Categorie

Andrea Camilleri

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
Pagine: 171 p. , Brossura
  • EAN: 9788804661870

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuly

    25/11/2016 07.14.52

    Non amando Montalbano non avevo mai letto Camilleri; questo l'ho ricevuto in omaggio, e ho avuto conferma di quanto già supponevo: non fa per me! Non lo definirei brutto, ma piuttosto insignificante: mi ha lasciata del tutto indifferente.

  • User Icon

    luciano

    03/10/2016 18.09.13

    Bravo quando scrive i gialli di Montalbano; artificioso e stucchevole quando scrive raccontini come questo. Evitare di buttar via denaro!

  • User Icon

    ANNA MORELLI

    21/08/2016 12.12.06

    Il Camilleri di questo romanzo è davvero pirandelliano e non a caso entrambi gli scrittori sono accomunati dalle stesse origini siciliane. I riferimenti a "Uno nessuno centomila" od anche "Così è, se vi pare" sono più che evidenti: ognuno di noi mostra al prossimo un profilo personale diverso fino a proporsi diamante dalle mille sfaccettature. Ottimo anche lo stile adoperato per la stesura (dialoghi semplici ma d'effetto, epistolari che oscillano dall'arte ai sentimenti attraversando situazioni di sesso). Questo nuovo Camilleri, che ogni tanto "dimentica" Montalbano, mi piace moltissimo. Lo conobbi la prima volta grazie a "Un sabato con gli amici" ed in seguito a "Il tuttomio", "Il tailleur grigio". Ed è sempre una gioia ritrovarlo.

  • User Icon

    Donatella

    27/06/2016 12.42.05

    Anche i Grandi non scrivono sempre capolavori..! Struttura unicamente dialogica, riferimenti colti ad effetto, trama piatta di ambientazione radical chic, finale banale. Meno male che l'ho prso in prestito dalla biblioteca senza spenderci un euro.

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    28/04/2016 10.22.51

    Con quel susseguirsi di scarni colloqui , Camilleri riesce a dare un ritmo incalzante ad una storia apparentemente collocabile nella sfera psico-drammatica . Laura e Mattia,inoltre, possono apparire fuori dalla realtà ,ma forse lo sono meno di quanto si pensi . Mescolando psiche, arte, indagine, letteratura ,Camilleri ha costruito uno dei suoi migliori lavori, tenendo fuori dal racconto solo l'ironia che caratterizza molte delle sue opere e che qui avrebbe decisamente stonato.

  • User Icon

    raffaella

    23/02/2016 10.53.50

    mha.... sono sempre del parere che se Camilleri non scrive Montalbano...non da il massimo di se stesso..già il fatto di non utilizzare il dialetto siciliano..lascia un non so che..il libro si lascia leggere, ma non è un capolavoro

  • User Icon

    Sergio27

    11/02/2016 12.03.39

    Non posso dare né il voto massimo, né quello minimo. Sta a metà, in un limbo intermedio. La qualità della scrittura è alta, come sempre. La qualità della storia un po' meno (specie se lo confrontiamo con titoli come La concessione del telefono o La scomparsa di Patò). I libri "italiani" di Camilleri sono meno viscerali, meno densi e intesi. Però sempre validi. E la lettura con Camilleri diventa quasi una droga!

  • User Icon

    Alessandro

    08/02/2016 08.52.19

    Solo dialoghi ( oltretutto pure scarni ),caratterizzazione degli personaggi nulla,nessuna corsa contro il tempo per ritrovare la persona scomparsa dal nulla e all apparenza in modo inspiegabile. Libro piatto....e

  • User Icon

    giorgio g

    06/02/2016 09.13.34

    È sempre un piacere leggere Camilleri anche quando abbandona il linguaggio italo-siculo di cui ha fatto un "marchio di fabbrica" per votarsi ad un italiano ineccepibile. La storia della sparizione di Laura Garaudo, bellissima e tormentata eroina del racconto e della conseguente indagine del Commissario Luca Maurizio è ben congegnata e piacevole da leggere sino alla scoperta finale che, come si suole dire, "spariglia le carte". Anche i personaggi di contorno sono ben delineati (imperdibili il Questore che ricorda il personaggio che tortura Montalbano e la colf Filippa De Gregorio che parla un simpatico romanesco). Insomma sono due ore ben spese, anche se sulla spesa per acquistare il libro (17 euro) ci sarebbe da muovere qualche riserva.

  • User Icon

    Lina

    22/01/2016 19.55.13

    scarni capitoletti fatti di soli dialoghi (per lo più banali domande e risposte) tra il commissario che indaga sulla donna scomparsa e le persone che la conoscono. non c'è ambientazione, non ci sono le caratterizzazioni dei personaggi, non c'è tensione narrativa. insomma, come vuole il titolo questo romanzo NON TANGE, non tocca nessuna corda e nessun interesse. e con 17 euro c'è in giro ben altra letteratura da leggere!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione