Editore: Bao Publishing
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 09/11/2017
Pagine: 311 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788865439319

24° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Fumetti e graphic novels - Narrativa a fumetti

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 22,95

€ 27,00

Risparmi € 4,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    laPaola

    07/05/2018 14:13:43

    Immenso. Non è una "semplice" graphic novel: è un romanzo stupendo, un intreccio reale e al contempo straordinario di vite e di personaggi, un interessante libro di attualità, un'opera d'arte (perché i disegni sono bellissimi), una incantevole storia d'amore, un documentato trattato di storia, un'avvincente saga familiare, uno squillante inno religioso, un'appassionata guida naturalistica, un profumato taccuino di viaggio, un variopinto volume di poesie, un incredibile racconto di amicizie al femminile... Un meraviglioso atto d'amore. Non ci credete che in un un unico volume, in una "semplice" graphic novel ci possa essere tutto questo? Leggetelo e vedrete.

  • User Icon

    Federico

    05/05/2018 02:21:14

    Tutto ebbe inizio a Mar Musa, nella remota comunità gesuita sorretta dalla volontà e dall’operato di padre Saul; qui si incontrarono Iris ed Ismail nel lontano 2007. A distanza di alcuni anni, lei disegnatrice di professione e lui professore di calligrafia all’accademia delle belle arti, si stabiliscono a Verezzi nella vecchia casa che fu già dimora della giovane donna. E proprio mentre i due si apprestano ad andare incontro alla loro nuova vita, l’inaspettato si verifica. In un racconto dedicato ai lasciti, si intrecciano storie straordinarie di personaggi memorabili che “ben poco hanno di inventato”, uomini e donne camminano lungo sentieri fatti di sfide e di tragedie, che vanno dai desaparecido argentini alla guerra civile in Siria. Un’opera, questa, che volge uno sguardo affettuoso alle dolorose e remote realtà da cui provengono i suoi intimi protagonisti: Maite, padre Saul ed Ismail; una dichiarazione d’amore dedicata al disegno inteso non solo come immagine ma anche come parola scritta. Deliziosi i disegni e commovente nella scrittura, “Non stancarti di andare” raccoglie in se un lavoro mirabile e ci regala il lusso di piccole perle arabe, seminate tra gli sfondi oppure lucenti come i titoli dei dieci capitoli che compongono quest’opera sontuosamente orchestrata, intensa ed appassionante, capace di carezzare le nostre corde più intime.

  • User Icon

    tiziana

    16/04/2018 14:23:46

    Bellissimo. È un vero e proprio romanzo, ricco di personaggi stupendi, poesia e bellezza in parole e immagini. Leggetelo!

  • User Icon

    Dal mio BLOG erigibbi.it

    20/02/2018 10:50:25

    I temi trattati in questo graphic novel sono veramente tantissimi: la religione, la diversità culturale, l’immigrazione, la guerra, l’amore, la distanza, l’odio, la maternità. Iris e Ismail sono una coppia che sta per andare a convivere in una casa appartenente alla famiglia di Iris. Ismail è siriano, professore universitario mentre Iris è una disegnatrice. Ismail decide di tornare in Siria per un breve periodo per aiutare alcuni amici a svuotare un museo prima che la guerra arrivi e distruggi tutte le opere d’arte contenenti al suo interno ma da quel momento Iris non avrà più notizie di lui. Ci troviamo così a seguire, nel presente, la storia di Iris che dovrà affrontare una gravidanza inaspettata e Ismail che cercherà in tutti i modi di tornare a casa e fuggire dal suo paese natale. Allo stesso tempo cominceremo a conoscere la storia passata dei due amanti, come si sono conosciuti e come si è evoluta la loro relazione e quali personaggi sono determinanti e fondamentali nelle loro vite. I personaggi di cui parlano Teresa Radice e Stefano Turconi nel libro sono veramente molti ma tutti sono stati caratterizzati molto bene e hanno delle peculiarità rispetto agli altri. Conosceremo infatti la madre di Iris, con la quale la ragazza ha un rapporto difficile e conflittuale; padre Saul, mentore sia per Ismail che per Iris, un prete italiano non convenzionale che si trova in Siria e che non cerca di inculcare la propria religione e il proprio credo a nessuno; Tiz che è stata per Iris come una madre; Ale, migliore amica di Iris. Insomma la rosa di personaggi è veramente molto molto vasta ma tutti sono risultati fondamentali ai fini della storia narrata. Lo stile di disegno utilizzato da Stefano Turconi mi è piaciuto moltissimo. L’autore ha inoltre cambiato lo stile e la tecnica a seconda dell’ambientazione delle tavole: se nelle tavole ambientate nel presente lo stile sembra più realistico e più dettagliato, nelle tavole ambientate nel passato, [rece. completa sul blog]

  • User Icon

    Federico

    28/01/2018 12:36:36

    Tutto ebbe inizio a Mar Musa, nella remota comunità gesuita sorretta dalla volontà e dall’operato di padre Saul; qui si incontrarono Iris ed Ismail nel lontano 2007. A distanza di alcuni anni, lei disegnatrice di professione e lui professore di calligrafia all’accademia delle belle arti, si stabiliscono a Verezzi nella vecchia casa che fu già dimora della giovane donna. E proprio mentre i due si apprestano ad andare incontro alla loro nuova vita, l’inaspettato si verifica. In un racconto dedicato ai lasciti, si intrecciano storie straordinarie di personaggi memorabili che “ben poco hanno di inventato”, uomini e donne camminano lungo sentieri fatti di sfide e di tragedie, che vanno dai desaparecido argentini alla guerra civile in Siria. Un’opera, questa, che volge uno sguardo affettuoso alle dolorose e remote realtà da cui provengono i suoi intimi protagonisti: Maite, padre Saul ed Ismail; una dichiarazione d’amore dedicata al disegno inteso non solo come immagine ma anche come parola scritta. Deliziosi i disegni e commovente nella scrittura, “Non stancarti di andare” raccoglie in se un lavoro mirabile e ci regala il lusso di piccole perle arabe, seminate tra gli sfondi oppure lucenti come i titoli dei dieci capitoli che compongono quest’opera sontuosamente orchestrata, intensa ed appassionante, capace di carezzare le nostre corde più intime.

  • User Icon

    Alessandro

    19/11/2017 18:44:04

    ‘Non Stancarti Di Andare’ è immenso, corposo, emozionante, intenso. Un viaggio forte ed appassionante che percorrerete insieme a tutti i personaggi. Il libro tratta diversi temi importanti come le relazioni, il rapporto genitori-figli, l’immigrazione, la guerra, la fede, la pazienza, l’attesa, la vita e la morte. Teresa Radice con grandissima dolcezza scrive lettere in un diario indirizzato al suo piccolo ‘amore minuscolo’ che un domani leggerà dedicandogli pensieri, preoccupazioni, visioni, aspettative e poesie. Stefano Turconi con la delicatezza della sua matita ci riporta in una realtà tale da inserirci all’interno della storia insieme ai protagonisti e facendoci comprendere pienamente le loro emozioni; le colorazioni cambiano quando la narrazione si riferisce al passato. La storia è talmente viva che non poteva e non può esistere senza essere parte (parzialmente) della realtà. Molto più un romanzo, molto più di semplice finzione. Una delle letture più importanti del 2017 di cui si parlerà anche nei prossimi anni. Imperdibile.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione