The New Daughter (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Luis Berdejo
Paese: Stati Uniti
Anno: 2009
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un padre, di professione scrittore, recentemente divorziato, sceglie di spostarsi in una cittadina rurale del South Carolina per cercare di dimenticare la vecchia relazione e ripartire. Con lui i suoi due figli, il giovane Sam e Louisa. La ragazza inizia ad avere dei disturbi comportamentali, lontani dai normali problemi legati all'adolescenza...Disturbi di cui non si riesce a comprendere l'origine...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,25
di 5
Totale 4
5
0
4
0
3
2
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MoviesAddicted

    11/09/2016 12:47:23

    Concordo pienamente con Hannibal: questo film è più un thriller con venature horror. Sono rimasta generalmente soddisfatta dalla trama e dalla recitazione degli attori, anche se piuttosto deludente è il finale e il fatto che abbiano inserito personaggi inutili e quasi dannosi come la maestra e il professore esperto di tumuli indiani. Consiglio agli amanti del genere di guardare "Nascosto nel buio" (2005), con un finale meglio sviluppato e decisamente soddisfacente.

  • User Icon

    marco

    21/10/2012 17:58:03

    il film non sarebbe male, un horror abbastanza interessante, con un discreto Costner e una buona Baquero (già apprezzata ne "il labirinto del fauno")...il motivo del mio voto sta nel finale, bruttissimo, ha completamento rovinato un film piuttosto piacevole... nel complesso, non lo consiglio

  • User Icon

    Hannibal

    15/03/2012 23:52:49

    Prima di dare un giudizio su questo film, è opportuno operare una precisazione su cosa si intenda con horror: secondo alcuni un film appartenente a questo genere è quello che, specie nell' accezione moderna, presenta scene sadiche e truculente, con una trama che rappresenta un pretesto per inscenare terribili ed angosciose circostanze; Per i più tradizionalisti, un film del terrore è quello che narra di creature appartenenti al mondo del sovrannaturale, esseri diabolicamente crudeli e pronti a tutto pur di soddisfare i loro sanguinari desideri; esistono infine, anche se in misura sempre minore, coloro i quali credono che i lungometraggi horror siano tali solo se fonti di tensione, suspence e ansia, che per questa ragione sfociano spesso nel genere del thriller. In definitiva, secondo il mio parere, questa opera è una commistione fra il secondo ed il terzo genere, anche se forse propende alquanto per l' ultima categoria. L' idea di base, che trae la sua ispirazione, pur se alla lontana, da un videogioco per PC, Scratches, almeno a mio avviso, non è affatto malvagia, anche se non viene sviluppata in modo compiuto: il regista si è infatti eccessivamente dilungato, nella prima parte del film, a dipingere una fosca ed inquietante atmosfera, che getta basi per un promettente sviluppo che in definitiva trova il suo concretizzarsi negli ultimi, convulsi minuti di visione, oltremodo esigui rispetto alle aspettative. Tuttavia non credo sia un' opera da scartare: nonostante la presenza di un finale troppo frettoloso e di una trama non esattamente scontata ma in larga parte prevedibile, l' opera mantiene alta l' attenzione dello spettatore, inducendo in questo un forte coinvolgimento dettato dalla paura. Ho deciso di assegnare come voto 3/5 per l' originalità della tematica e per l' inquietudine che è in grado di suscitare. Consigliato agli amanti della categoria tre, agli altri non posso fare altro che sconsigliarlo.

  • User Icon

    Dave

    12/01/2012 01:12:25

    Spero che Kevin Costner abbia accettato di fare questo film solo per il compenso, perchè buttarsi via così per una sceneggiatura simile è assurdo. Assurdo. L'unica cosa di valore di questo film è proprio Costner (ma non la sua interpretazione, questa volta). Se l'attore principale fosse stato Pino La Trippa, sarebbe stato un film di serie Z. O c'è un'altra lettera dopo la Z?

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Produzione: 01 Home Entertainment, 2020
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 102 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Kevin Costner Cover

    Propr. K. Michael C., attore e regista statunitense. Figlio di un operaio delle linee elettriche californiane, rivela fin da ragazzo una personalità irrequieta, dedicandosi allo sport e contemporaneamente scrivendo poesie e cantando in un coro. Frequenta la California State University di Fulleton, dove consegue una laurea in economia, e inizia a lavorare nel marketing. L'incontro casuale con R. Burton lo convince a cambiare vita e a trasferirsi a Hollywood per tentare la strada del cinema. Ottiene qualche piccolo ruolo fino a quando L. Kasdan gli affida la parte dell'amico scomparso in Il grande freddo (1983), che tuttavia viene tagliata in fase di montaggio. Due anni dopo Kasdan lo include nel cast di Silverado (1985) e quasi contemporaneamente K. Reynolds lo chiama per il suo lungometraggio... Approfondisci
Note legali