Collana: Romanzi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 23 giugno 2011
Pagine: 234 p., Rilegato
  • EAN: 9788862203579
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Alla vigilia del suo quarantottesimo compleanno, un milanese giace in fin di vita sull'asfalto della circonvallazione Trionfale, a Roma. Come ci è arrivato? A narrare la storia è lui stesso o meglio il suo fantasma, dalla sede del suo limbo terreno: un negozio di libri usati al cui proprietario è stato venduto l'unico bene che aveva: la sua biblioteca. Ogni volta che le figure più disparate entrano nella bottega e comprano i volumi, il protagonista ne segue i passi: l'incontro fra i testi (di Borges o Kafka, Leopardi o Foster Wallace o Celine) e i nuovi proprietari presenta sempre una coincidenza bizzarra, che gli dà la sponda per raccontare un pezzo della sua vita di spirito solitario e inconcludente, di creatura dolcissima e spacciata, capace di umorismo nella tragedia e di riflessione nella farsa. Un uomo che vagando in morte, come ha vagato in vita, alla ricerca di un senso e un'identità, conserva ancora in sé la febbrile apprensione del naufrago. Un uomo qualunque e al contempo speciale, com'è speciale e qualunque la vita di ogni lettrice e lettore: segnata dall'amore per la letteratura come chiave profonda di comprensione dell'esistenza e del mondo, dalla convinzione riposta che non siamo noi a leggere i libri, ma i libri a leggere noi.

€ 8,00

€ 16,00

Risparmi € 8,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    susy

    24/11/2014 14:34:23

    No, più di 1 non mi sento di dare. Originale l'idea, scorrevole la lettura. sopportabili le citazioni, e le parolone che fanno tanto "io so". Ma la volgarita no, non la sopporto e non la premio. Non ce n'era bisogno, non ha regalato niente al libro anzi ha tolto. Tant'è che non l'ho finito.

  • User Icon

    Lina

    11/11/2014 23:23:24

    ottima cultura, buon eloquio, discreta trama (forse effettivamente nata da un patchwork di micro-racconti), ma alla fine questo autore fa tornare la voglia di leggere!

  • User Icon

    Massimo F.

    12/10/2014 11:30:02

    Lavoro ben fatto sia per lo stile, sia l'originalità dell'impianto. Le citazioni "colte" non aggiungono granché alla sostanza, ma scandiscono bene la narrazione. Da leggere.

  • User Icon

    Fabio De Rosa

    02/04/2012 02:17:03

    Scrive bene, Garufi, pur lasciandosi andare ogni tanto alla voglia di mostrare la sua indubbia cultura letteraria (col che rende la lettura piu' complicata). Ma la storia del protagonista del libro e della sua breve vita funziona, e ne viene fuori un bel libro.

  • User Icon

    Giacomo Di Girolamo

    28/07/2011 15:55:42

    Romanzo tecnicamente perfetto,tant'è che le pochissime imperfezioni balzano subito all'occhio. Storia contemporanea. Era da tempo che non ne leggevo una così. Conferma la bontà della linea narrativa di Ponte alle Grazie, e anche il fatto che l'Italia è piena di ottimi autori come Garufi e di tante storie da raccontare. In realtà i nostri scrittori si dovrebbero concentrare proprio su questo, sul racconto delle cose:c'è tutta una strada italiana al neoralismo che è più che mai viva. E Garufi, che ricorda molto nel suo stile di scrittura Giorgio Vasta, ne è la dimostrazione. "Il nome giusto" potrebbe essere il manifesto della generazione TQ più dei documenti che circolano in questi giorni. "Il nome giusto" è la storia di un fantasma, la storia della sua biblioteca, ma è anche un patchwork di tante storie e di tanti piccoli personaggi. Su tutti svetta il ritratto breve e indimenticabile di Salud, "Madonna senza angelo nè annunciazione".

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

  Un passo avanti o uno indietro sulla salita dell'autofinzione? A prima vista, Il nome giusto radicalizza l'arte del dire di sé fittizio, occupando una casella impossibile sullo scacchiere narrativo. La voce narrante ha tutto per identificarsi con quanto il risvolto del libro ci dice dell'autore: quarantasettenne lombardo trasferito a Roma, che ha scritto su "uno scalcinato quotidiano di partito" e "per la versione on line di una rivista" ed è alle prese con la difficile stesura del primo romanzo; eppure, immediatamente, l'associazione è resa impraticabile. L'immagine di partenza rivela infatti l'idea di fondo che struttura il romanzo: il punto di vista appartiene a un cadavere steso sull'asfalto – la romana circonvallazione Trionfale è il suo "viale del tramonto" – e il legame con il mondo dei vivi è mantenuto tramite i suoi libri, finiti in blocco in un negozietto dell'usato, che quando entrano nelle vite di chi li acquista permettono allo sguardo fantasmatico di seguirli. Ed è ascoltando i pensieri che spiano per poco queste esistenze che il lettore inizia a conoscere il passato, la vita del morto, perché più che le vicende degli altri contano le associazioni che fanno sprigionare frammenti di ricordo che oltrepassano la morte. Forse più che di una radicalizzazione della finzione di sé si tratta allora di un tentativo di aggirare il problema classico dell'autobiografia, l'orizzonte della fine: chi parla di sé non nella forma progressiva del diario ma in un racconto che si vuole completo dovrebbe potere scrivere appunto dopo la morte, quando né una nuova vicenda né una diversa rilettura del passato possono ormai intaccare il senso generale del percorso esistenziale. Viene la tentazione, insomma, di mettere un po' in secondo piano l'animo da flâneur e da collezionista del fantasma autobiografo, che si racconta come venditore di patchworks e "bottegaio della letteratura", che assembla materiali eterogenei nel lavoro e nella scrittura, che affronta continuamente la realtà sotto la forma della raccolta (il cd con il maggior numero di covers della stessa canzone, il progetto di un libro fotografico che censisca tutti i glicini di un quartiere; l'attrazione per libri come l'obituario di quattro secoli di morti monzesi o il catalogo tematico delle Annunciazioni nella storia dell'arte); per rileggere invece la sua vicenda in modo molto più lineare ed evolutivo. D'altra parte, collezionate ed esibite sembrano anche le parole, sia nella direzione gergale e colloquiale ("anfanando", "gnegnera", "vanverava", "schiscio", "sfancularci", "roscia"), sia in quella ricercata o tecnica ("dromomania", "anosmico", "bruxismo", "adorcismo", "kenosi"), ma l'effetto di ricercatezza è fortemente indebolito dalla vicinanza di espressioni sciatte o di aggettivi appiccicati stancamente ("groviglio di lamiere", "stamberga maleodorante", "faceva un freddo becco" o discoteche piene "di belle fighe con tanta voglia di divertirsi"). Non l'infinito delle serie disegna quindi il grafico della sua vita, ma la scansione finalistica dettata dalle relazioni amorose. Le diverse fasi della vita del morto sono legate a una donna diversa: la "mezza pazza" che cambia nome a ogni uomo, decide subito quanto durerà l'amore e fugge regolarmente al momento prestabilito; l'insopportabile, perfezionista buyer di moda (di una totale, incomprensibile incompatibilità con il protagonista) e il finale vero amore maturo. Questo desiderio di permanenza, di durata illimitata (poter rispondere con sicurezza ai "promettimi che non ti stancherai mai di me"), inscindibile dalla paura della responsabilità e dalla consapevolezza dell'impossibilità sembra un tema forte di una generazione – Garufi è appunto nato a Milano nel 1963 – di narratori italiani. Ecco perché chi dà qui voce a questo desiderio impossibile è un morto: sembra l'unico modo per rendere credibilmente eterno un legame che deve portare al coronamento di un'esistenza, con tanto di paternità, sia pure doppiamente vicaria (al posto di un primo padre, già a sua volta adottivo). E allo stesso tempo per chiudere il cerchio di una predestinazione letteraria che poteva sembrare sempre più un peso: dall'episodio del giovane Sergio che stringe amicizia con il vecchio Borges all'appoggio preventivo di coetanei già da tempo pubblicati come Tiziano Scarpa e Tommaso Pincio. Non stupisce, perciò, che il risultato sia un libro libresco, annunciato come tale con squilli di trombe da tutti i luoghi paratestuali più evidenti: i titoli dei capitoli sono quelli dei libri comprati e rimessi in circolazione, l'epigrafe tratta da Walcott parla di una "memoria che nasce dall'immaginazione e dalla letteratura e non ha nulla a che vedere con l'esperienza effettiva" e, prima ancora, la fotografia di Dino Ignani sulla sopraccoperta investe con forte sottolineatura cromatica proprio un negoziuccio di libri usati, con cassette colme in terra, il venditore appoggiato alla porta e una grande scritta in alto a sinistra (molto più grande del titolo del romanzo): «libri». Davide Dalmas