprendo fan della Nothomb.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    27/06/2014 22:33:36

    Dopo Stupori e tremori, questo è il secondo libro della Nothom che leggo. Anche questa storia è ambientata in Giappone e il racconto è autobiografico. Ne emerge una descrizione dell'autrice abbastanza particolare, una personalità forte e curiosa, tradizionale ma aperta al nuovo. Ma soprattutto, ciò che più emerge è una descrizione del Giappone e dei suoi abitanti piuttosto "particolare", articolata e curiosa. L'ho letto con molto piacere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/09/2013 16:37:28

    Amo molto questa autrice perché ci avvicina, in maniera leggera, ironica, scanzonata ed intelligente ad un mondo, il Giappone, veramente così diverso e lontano dal nostro. Non siamo ai livelli di "Stupore e Tremori" (consigliatissimo e molto divertente), ma "Né di Eva né di Adamo" è comunque molto molto piacevole e chiunque abbia avuto una storia d'amore con "uno straniero", sicuramente si ritroverà in certe dinamiche. Già che si parla della Nothomb: "l'igiene dell'assassino" da leggere assolutamente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/08/2013 11:19:00

    Appena ho finito di leggerlo l'ho ricominciato, dolce, intelligente, onesto, colto Molto colto Non aver capito i riferimenti culturali non può essere un difetto del libro, ma del lettore, e comunque grazie a internet si può suppplire, prendere nota, informarsi, imparare. Brava Amelie, sempre piu brava

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/08/2013 08:09:28

    Una Nothombe irriconoscibile, sciatta e banale. Rileggerò l'Igiene dell'Assassino per ritrovare l'autrice che amo e seguo con attenzione da molto tempo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/05/2013 10:10:03

    Sapevo che la Nothomb mi sarebbe piaciuta, me lo sentivo. E questo libro me l'ha confermato: grande raffinatezza stilistica, originalità, ironia, scorrevolezza, poesia e tanto sentimento. E' possibile raccontare una NON storia d'amore tra un uomo e una donna? Amelie lo dimostra e con pura maestria. Il Giappone non fa solo da sfondo, fa parte dell'anima della scrittrice.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/10/2012 21:54:40

    e' un linguaggio ricco eppure semplice quello di A.Nothomb; a volte si dilunga in descrizioni comparative per glorificare il Giappone tanto desiderato, ma lo fa con espressioni preziose, riuscendo ad eternarlo come Cosa Perfetta. Allo stesso modo ama e abbandona Rinri: per cristallizzare la bellezza dell'amore vissuto. Bello e furbo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/10/2012 16:49:32

    In "Nè di Eva nè di Adamo" Amelie ci parla della sua storia d'amore con Rinri, un ragazzo giapponese, conosciuto proprio mentre lavorava in Giappone come insegnante di francese. Niente sentimentalismi, smancerie o frasi da Baci Perugina, no. Non con Amelie Nothomb. Perfino dire "amore" potrebbe sembrare una parola grossa in questo libro. I contenuti sono molto più semplici e al tempo stesso profondi: viaggi, nuove esperienze e conoscenze, chiacchiere, parole, confusione, fraintendimenti, risate e comicità. Ciascuno dei due insegnerà e imparerà cose nuove. Tutto questo è sufficiente per avere una storia con una persona, che si tratti di amore, amicizia o fratellanza. Perchè sono tutti questi sentimenti insieme a legare Rinri e Amelie, in questa piccola reale storia ambientata nell'amatissima terra natale dell'autrice. Questo romanzo mi è piaciuto e non mi è piaciuto. Piaciuto perchè rivela tantissimi aspetti della vita e della personalità di questa donna che io venero (facendomi anche comprendere quanto uno scrittore e i suoi libri possano essere tanto simili quanto dissimili tra loro), soprendendomi ad ogni singola riga, svelando l'inaspettato, scelte intraprese e gusti personali su cui si può essere concordi o meno. Non mi è piaciuto, invece, per come è stato scritto: eventi e viaggi scritti a mo'di elenco telefonico (e non nascondo che mi è stato un po'difficile ricordare alcune cose appena lette) con un'inspiegabile alternanza di descrizioni scarne o infinite che annoiano leggermente e fanno perdere gran parte della scorrevolezza del romanzo, con paragoni culturali che spesso non ho capito.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/07/2011 11:55:05

    A.Nothomb è sicuramente une delle scrittrice migliore, una mente acuta e spiritosa.Affronta temi seri con uno spirito leggero e ciò lo rende molto piacevole al lettore.Questo libro rispecchia tutto ma più che un libro, la vedo come una manciata di ricordi, visioni, odori, sensazioni.Se non lo avesse scritto lei, non so se lo avrei finito.Ma cmq, molto meglio che un Baricco o Ammaniti per sotto l'ombrellone.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/05/2010 18:12:40

    Amelie Nothomb torna furbescamente agli aneddoti della sua vita giapponese, che tanto avevano attirato i lettori di "stupore e tremori" ma anche di "metafisica dei tubi". Il racconto è piacevole e spazia con grande abilità tra la dimensione intima dei personaggi e l'ambientazione fascinosa di Tokyo. Il libro è autobiografico e forse per questo molto vivido nelle esperienze umane che racconta, sino ad arrivare ad un finale che però commuove e lascia un piacevole ricordo di sè. Quando la Nothomb pesca nel semplice e nel lineare, paradossalmente fa molto più centro rispetto ai suoi consueti esperimenti di provocazione retorica.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/04/2010 10:14:38

    Ho appena finito di leggere Né di Eva né di Adamo di Amélie Nothomb…avevo già letto due romanzi di questa scrittrice, e mi erano piaciuto molto entrambi…questo, più che un romanzo, è una sorta di guida personale del Giappone…probabilmente per apprezzarlo al 100% andrebbe letto dopo aver visitato il paese nipponico…

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/03/2010 22:46:13

    felice di alzare la media. davvero bello.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/05/2009 11:23:49

    E' il terzo libro della Nothomb che leggo e ne sono affascinata. La scrittura ironica e il modo apparentemente leggero di raccontare ne fanno una scrittrice unica. E' riuscita a parlarci del Giappone andando molto oltre i luoghi comuni e cogliendone quegli aspetti poetici di cui poco si parla.Essendo stata in Giappone ho potuto condividere molte sue osservazioni, il giudizio su Hiroshima ad es, la bellezza dei paesaggi e la bizzarria dei giapponesi,il rispetto e la delicatezza nei rapporti con la gente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2009 13:22:56

    Delicato, incantevole, bellissimo come un volo di farfalle... emozionante!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    01/04/2009 10:02:33

    mi ha ubriacato di magia..

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/12/2008 12:00:19

    Voto alto perchè è stato un libro che mi ha emozionato molto. è un libro che tratta molti temi, vicini alla scrittrice e vicini al lettore. Gran bel libro, sorprendente il modo di scrivere di Amelie, come sempre d'altronde. Consiglio per chi non l'avesse ancora letto ed indeciso a comprarlo: soldi spesi bene!!!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/06/2008 22:44:01

    Il libro è carino, e l'autrice ha un modo di scrivere simpatico, tuttavia non lo ritengo particolarmente bello o significativo da giustificare un voto alto. Non mi dispiace averlo letto, ma pensavo che sarebbe stata una lettura un poco più "importante". Voto medio, quindi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/05/2008 17:50:15

    Non è molto tempo che conosco Amelie..ho iniziato a leggere i suoi libri mentre mio fratello era in giappone.. ed è stato subito Amore! Amelie ha questa capacità straordinaria di usare le parole..il suo linguaggio è coinvolgente, tagliente, ironico.."Ne di Eva ne di Adamo" è un viaggio indimenticabile nei ricordi..... una fuga verso la libertà!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    01/05/2008 21:30:20

    Ho letto in precedenza "La metafisica dei tubi" e quel libro mi è piaciuto moltissimo! Questo è uguale (anche l'episodio in cui rischia di morire è uguale tranne l'ambientazione)solamente che, questa volta, non essendoci più la novità né della scrittura della Notombe né degli argomenti trattati, rimane un libro piacevole da leggere sotto l'ombrellone!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/04/2008 10:58:24

    E' il primo libro della notomb che leggo e mi è piaciuto da morire. Ha una maniera tutta sua di non subire il momento tragico dell'imbarazzo. Una buona finalmente! Ho già acquistato Sabotaggio d'amore e la metafisica dei tubi, ma se volete potete consigliarmi da dove iniziare...

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/04/2008 08:59:25

    Fame. Fame di libri della Nothomb. E' quello che provo ogni volta che leggo un suo libro. Dopo "biografia della fame" e dopo "Tremori e stupori" questo suo libro narra ulteriori pezzi della sua vita, con quello stile che al momento non ho trovato in nessun altro libro. Da ogni pagina si potrebbe trarre una citazione. Un romanzo regala una trama. Un libro della Nothomb regala una storia e un accostamento di parole che gia' da sole sono un opera d'arte da ammirare e gustare. Probabilmente un plauso va anche a Monica Capuani che ha l'onere e l'onore di tradurre con parole italiane gli scritti di questa autrice.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/03/2008 08:09:28

    Amelie Nothomb torna in Giappone e lo fa raccontando l'altro risvolto della sua vita, lasciato in sospeso e solo vagamente accennato in "Stupori e Tremori". Questa volta non sono le sue tragi-comiche vicende di impiegata straniera in un'azienda giapponese ad essere narrate, ma una comune e consueta storia d'amore che ha il vago sapore di Hiroshima mon amour( per giunta anche citato nel romanzo) ma con quel piglio ironico che solo la Nothomb riesce a dare. Quando si raccontano storie d'amore di solito si cerca, per una forma di par condicio amorosa, di guardare alla relazione da ambo le parti, cercando di integrare la prospettiva di entrambi che spesso sembra trovarsi agli antipodi. In questo romanzo Nothomb è oltremodo ma simpaticamente di parte, faziosissima.Non le importa di immedesimarsi nella sua controparte, nei suoi desideri.La sua è sempre e soltanto la prospettiva di donna e di occidentale;la centralità di Nothomb, donna occidentale che vive una relazione con un uomo del Sol Levante.Da una parte lei che vive qualcosa che sente come importante ma non è amore dall'altro una figura in ombra le cui sensazioni e i cui pensieri possono essere sondati solo attraverso supposizioni ma che la narratrice non racconta.In altri contesti questa polarizzazione così marcata mi avrebbe infastidito ma nel romanzo della Nothomb proprio questa dicotomia le permette un afflato sincero, una descrizione schietta e semplice della propria esperienza.Dietro, nessun logorroico cogitare sulla contraddittorietà dell'amore,nessuna lungaggine sugli stadi alterni di una relazione.Un romanzo che si legge come la pagina di un diario o il tema di un adolescente ma non in senso spregiativo,anzi.La Nothomb riesce a toccare il cuore e l'intelletto con una scrittura e una concettualizzazione semplice e piana e questo è semplicemente grandioso.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/03/2008 12:28:31

    eccezionale!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    29/02/2008 17:13:13

    Sempre sorprendente la nostra cara Amélie!

    Leggi di più Riduci