Non particolari pensieri

Luca Attardo

Editore: Sovera Edizioni
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 160 p., Brossura
  • EAN: 9788881246236
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,40

€ 12,00

Risparmi € 0,60 (5%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    La Recherche

    26/01/2010 17:15:57

    [...] Nella raccolta l’autore passa al vaglio praticamente tutti gli aspetti della vita umana, anche l’amore ed il sesso, ma anche questi sono visti con malcelato stupore, in un amplesso o nella posizione della donna amata, ciò che salta all’occhio è un particolare del tutto secondario, o una considerazione inattesa che gettano di nuovo all’aria tutte le tessere del mosaico e il racconto successivo parla poi di tutt’altro, o delle medesime cose viste da una angolazione del tutto differente. L’autore ha costruito con le pagine del libro una specie di affascinante ragnatela, creata da punti comuni amalgamati con sensazioni fuori dell’ordinario, in cui il lettore resta invischiato, si perde, passa da un filo all’altro, da una prospettiva all’altra, finendo coll’illudersi di essere la vittima ma anche il ragno che lo immobilizzerà rendendolo prigioniero della ragnatela per sempre. Vi è anche un che di “Borgesiano” in questo libro, quasi uno specchio attraverso il quale la realtà si trasfigura, restando perfettamente reale, ma gettando a ritroso un’ombra imprevedibile che comincia a rodere, come vorace tarlo, le certezze delle persone sino a gettarle nel dubbio totale tra ciò che è la vita reale, quella immaginata e quella sognata. Luca Attardo ha creato con questo libro una sorta di collezione di fatti, reali o sognati che non mancano di incantare il lettore, usa un linguaggio assai semplice, immediato e quotidiano, ma mai banale, sempre preciso, se talvolta didascalico, tuttavia riesce ad essere ben movimentato e dare la giusta velocità e leggerezza ai brevi racconti. Nell’ultima sezione, “L’arcobaleno alla finestra”, riesce a far librare la scrittura con volo leggero, denso di colori inaspettati e vividi, mescolando al suo stile narrativo delle ventate poetiche davvero belle.

  • User Icon

    simona gentilucci

    31/01/2009 16:45:18

    Cesellando sapientemente e con rara maestria realtà e sogno, l'A. ci guida tra i meandri recessi della sua psiche dove Eros e Thanathos più che lottare sembrano danzare in perfetta sincronia. Sono grata a questo libro per avermi dimostrato come una semplice maggiore attenzione a quanto "vivo" di notte, possa rendermi più comprensibile quanto vivo di giorno. Consigliato a tutti i "sognatori".

  • User Icon

    Cavallo Massimiliano

    09/11/2008 19:34:30

    Bellissima raccolta di sogni rielaborati in forma di racconto. Storie insolite e affascinanti, a volte apparentemente prive di significato (come sono appunto certi sogni) ma che ad un attenta lettura disvelano nuovi punti di vista e modi diversi di guardare il mondo. Consigliatissimo.

Scrivi una recensione