Nel labirinto degli Dei

Antonio Ingroia

Editore: Il Saggiatore
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 460,2 KB
  • Pagine della versione a stampa: 181 p.
    • EAN: 9788865760697
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 6,99

    Venduto e spedito da IBS

    7 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Con Giovanni Falcone, insieme al quale inizia il suo tirocinio in magistratura, Antonio Ingroia incontra il primo segno del suo destino futuro. Subito dopo, a Marsala, si troverà accanto a un altro giudice: Paolo Borsellino. Falcone e Borsellino, i precursori.Con loro muove i primi passi: li affianca negli interrogatori, li osserva, ne studia i gesti e le parole, ne ricava una lezione risolutiva di impegno professionale e di passione civile. Poi le stragi di Capaci e di via D’Amelio.Da sostituto procuratore a Palermo, Ingroia diventa un protagonista della lotta a Cosa Nostra. Si inoltra nei luoghi in cui per antica tradizione, o per dannazione, lo scempio della giustizia e del diritto avviene con la violenza più sistematica. Penetra nei misteri dei delitti, delle stragi e delle connivenze, nella rete delle relazioni tra società criminale, società legale e poteri istituzionali. Inizia il suo cammino nel Labirinto degli dèi, raccontato in questo libro. Questo non è un libro di storia, ma di storie. Storie che narrano fatti, esperienze, avvenimenti di vita, personale e pubblica. Un esercizio della memoria, compiuto insieme ai lettori, alla ricerca di una comune via di uscita dal labirinto, dove un minotauro asserragliato pretende di resistere a oltranza a un principio elementare: la legge è uguale per tutti.Antonio Ingroia (1950) è uno dei più autorevoli magistrati antimafia italiani. Pubblico ministero alla Procura di Palermo, ha ereditato il ruolo che fu di Falcone e Borsellino. Ha indagato su alcune delle più importanti vicende della storia repubblicana tra cui gli omicidi dei giornalisti Mauro De Mauro e Mauro Rostagno, le stragi mafiose al di fuori della Sicilia e il presunto connubio tra criminalità organizzata, imprenditoria e politica che vede coinvolto Marcello Dell’Utri.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Flavio

      03/10/2011 21:08:56

      Bellissimo libro. Scritto in maniera semplice, scorrevole e diretta da uno dei magistrati in prima linea contro la mafia. Lo Stato dovrebbe valorizzare queste figure, farne degli esempi, aiutarli in ogni modo, e invece finisce sempre per rendergli il lavoro più difficile e oscuro, come si evince dai bellissimi racconti del Dott. Ingroia. Bellissimo il capitolo "Un giorno a Palazzo Chigi", ci fa capire veramente a chi siamo in mano.

    • User Icon

      Stefania

      06/06/2011 13:12:10

      Un bellissimo libro questo di Antonio Ingroia, soprattutto perché mi è parso il libro di un uomo che di mestiere fa il magistrato. Mi ha regalato alcune istantanee che non dimenticherò, come il ritratto tenero e contratto di Rita Atria; il ricordo di Paolo Borsellino con tutta la sua carica umana (l'amore di Ingroia per quest'uomo traspare da ogni parola, persino da ogni virgola che ha scritto); l'immagine di un potere distante, dove il rito di un'udienza processuale è sembrata trasformarsi ai miei occhi in un ricevimento alla corte di un re feudale, e la distanza e il silenzio intimidiscono e allontanano il potente, fino a renderlo quasi di un altro mondo; e infine l'istantanea di un bambino, il figlio maggiore del pm di Palermo, che mi immagino con i pantaloncini corti sorretti dalle bretelle impettito al fianco di un soldato di poco più vecchio di lui, fiero di fare la guardia al suo papà.

    • User Icon

      Stefano Facci

      25/02/2011 10:38:30

      Un racconto autobiografico che spazia fra le tante situazioni che ha vissuto questo degno servitore dello stato. Racconti che trasmettono la sensazione di appartenere ancora ad uno stato in cui c'è gente onesta e pronta a migliorare le cose. Peccato che il dottor Ingroia abbia poco tempo per scrivere, perchè ha dimostrato una certa abilità a catturare il lettore e a trasmettere emozioni. Speriamo ce ne siano molti altri di libri così.

    • User Icon

      RAMON

      15/12/2010 12:49:24

      Letto in 3 giorni. Scorrevole. Semplice. Umano. Bellissimo il racconto della "visita" a Palazzo Chigi che racchiude, in poche pagine, la realtà avvilente nella quale opera la magistratura sana. Forza Ingroia, non arrenderti.

    • User Icon

      Beatrice Zanetti

      29/11/2010 18:16:07

      Antonio Ingroia è una delle voce più autorevoli dell'antimafia italiana. Leggere delle esperienze personali di quest'uomo nel contesto delle Procure ci fa capire ed apprezzare il valore dei Magistrati che lottano controcorrente in uno Stato che non è più degno di loro. La politica ha avvelenato valori e verità. La mafia si è solo adattata. Un libro da leggere, come il precedente sulle intercettazioni, e da tenere sempre presente...perchè qualcuno, prima o poi, dovrà un sacco di scuse...La mia speranza è che segua un bel "tomo" sul processo Dell'Utri!

    Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione