Uno, nessuno e centomila

Luigi Pirandello

Curatore: M. Guglielminetti
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 maggio 2016
Pagine: XXXIX-163 p., Brossura
  • EAN: 9788804668008

73° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione

Guardandosi come ogni mattina allo specchio, Vitangelo Moscarda, detto Gengè, nota un particolare del proprio volto di cui non si è mai accorto: il naso in pendenza verso destra. Inizia qui l'avventura dell'uomo, che si sente sdoppiato in un altro se stesso, conosciuto solo dallo sguardo altrui. Le cose si complicano velocemente: Moscarda non è più alle prese con un solo estraneo, bensì con centomila estranei che convivono in lui, secondo la realtà che gli altri gli danno, "ciascuno a suo modo". Nello sfuggire alle proprie centomila realtà, Gengè si troverà a rinnegare perfino se stesso. Con "Uno, nessuno e centomila", il suo ultimo romanzo (pubblicato nel 1925), lo scrittore siciliano porta all'estremo compimento il processo di scomposizione del personaggio, raggiungendo nel contempo il vertice della sua carriera narrativa...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto

    03/11/2017 16:11:46

    Questo libro racconta di Vitangelo Moscarda,chiamato Gengè,che guardandosi come ogni mattina allo specchio,nota un particolare di cui non si è mai accorto: il naso pende verso destra.Improvvisamente si sente sdoppiato in un altro se stesso,conosciuto solo dallo sguardo altrui.Le cose poi si complicano:Moscarda non è più alle prese con un solo estraneo,bensì con centomila estranei che convivono in lui,secondo la realtà,Gengè si troverà a rinnegare perfino se stesso.Con questo romanzo,Pirandello porta all'estremo il processo di scomposizione del personaggio caratteristico della sua narrativa.Leggendo "Uno,nessuno e centomila",ho trovato molti passi in cui si rispecchia il mio modo di essere,ho imparato a conoscere me stesso in un modo diverso,sono riuscito a comprendere realmente la mia psiche.Attraverso questo libro l'autore descrive la tipica mentalità siciliana,e in particolare quella agrigentina.Io consiglio questo libro a tutti coloro che hanno voglia di conoscere se stessi realmente.

  • User Icon

    Enzo

    22/06/2017 18:33:36

    Libro meraviglioso

  • User Icon

    paolo

    16/02/2016 09:11:48

    Come morire estraniandosi dalla natura nel cui contesto bisogna vivere x non morire.Bisogna rinunciare a tutte le maschere che la societa' civile ci impone x poter vivere in maniera mistica dentro la natura.

  • User Icon

    Fulkiegaard

    23/05/2006 23:41:51

    Ben condotto...come solo luigi pirandello sa fare....la cosa più bella di questo libro è indubbiamente l'ultima pagina e mezzo con cui pirandello in maniera post-moderna risolve il problema della morte: non sconfiggendola o accettandola, ma vivendo, perchè vivere è andare avanti senza fermarsi a pensare e confondersi con tutto ciò che intorno a noi vive insieme anoi..il mondo va vissuto facendone parte e non cercando di darci una maschera per differenziarci da ogni altro essere vivente, perchè questo significherebbe, secondo la concezione pirandelliana, MORIRE.. libro da avere nel proprio bagaglio intellettuale

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione