Categorie

Francesco Fistetti

Traduttore: A. D'Acconti
Editore: Dedalo
Anno edizione: 1985
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788822038098

scheda di Guidi, M., L'Indice 1985, n. 6

Molti interpreti avevano già pensato che la posizione di Otto Neurath all'interno del Circolo di Vienna fosse eccentrica. Fistetti si spinge oltre: l'immagine di Neurath che emerge dalle pagine di questo libro è quella di una temibile "quinta colonna" in seno al neopositivismo logico, di un filosofo che combatte dall'interno le tendenze dogmatiche dell'empirismo e apre così la strada alla nuova filosofia della scienza radicalmente antiempirista. In questa luce, non solo Neurath diventa il padre putativo di Quine, di Kuhn e di Feyerabend, ma questi ultimi si limitano a variare temi già compiutamente espressi da Neurath. Pluralista e pragmatico, critico del realismo e di qualsiasi filosofia dei fondamenti, Neurath anticipa atteggiamenti epistemologici che oggi chiameremmo "deboli", lancia un ponte che passa per il secondo Wittgenstein e arriva lontano, fino all'ermeneutica contemporanea.
Più interpretazione che ricostruzione, il libro privilegia alcuni aspetti del pensiero di Neurath a scapito di altri. In particolare, sembra che il fisicalismo e il suo linguaggio entrino a fatica nella proposta di Fistetti, che peraltro viene rafforzata dalla lettura della lunga e critica recensione di Neurath alla "Logica della scoperta scientifica" di Popper, pubblicata in appendice.