Noli me tangere - Andrea Camilleri - copertina

Noli me tangere

Andrea Camilleri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 19 gennaio 2016
Pagine: 171 p., Brossura
  • EAN: 9788804661870
Salvato in 53 liste dei desideri

€ 9,18

€ 17,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Andrea Camilleri dà vita a una pièce affilata e appassionante, che con le potentissime armi dell'arte – dal Beato Angelico e Tiziano fino ai versi di Dino Campana e a Cocktail Party di T.S. Eliot – indaga il fascino e il tormento di una donna.

Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un'esperta storica dell'arte. È capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, quando lo desidera, senza farsi travolgere dal senso di colpa. È generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d'ombra. «Ho il ghibli» dice, secondo l'immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l'ha conosciuta, il commissario Maurizi – uomo colto e fine indagatore dell'animo umano – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto... proprio come nel movimento dei corpi al centro dell'affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, non toccarmi. Queste pagine sono costruite con la sapienza di un pittore che, pennellata dopo pennellata, svela le luci e le ombre di un panneggio finissimo: quello dell'animo di una donna inconsueta, affamata di vita e bisognosa di assoluto, per la quale il corpo non è che lo strumento che ci consente di arrivare a toccare lo spirito con la massima intensità. Andrea Camilleri dà vita a una pièce affilata e appassionante, che con le potentissime armi dell'arte – dal Beato Angelico e Tiziano fino ai versi di Dino Campana e a Cocktail Party di T.S. Eliot – indaga il fascino e il tormento di una donna, scavando sotto la patina delle ipocrisie e delle definizioni frettolose con le quali spesso cerchiamo di far tacere le nostre urgenze più profonde: e riporta alla luce i colori autentici di uno spirito fiammeggiante, capace di scelte radicali, tanto vivo da non temere la morte.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,13
di 5
Totale 16
5
3
4
4
3
3
2
4
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giorgio g

    13/02/2019 17:18:36

    Camilleri rinuncia al suo gergo italo-siciliano e scrive in italiano; così rinuncia a parte del suo fascino, ma è più comprensibile, almeno da chi siciliano non è. La storia, pur in alcune parti pregevole, non è all’altezza delle altre dello stesso autore, il che ci fa sempre più convinti che dedica le sue migliori energie, incluse quelle dedicate al Commissario Montalbano, alle Edizioni Sellerio.

  • User Icon

    Nadine

    04/10/2018 10:59:43

    Premetto che questo e' il primo libro che leggo di Camilleri. Non ho letto i libri su Montalbano ne visto le serie TV tanto amate. Questo libro l' ho letto in un paio di ore. E' scritto in una maniera estremamente semplice, come se fosse diretto a un'a udience di ignorantoni. Bocciatissimo.

  • User Icon

    sara

    22/09/2018 16:28:20

    Un romanzo composto quasi esclusivamente da dialoghi che, il grande maestro del giallo italiano, sapientemente organizza per raccontarci una vicenda. Una donna, palesemente volubile e facile all'amore, che solo poche persone capiscono fino in fondo. Camilleri dipinge un ritratto di una donna complessa e lo fa utilizzando lo strumento a lui più famigliare, il giallo, ma questo non affatto un romanzo giallo. Laura ci affascina e a tratti ci ripugna, sappiamo che è molto bella e anche lei lo sa, usa il suo corpo scindendolo da quello che la sua intima natura, usa il suo corpo per mettere a tacere la sua essenza. Una donna colta, profonda, estremamente intelligente, e allo stesso tempo apparentemente lasciva, pennellata dopo pennellata, dialogo dopo dialogo, Camilleri ci fa un’analisi completa di questa complessissima personalità. Molto incisiva e decisiva la nota finale dell’autore. Camilleri, con questo romanzo mi ha dimostrato che una storia può essere fatta esclusivamente da parole dette e non raccontate. Mi ha fatto sentire ogni singola parola, ogni suono di ogni singola frase, nelle mie orecchie risuona la voce del marito di Laura, del commissario Maurizi e di Laura.

  • User Icon

    Rosita

    21/09/2018 08:34:38

    E' il primo libro di Camilleri che leggo. L'ho trovato scorrevole. Interessante la maniera in cui l'autore descrive le sfaccettature della psiche femminile, senza mai esprimere un giudizio negativo. Non si tratta di un vero e proprio caso investigativo, piuttosto di un libro introspettivo.

  • User Icon

    Ale

    08/12/2017 16:16:43

    Libro che scivola via pagina dopo pagina senza alcuna fatica. Una lettura piacevole modulata più sulla caratterizzazione della protagonista femminile, Laura, che sull'apparente tratto poliziesco del racconto. Interessanti, inoltre, i riferimenti all'opera di Eliot, nonché quelli esegetici sul "Noli me tangere" .

  • User Icon

    nane

    10/07/2017 13:34:06

    Scorrevolissimo, veloce, rapida lettura anche per ridotto volume. Intrigante e d'interesse la figura femminile oggetto di una indagine investigativa.

  • User Icon

    Giuly

    25/11/2016 07:14:52

    Non amando Montalbano non avevo mai letto Camilleri; questo l'ho ricevuto in omaggio, e ho avuto conferma di quanto già supponevo: non fa per me! Non lo definirei brutto, ma piuttosto insignificante: mi ha lasciata del tutto indifferente.

  • User Icon

    luciano

    03/10/2016 18:09:13

    Bravo quando scrive i gialli di Montalbano; artificioso e stucchevole quando scrive raccontini come questo. Evitare di buttar via denaro!

  • User Icon

    ANNA MORELLI

    21/08/2016 12:12:06

    Il Camilleri di questo romanzo è davvero pirandelliano e non a caso entrambi gli scrittori sono accomunati dalle stesse origini siciliane. I riferimenti a "Uno nessuno centomila" od anche "Così è, se vi pare" sono più che evidenti: ognuno di noi mostra al prossimo un profilo personale diverso fino a proporsi diamante dalle mille sfaccettature. Ottimo anche lo stile adoperato per la stesura (dialoghi semplici ma d'effetto, epistolari che oscillano dall'arte ai sentimenti attraversando situazioni di sesso). Questo nuovo Camilleri, che ogni tanto "dimentica" Montalbano, mi piace moltissimo. Lo conobbi la prima volta grazie a "Un sabato con gli amici" ed in seguito a "Il tuttomio", "Il tailleur grigio". Ed è sempre una gioia ritrovarlo.

  • User Icon

    Donatella

    27/06/2016 12:42:05

    Anche i Grandi non scrivono sempre capolavori..! Struttura unicamente dialogica, riferimenti colti ad effetto, trama piatta di ambientazione radical chic, finale banale. Meno male che l'ho prso in prestito dalla biblioteca senza spenderci un euro.

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    28/04/2016 10:22:51

    Con quel susseguirsi di scarni colloqui , Camilleri riesce a dare un ritmo incalzante ad una storia apparentemente collocabile nella sfera psico-drammatica . Laura e Mattia,inoltre, possono apparire fuori dalla realtà ,ma forse lo sono meno di quanto si pensi . Mescolando psiche, arte, indagine, letteratura ,Camilleri ha costruito uno dei suoi migliori lavori, tenendo fuori dal racconto solo l'ironia che caratterizza molte delle sue opere e che qui avrebbe decisamente stonato.

  • User Icon

    raffaella

    23/02/2016 10:53:50

    mha.... sono sempre del parere che se Camilleri non scrive Montalbano...non da il massimo di se stesso..già il fatto di non utilizzare il dialetto siciliano..lascia un non so che..il libro si lascia leggere, ma non è un capolavoro

  • User Icon

    Sergio27

    11/02/2016 12:03:39

    Non posso dare né il voto massimo, né quello minimo. Sta a metà, in un limbo intermedio. La qualità della scrittura è alta, come sempre. La qualità della storia un po' meno (specie se lo confrontiamo con titoli come La concessione del telefono o La scomparsa di Patò). I libri "italiani" di Camilleri sono meno viscerali, meno densi e intesi. Però sempre validi. E la lettura con Camilleri diventa quasi una droga!

  • User Icon

    Alessandro

    08/02/2016 08:52:19

    Solo dialoghi ( oltretutto pure scarni ),caratterizzazione degli personaggi nulla,nessuna corsa contro il tempo per ritrovare la persona scomparsa dal nulla e all apparenza in modo inspiegabile. Libro piatto....e

  • User Icon

    giorgio g

    06/02/2016 09:13:34

    È sempre un piacere leggere Camilleri anche quando abbandona il linguaggio italo-siculo di cui ha fatto un "marchio di fabbrica" per votarsi ad un italiano ineccepibile. La storia della sparizione di Laura Garaudo, bellissima e tormentata eroina del racconto e della conseguente indagine del Commissario Luca Maurizio è ben congegnata e piacevole da leggere sino alla scoperta finale che, come si suole dire, "spariglia le carte". Anche i personaggi di contorno sono ben delineati (imperdibili il Questore che ricorda il personaggio che tortura Montalbano e la colf Filippa De Gregorio che parla un simpatico romanesco). Insomma sono due ore ben spese, anche se sulla spesa per acquistare il libro (17 euro) ci sarebbe da muovere qualche riserva.

  • User Icon

    Lina

    22/01/2016 19:55:13

    scarni capitoletti fatti di soli dialoghi (per lo più banali domande e risposte) tra il commissario che indaga sulla donna scomparsa e le persone che la conoscono. non c'è ambientazione, non ci sono le caratterizzazioni dei personaggi, non c'è tensione narrativa. insomma, come vuole il titolo questo romanzo NON TANGE, non tocca nessuna corda e nessun interesse. e con 17 euro c'è in giro ben altra letteratura da leggere!

Vedi tutte le 16 recensioni cliente
  • Andrea Camilleri Cover

    Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri ha vissuto per anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali