Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le nostre anime di notte

Kent Haruf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Fabio Cremonesi
Editore: NN Editore
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 13 febbraio 2017
Pagine: 171 p., Brossura
  • EAN: 9788899253509

52° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 932 liste dei desideri

€ 16,15

€ 17,00
(-5%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibile in 10 gg

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Le nostre anime di notte

Kent Haruf

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le nostre anime di notte

Kent Haruf

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le nostre anime di notte

Kent Haruf

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 16,15 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le nostre anime di notte è il sigillo perfetto all’opera di uno dei grandi interpreti della letteratura americana contemporanea.

«"Le nostre anime di notte" è un libro di assoluta semplicità, senza fronzoli, che comincia in medias res.» - Matteo Persivale, Corriere della Sera

«Per molti anni della sua vita di scrittore, Kent Haruf è partito per un luogo lontano. E sembra che prima di partire si abbassasse sopra agli occhi un berretto di lana, in modo da scrivere alla cieca. Batteva le dita sui tasti senza vederli, senza controllare le parole che andavano sfilando sul foglio, senza preoccuparsi della punteggiatura, di andare a capo.» - Tommaso Pincio, TTL, La Stampa

«La storia che ne nasce è una carezza che si legge in un pomeriggio e a cui val la pena di prepararsi.» - Valeria Parrella, Grazia

La storia dolce e coraggiosa di un uomo e una donna che, in età avanzata, si innamorano e riescono a condividere vita, sogni e speranze. Nella cornice familiare di Holt, Colorado, dove sono ambientati tutti i romanzi di Haruf, Addie Moore rende una visita inaspettata a un vicino di casa, Louis Waters. Suo marito è morto anni prima, come la moglie di Louis, e i due si conoscono a vicenda da decenni. La sua proposta è scandalosa ma diretta: vuoi passare le notti da me? I due vivono ormai soli, spesso senza parlare con nessuno. I figli sono lontani e gli amici molto distanti. Inizia così questa storia di amore, coraggio e orgoglio.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,26
di 5
Totale 130
5
70
4
35
3
15
2
9
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    andre

    15/06/2021 16:46:05

    Romanzo molto ben scritto...parla sopratutto di amore e solitudine...consigliato

  • User Icon

    Flavia

    31/05/2021 12:51:52

    Racconto che non fa parte della celebre "Trilogia della pianura" ma altro libro immenso di Kent Haruf. Una storia intima, delicata, facile e complessa allo stesso tempo. Con lo stile pacato e forte di Haruf. Va letto, assolutamente.

  • User Icon

    LUCE

    27/04/2021 08:22:55

    Romanzo velocissimo e delicato. Apre un squarcio sopra la solitudine a cui sono costretti alcuni di noi e anche su quella che a volte infliggiamo ai nostri cari. Farsi compagnia ed amarsi a volte sono due concetti confusi anche in giovane età. Non si può definire una storia avvincente, è più una pausa calma e tenera di poche ore. Si tratta comunque di un Haruf anomalo rispetto al resto della sua produzione.

  • User Icon

    marianna

    25/02/2021 12:48:40

    Un racconto delicato e struggente, che si legge tutto d'un fiato e conferma la bravura di Kent Haruf nel descrivere i sentimenti umani. L'ho amato come ogni suo libro e consiglio assolutamente di leggerlo.

  • User Icon

    mary

    17/02/2021 18:53:28

    Racconto intimo e molto gradevole.

  • User Icon

    Noemi

    14/02/2021 12:38:36

    Dolce, delicato, struggente, triste, toccante. Difficile scegliere un libro preferito tra tutti quelli di Haruf, ma credo che questo sia un gradino sopra gli altri. Un libro meraviglioso che consiglio a tutti.

  • User Icon

    ilcuoredilianca

    26/01/2021 09:16:03

    Un libro dolcissimo, struggente e triste. Un uomo ed una donna entrambi vedovi e non più giovani decidono di dormire insieme per farsi compagnia, per rivivere la famiglia, per non stare soli ma soprattutto per condividere la vita quando i figli se ne vanno e non si ha nessuno con cui condividere gioie, dolori e ricordi. Riescono a fregarsene dei pettegolezzi di una società in cui sembra che sia sconveniente che due persone di settant’anni dormano insieme ma... non riescono a sottrarsi al giudizio dei figli 😔. Un libro che fa riflettere su un’età particolare della vita in cui ci sono pochi stimoli e poco di tutto, sulla solitudine e sul ruolo dei figli che spesso o per troppo amore o per troppo egoismo limitano ancor di più la libertà dei propri genitori 😔.

  • User Icon

    Isabel

    25/01/2021 16:22:07

    Questo libro è incredibile, come d'altronde Kent Haruf. Tutti dovrebbero leggerlo (e poi la NN non sbaglia mai un colpo)

  • User Icon

    Mauro

    19/01/2021 15:58:08

    Libro splendido e delicato. Lettura rapida consigliata a tutti :)

  • User Icon

    silvia

    24/12/2020 18:28:46

    Magnifico. Non serve dire altro.

  • User Icon

    Ire

    17/09/2020 06:00:16

    Così delicato ma così intenso e pieno di emozioni. Due anime che si incontrano di notte, ormai anziane, e che si raccontano la vita, al buio, tenendosi per mano. Mi sono commossa di questa semplicità, di questi due vedovi che vivono in punta di piedi, che non hanno ancora perso la voglia di condividere sogni e desideri uno con l'altro. Una storia d'amore particolare: chi dice che durante la terza età non ci si possa innamorare di nuovo? Chi li approva e chi li deride? Un romanzo che va oltre le maldicenze della gente di Holt, che dimostra che tutto è possibile, anche rivivere la giovinezza e l'amore. L'amore non ha età. "Mi chiedevo se ti andrebbe qualche volta di venire a dormire da me." "Cosa? In che senso?" "Nel senso che siamo tutti e due soli. Ce ne stiamo per conto nostro da troppo tempo. Da anni. Io mi sento sola. Penso che anche tu lo sia. Mi chiedevo se ti andrebbe di venire a dormire da me, la notte. E parlare. Sto parlando di attraversare la notte insieme. Le notti sono la cosa peggiore, non trovi?"

  • User Icon

    Tonia

    06/09/2020 06:16:07

    Delicato e profondo, non so riassumerlo, assolutamente da leggere assaporando ogni pagina.

  • User Icon

    LaFe

    24/08/2020 14:22:14

    Non all'altezza della Trilogia della Pianura, che invece mi è piaciuta moltissimo.

  • User Icon

    Berta

    02/08/2020 17:05:30

    Una rivelazione, delicato, profondo, forte e leggero allo stesso tempo, un libro da leggere per sentirsi meglio.

  • User Icon

    Carla

    02/07/2020 08:36:03

    Un libro molto triste e malinconico. Mi è venuta voglia di cambiare il finale però.

  • User Icon

    antonella

    19/05/2020 17:41:39

    Quanto bellissimo può essere un incontro fra due anime gentili! "le nostre anime di notte"di Haruf descrive questa magia,semplicemente. Quanto ho desiderio di chiacchierare con un uomo gentile e profondo! Chi volesse, mi trova al atcavarretta@gmail.com attendo....posta. Antonella 55

  • User Icon

    marimè

    17/05/2020 20:54:59

    Le nostre anime di notte è un romanzo di amore, intimità, amicizia, piccoli gesti di premura. Delicato e poetico, ho trovato il libro interessante e piacevole da leggere anche se magari mi aspettavo qualche piccola discussione profonda sulla vita sotto le stelle, ho comunque apprezzato il valore che lo scrittore ha dato agli attimi di vita quotidiana che i due protagonisti sessantenni hanno deciso di condividere. Una piccola perla!

  • User Icon

    F

    17/05/2020 20:47:36

    Se ancora non avete letto nulla di Haruf recuperate al più presto un suo titolo perchè poi non potrete più farne a meno. Questo romanzo racconta una storia d'amore al tramonto della vita, quando l'amore comincia ad assumere quel significato d'infinito.

  • User Icon

    Pat

    17/05/2020 09:51:12

    Quanto è bello questo romanzo? Delicato, tenero, pieno di speranza. Una coccola che rinfranca e fa stare bene prima di spegnere la luce e dormire. Nostalgia e malinconia, vecchiaia e fine della vita per il capolavoro di Kent Haruf.

  • User Icon

    silvia

    16/05/2020 10:56:04

    Dopo aver letto e apprezzato la trilogia della pianura, questo romanzo non mi ha delusa. È la storia di un amore tra due persone già in la con gli anni, entrambi soli e che forse non si aspettavano più niente. Commovente , da non perdere.

  • User Icon

    Fabrix

    15/05/2020 20:28:49

    Bello, però per il mio animo romantico avrei preferito un finale diverso, di Haruf ho preferito la trilogia!!!

  • User Icon

    silvia

    14/05/2020 14:23:26

    Kent Haruf si contraddistingue, in ogni suo lavoro, per una leggerezza e una delicatezza nella prosa che, inevitabilmente, ci incanta e stupisce. I due anziani protagonisti sono di una semplicità e tenerezza disarmanti, impossibile non provare empatia. Le nostre anime di notte è un libro breve e scorrevole che compensa il suo esiguo numero di pagine con una narrazione apparentemente semplice ma che, per il modo in cui viene raccontata, si rivela essere immensa.

  • User Icon

    giulia

    13/05/2020 21:53:36

    La brevità di questo libro purtroppo non gli consente di essere efficace. L'autore non ha dedicato abbastanza tempo a costruire il rapporto fra i due personaggi e questo mi ha dato l'impressione di una vicenda buttata lì senza motivo. Le motivazioni dei personaggi e i conflitti che derivano dalle loro azioni sono descritti troppo superficialmente, a mio parere, e diventano incomprensibili. L'intera storia mi ha dato la sensazioni di un'insieme di fatti mal collegati di cui non si mostravano mai le dinamiche profonde.

  • User Icon

    Merib

    13/05/2020 12:17:43

    Haruf è stata una delle più belle scoperte degli ultimi anni, tutti i suoi libri sono bellissimi, è incredibile come sia stato capace di descrivere tutte le sfaccettature dell'uomo, il mondo in generale e di emozionare con una unica ambientazione: la città di Holt. Parla di persone apparentemente semplici ma che hanno sempre tanto da raccontare. 'Le nostre anime di notte' parla di due persone che si incontrano nell'ultima stagione della vita e trovano, ma non del tutto purtroppo, il coraggio di andare contro le convenzioni. Haruf va letto, però consiglio prima di questo gli altri suoi libri

  • User Icon

    Nausifane

    12/05/2020 20:18:59

    Commovente, ma non stucchevole. Delicato e denso di emozioni ben raccontate.

  • User Icon

    Chiara

    12/05/2020 12:55:40

    Un romanzo che fa riflettere. Il pregiudizio, il pensiero altrui... Se solo la smettessimo di dargli importanza! La storia degli attempati Addie e Luis mi è rimasta nel cuore. La storia che davvero non mi aspettavo.

  • User Icon

    Cinzia

    12/05/2020 12:09:53

    Libro delicato che tratta di un argomento spinoso quale è la vecchiaia. Il romanzo narra della storia di due anziani, Addie e Louis, che vivono nella cittadina di Holt e che decidono di frequentarsi in quanto rimasti entrambi vedovi. Inizia così una dolce amicizia in cui i due anziani si raccontano del passato e vivono appieno il loro presente, che presto vedrà l'arrivo del nipotino di lei a riempire ulterirmente le loro vite. I due non vivono però isolati per cui la storia vedrà degli alti e dei bassi, tra benpensanti e figli che rivendicano l'attenzione genitoriale. Molto bello e particolare anche per la scrittura priva di fronzoli e molto diretta.

  • User Icon

    Silvia Moe

    12/05/2020 08:59:54

    Libro di una dolcezza infinita. Questo libro è una coccola di lettura. Estremamente dolce e descrive l'amore vero.

  • User Icon

    Angela

    12/05/2020 08:09:54

    Uno dei libri più sopravvalutato degli ultimi periodi. Riscoperta di un autore dimenticato che poteva restare tale.

  • User Icon

    pici62

    12/05/2020 07:29:39

    In un'immaginaria cittadina del Colorado, una vedova settantenne di nome Addie decide di fare un'insolita proposta a Louis, anch'egli vedovo e residente nel villino confinante. I due si conoscono da anni come semplici vicini di casa, ma la loro presente condizione di solitudine ha indotto Addie a ritenere utile per entrambi una frequentazione meno occasionale. Formalizza pertanto questo proposito nell'invito a dormire nel suo stesso letto, non per desiderio di un rapporto fisico, ma semplicemente per poter parlare con qualcuno prima di addormentarsi. E, dopo un primo momento di disorientamento, Louis accetta. A partire da quest'originale incipit, l'autore alterna e contrappone la complicità che si instaura nel loro rapporto privato, scandito dalle confidenze notturne di ogni dettaglio dei rispettivi passati, con la riprovazione che la loro relazione, inizialmente segreta, suscita in un contesto puritano quale quello della provincia americana. A scompaginare e condizionare in positivo i ruoli di ciascuno, arriva poi il nipote di Addie, affidato dal padre alla nonna a seguito di una crisi coniugale ed economica. E il bambino, da potenziale ostacolo alla convivenza “sui generis” dei due vedovi, sembra diventare il facilitatore della stessa, della sua pubblicizzazione, della stigmatizzazione del perbenismo e delle ipocrisie altrui. Una scrittura stringata ma scorrevole, quella di Kent Haruf, consapevole di essere prossimo alla morte e impaziente di portare a termine la sua ultima opera. Tuttavia, la scelta di un tema consonante con la sua condizione terminale e la conseguente costruzione di una storia credibile sulla potenziale felicità degli ultimi anni di vita hanno forse condizionato l'impianto complessivo del romanzo, limitando l'analisi dei risvolti pubblici dell'irrituale relazione tra i protagonisti.

Vedi tutte le 130 recensioni cliente

Il silenzio della notte, pieno degli echi di ricordi e rimpianti, può essere assordante; insopportabile addirittura, se lo si deve affrontare in completa solitudine. Per questo motivo Addie bussa alla porta del vicino di casa, Louis, proponendogli di passare le notti da lei e cercare di riconquistare un’armonia che sembra ormai lontana. E Louis, dapprima titubante, decide di accettare e di lasciarsi coinvolgere in quella che potrebbe sembrare pura follia. E che invece è un atto di coraggio.

Con la sua prosa delicata, Haruf accompagna nuovamente il lettore nella cittadina americana di Holt, dove aveva già ambientato le storie della Trilogia della pianura, presentando personaggi che hanno il pregio di essere essenzialmente umani, due vedovi che hanno il coraggio di riprendere in mano la propria vita e di ricominciare insieme.

La loro è una storia di confessioni svelate alla luce della luna, in una calma profonda come la notte che li avvolge, una storia di scoperte: dalle conversazioni emergono le anime di Addie e di Louis, i sogni realizzati, quelli infranti, le paure, le fragilità e i pregi. È un invito a guardare oltre le apparenze tanto care alla società e a rivendicare la propria occasione di essere felici, anche quando il resto del mondo sembra non capire, e di conseguenza condannare. L’amore e l’amicizia si intrecciano in un romanzo che, in fin dei conti, parla di libertà.

Recensione di Giulia Grosselle
A cura del Master Professioni e prodotti dell’editoria - Collegio Universitario "Santa Caterina da Siena” in collaborazione con l’Università di Pavia


Lontanissimo dai barocchismi e dalla logorrea del post-moderno, Haruf è stato il maestro della rarefazione. I suoi personaggi sono calmi e silenziosi nonostante l’oscurità che li avvolge. Il registro semplice e trasparente, a tratti monocorde, pare guidare con cautela questi eroi del quotidiano dalle tenebre del Midwest verso la luce, nella fattispecie verso una lampada, quella che rischiara la camera da letto in cui è ambientato questo romanzo di Haruf.

Come nella trilogia della pianura, anche quest’opera è ambientata a Holt, piccola cittadina fittizia del Colorado. I protagonisti sono Addie e Louis. Entrambi vedovi, entrambi assuefatti alla solitudine. Louis fa il primo passo e chiede al vicino di casa di dormire con lei, senza implicazioni sessuali, per combattere insieme l’assordante silenzio della notte.

La camera da letto condivisa diventa teatro di confessioni. Mai urlate, ma accennate delicatamente, con quell’intimità commuovente e realistica che è stata il tratto inconfondibile dell’intera opera di Haruf. Brevi flashback, mano nella mano, con il resto del corpo distante, alla ricerca di candida tenerezza. Vietato cedere ad altri impulsi che rovinerebbero l’ottima conversazione.

Non c’è una parola che suoni finta nei dialoghi tra i due personaggi. Parole franche, semplici e trasparenti, ma mai prevedibili o ipocrite, come la prosa di Haruf d’altronde.

Molti romanzi si preoccupano di descrivere personaggi alla ricerca della felicità. Haruf non cede a questa tentazione. L’autore si preoccupa di mostrare l’imprevedibile onnipresenza della felicità, piccolo faro che rischiara le altrettanto onnipresenti miserie del quotidiano, piccolo quanto questo gioiello postumo che incorona l’indiscutibile bravura di uno dei più grandi scrittori del ventesimo secolo.

Recensione di Matteo Rucco

Dopo la famosa e amatissima trilogia della pianura arriva finalmente in Italia l’ultima opera di Kent Haruf: Le nostre anime di Notte, un’opera postuma  che ci riporta per l’ultima volta a Holt, un viaggio per i nostalgici e per i curiosi che vogliono immergersi in questo paesino che possiamo conoscere solo nelle pagine di Haruf. Personalmente rientro nell’ultima delle categorie,  nonostante le ottime recensioni sulla trilogia della pianura ho preferito testare il territorio con quest’opera postuma che non solo ti rapisce ma ti fa innamorare completamente della scrittura di Haruf, per cui se la domanda è: inizierai a leggere le altre opere, la risposta è: assolutamente sì.

Protagonisti di questa storia sono Addie Moore e Loius Waters, una donna e un uomo in là con gli anni entrambi vedovi, che hanno passato la vita uno di fronte all’altro, senza mai il coraggio di guardarsi. Per vincere la solitudine i due iniziano a frequentarsi, finchè Addie azzarda un’assurda, per lei, richiesta: passare la notte insieme, semplicemente, uno accanto all’altro per affrontare le tenebre con racconti di vita. Loius inizialmente dubbioso cede alla richiesta di Addie, senza poche difficoltà, che aumenteranno sempre più con l’arrivo di Jamie, il piccolo nipotino di Addie.

“Smisi di provare a sistemare le cose e ci adagiammo in una lunga vita cortese e tranquilla…

Ti prendi cura dell’altro quando sta male e di giorno fai quello che pensi sia il tuo dovere…

Anche se non è stato un bene per nessuno dei due, abbiamo passato tutto quel tempo insieme. È stata la nostra vita”.

Da profana per quanto riguarda Ken Haruf non posso esprime un opinione se questo libro sia più o meno bello rispetto a quelli delle trilogia, personalmente mi sento di dire chi se ne importa, Le nostre anime di notte è un libro bello, di cui ce ne sono pochi, capace di risvegliare l’amore per la letteratura e per la vita. I due protagonisti hanno la straordinaria capacità di far riaffiorare nel lettore la gioia delle piccole cose, cose che nella vita si danno per scontate qui vengono innalzate a massima espressione di felicità; come il semplice dormire insieme. Senza doppi sensi, semplicemente stendersi nel letto, mano nella mano a parlare, per affrontare insieme le tenebre, quelle che a qualsiasi età fanno sempre paura.

Le nostre anime di notte è un libro che non ti aspetti e da cui non sai cosa aspettarti, ti rapisce con la sua semplicità e con la sua narrazione fluida che in un attimo ti stravolge la giornata.

Questo romanzo breve è uscito nel 2015 postumo alla morte dello scrittore, qui viene raccontato un brevissimo scorcio di vita, un’estate che ha il profumo dell’autunno, la consapevolezza che l’immortalità è stata solo un sogno e non resta quindi che unire due anime per affrontare insieme la vita che rimane. Oltre ad Addie e Louis entra in scena la famiglia del figlio di Addie, ma in particolar modo Jamie, il nipotino, che seppur per breve tempo sconvolge la vita dei due anziani fino a non poterne più fare a meno. Dolcemente lo scrittore inizia verso la fine del libro a prendere le distanze dai due protagonisti fino alla dolce conclusione, le loro conversazioni notturne di una vita che sembra infinita riecheggiano nel silenzio della stanza, “Ti spedirò i miei buoni pensieri dall’altro lato del letto” e questo può bastare davvero per sempre.

Un libro consigliatissimo per chi desidera ritornare a Holt ma anche per chi, come me, non c’è mai stato, per assaporare quella bellezza stilistica rara che pochi autori contemporanei sanno trasmettere.

“Che altro vuoi sapere?

Da dove vieni. Dove sei cresciuta. Com’eri da ragazza. Com’erano i tuoi genitori. Se hai fratelli e sorelle. Come hai conosciuto Carl. Che rapporti hai con tuo figlio. Come mai ti sei trasferita a Holt. Chi sono i tuoi amici. In cosa credi. Che partito voti.

Ci divertiremo un sacco a parlare, eh? disse lei. Anch’io voglio sapere tutto di te.

Non abbiamo fretta, disse lui.

No, prendiamoci il tempo che ci serve”.

Recensione di Francesca Magni

  • Kent Haruf Cover

    Kent Haruf (1943-2014), scrittore americano, dopo la laurea alla Nebraska Wesleyan University ha insegnato inglese. Prima di dedicarsi alla scrittura ha svolto diversi lavori, come operaio, bracciante, bibliotecario. Grazie ai suoi romanzi, tutti ambientati nella fittizia cittadina di Holt, ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Whiting Foundation Award e una menzione speciale dalla PEN/Hemingway Foundation. Con il romanzo Il canto della pianura è stato finalista al National Book Award, al Los Angeles Times Book Prize, e al New Yorker Book Award. Con Crepuscolo, secondo romanzo della Trilogia della Pianura, ha vinto il Colorado Book Award, mentre Benedizione è stato finalista al Folio Prize. Approfondisci
Note legali
Chiudi