Non piangete la mia morte - Bartolomeo Vanzetti - ebook

Non piangete la mia morte

Bartolomeo Vanzetti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,19 MB
Pagine della versione a stampa: 328 p.
  • EAN: 9788897376996

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Controllo politico e libertà

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo libro è la storia di una vita. La vita di Bartolomeo Vanzetti raccontata da lui stesso. Non piangete la mia morte è composto infatti da una serie di lettere, spesso toccanti, inviate ai propri familiari in Italia, da una breve autobiografia scritta durante la permanenza in carcere e dalla emozionante arringa difensiva tenuta di fronte alla corte di giustizia che lo avrebbe, insieme a Nicola Sacco, condannato a morte. Un esempio ineguagliabile di grande integrità morale e di attaccamento alla vita. Fino all'ultimo istante. Introduzione di Massimo Ortalli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Bartolomeo Vanzetti Cover

    Bartolomeo Vanzetti nasce nel 1888. A sedici anni fa il pescivendolo ed entra in contatto con gli ambienti anarchici. Nel 1908 parte per l'America, dove conosce Nicola Sacco, anarchico italiano. Nel 1918 vengono inclusi in una lista di sovversivi e pedinati dai servizi segreti. Il 5 maggio vengono arrestati per dei volantini, e tre giorni dopo vengono accusati di rapina. Li condannano a morte nel 1921, senza nessuna prova. Nonostante lunghe proteste e appelli di molti intellettuali, Sacco e Vanzetti muoiono sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927. Cinquant'anni dopo il governo americano li assolverà da tutte le accuse. Approfondisci
Note legali