Recensioni Le nostre anime di notte

  • User Icon
    Ire
    17/09/2020 06:00:16

    Così delicato ma così intenso e pieno di emozioni. Due anime che si incontrano di notte, ormai anziane, e che si raccontano la vita, al buio, tenendosi per mano. Mi sono commossa di questa semplicità, di questi due vedovi che vivono in punta di piedi, che non hanno ancora perso la voglia di condividere sogni e desideri uno con l'altro. Una storia d'amore particolare: chi dice che durante la terza età non ci si possa innamorare di nuovo? Chi li approva e chi li deride? Un romanzo che va oltre le maldicenze della gente di Holt, che dimostra che tutto è possibile, anche rivivere la giovinezza e l'amore. L'amore non ha età. "Mi chiedevo se ti andrebbe qualche volta di venire a dormire da me." "Cosa? In che senso?" "Nel senso che siamo tutti e due soli. Ce ne stiamo per conto nostro da troppo tempo. Da anni. Io mi sento sola. Penso che anche tu lo sia. Mi chiedevo se ti andrebbe di venire a dormire da me, la notte. E parlare. Sto parlando di attraversare la notte insieme. Le notti sono la cosa peggiore, non trovi?"

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/09/2020 06:16:07

    Delicato e profondo, non so riassumerlo, assolutamente da leggere assaporando ogni pagina.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/08/2020 14:22:14

    Non all'altezza della Trilogia della Pianura, che invece mi è piaciuta moltissimo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/08/2020 17:05:30

    Una rivelazione, delicato, profondo, forte e leggero allo stesso tempo, un libro da leggere per sentirsi meglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/07/2020 08:36:03

    Un libro molto triste e malinconico. Mi è venuta voglia di cambiare il finale però.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/05/2020 17:41:39

    Quanto bellissimo può essere un incontro fra due anime gentili! "le nostre anime di notte"di Haruf descrive questa magia,semplicemente. Quanto ho desiderio di chiacchierare con un uomo gentile e profondo! Chi volesse, mi trova al atcavarretta@gmail.com attendo....posta. Antonella 55

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/05/2020 20:54:59

    Le nostre anime di notte è un romanzo di amore, intimità, amicizia, piccoli gesti di premura. Delicato e poetico, ho trovato il libro interessante e piacevole da leggere anche se magari mi aspettavo qualche piccola discussione profonda sulla vita sotto le stelle, ho comunque apprezzato il valore che lo scrittore ha dato agli attimi di vita quotidiana che i due protagonisti sessantenni hanno deciso di condividere. Una piccola perla!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    F
    17/05/2020 20:47:36

    Se ancora non avete letto nulla di Haruf recuperate al più presto un suo titolo perchè poi non potrete più farne a meno. Questo romanzo racconta una storia d'amore al tramonto della vita, quando l'amore comincia ad assumere quel significato d'infinito.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Pat
    17/05/2020 09:51:12

    Quanto è bello questo romanzo? Delicato, tenero, pieno di speranza. Una coccola che rinfranca e fa stare bene prima di spegnere la luce e dormire. Nostalgia e malinconia, vecchiaia e fine della vita per il capolavoro di Kent Haruf.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/05/2020 10:56:04

    Dopo aver letto e apprezzato la trilogia della pianura, questo romanzo non mi ha delusa. È la storia di un amore tra due persone già in la con gli anni, entrambi soli e che forse non si aspettavano più niente. Commovente , da non perdere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 20:28:49

    Bello, però per il mio animo romantico avrei preferito un finale diverso, di Haruf ho preferito la trilogia!!!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 14:23:26

    Kent Haruf si contraddistingue, in ogni suo lavoro, per una leggerezza e una delicatezza nella prosa che, inevitabilmente, ci incanta e stupisce. I due anziani protagonisti sono di una semplicità e tenerezza disarmanti, impossibile non provare empatia. Le nostre anime di notte è un libro breve e scorrevole che compensa il suo esiguo numero di pagine con una narrazione apparentemente semplice ma che, per il modo in cui viene raccontata, si rivela essere immensa.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2020 21:53:36

    La brevità di questo libro purtroppo non gli consente di essere efficace. L'autore non ha dedicato abbastanza tempo a costruire il rapporto fra i due personaggi e questo mi ha dato l'impressione di una vicenda buttata lì senza motivo. Le motivazioni dei personaggi e i conflitti che derivano dalle loro azioni sono descritti troppo superficialmente, a mio parere, e diventano incomprensibili. L'intera storia mi ha dato la sensazioni di un'insieme di fatti mal collegati di cui non si mostravano mai le dinamiche profonde.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2020 12:17:43

    Haruf è stata una delle più belle scoperte degli ultimi anni, tutti i suoi libri sono bellissimi, è incredibile come sia stato capace di descrivere tutte le sfaccettature dell'uomo, il mondo in generale e di emozionare con una unica ambientazione: la città di Holt. Parla di persone apparentemente semplici ma che hanno sempre tanto da raccontare. 'Le nostre anime di notte' parla di due persone che si incontrano nell'ultima stagione della vita e trovano, ma non del tutto purtroppo, il coraggio di andare contro le convenzioni. Haruf va letto, però consiglio prima di questo gli altri suoi libri

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 20:18:59

    Commovente, ma non stucchevole. Delicato e denso di emozioni ben raccontate.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 12:55:40

    Un romanzo che fa riflettere. Il pregiudizio, il pensiero altrui... Se solo la smettessimo di dargli importanza! La storia degli attempati Addie e Luis mi è rimasta nel cuore. La storia che davvero non mi aspettavo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 12:09:53

    Libro delicato che tratta di un argomento spinoso quale è la vecchiaia. Il romanzo narra della storia di due anziani, Addie e Louis, che vivono nella cittadina di Holt e che decidono di frequentarsi in quanto rimasti entrambi vedovi. Inizia così una dolce amicizia in cui i due anziani si raccontano del passato e vivono appieno il loro presente, che presto vedrà l'arrivo del nipotino di lei a riempire ulterirmente le loro vite. I due non vivono però isolati per cui la storia vedrà degli alti e dei bassi, tra benpensanti e figli che rivendicano l'attenzione genitoriale. Molto bello e particolare anche per la scrittura priva di fronzoli e molto diretta.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 08:59:54

    Libro di una dolcezza infinita. Questo libro è una coccola di lettura. Estremamente dolce e descrive l'amore vero.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 08:09:54

    Uno dei libri più sopravvalutato degli ultimi periodi. Riscoperta di un autore dimenticato che poteva restare tale.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 07:29:39

    In un'immaginaria cittadina del Colorado, una vedova settantenne di nome Addie decide di fare un'insolita proposta a Louis, anch'egli vedovo e residente nel villino confinante. I due si conoscono da anni come semplici vicini di casa, ma la loro presente condizione di solitudine ha indotto Addie a ritenere utile per entrambi una frequentazione meno occasionale. Formalizza pertanto questo proposito nell'invito a dormire nel suo stesso letto, non per desiderio di un rapporto fisico, ma semplicemente per poter parlare con qualcuno prima di addormentarsi. E, dopo un primo momento di disorientamento, Louis accetta. A partire da quest'originale incipit, l'autore alterna e contrappone la complicità che si instaura nel loro rapporto privato, scandito dalle confidenze notturne di ogni dettaglio dei rispettivi passati, con la riprovazione che la loro relazione, inizialmente segreta, suscita in un contesto puritano quale quello della provincia americana. A scompaginare e condizionare in positivo i ruoli di ciascuno, arriva poi il nipote di Addie, affidato dal padre alla nonna a seguito di una crisi coniugale ed economica. E il bambino, da potenziale ostacolo alla convivenza “sui generis” dei due vedovi, sembra diventare il facilitatore della stessa, della sua pubblicizzazione, della stigmatizzazione del perbenismo e delle ipocrisie altrui. Una scrittura stringata ma scorrevole, quella di Kent Haruf, consapevole di essere prossimo alla morte e impaziente di portare a termine la sua ultima opera. Tuttavia, la scelta di un tema consonante con la sua condizione terminale e la conseguente costruzione di una storia credibile sulla potenziale felicità degli ultimi anni di vita hanno forse condizionato l'impianto complessivo del romanzo, limitando l'analisi dei risvolti pubblici dell'irrituale relazione tra i protagonisti.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 17:08:29

    Una scrittura semplice e poetica, senza troppi fronzoli. Un breve romanzo delicato e intimo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 14:52:57

    Romanzo delicato che racconta una storia di affetto tra due persone ormai anziane e vedove, non curandosi di ciò che le malelingue possano dire. Una lettura estremamente piacevole e scorrevole, carica di tenerezza, che vi farà percepire questi due signori come fossero i vostri nonni. Perfetto per questo periodo di quarantena.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 14:32:52

    Kent Haruf non delude e fa riflettere. Addie e Louis vivono ad Holt, tipica cittadina americana. Entrambi vedovi e soli, i figli sono lontani, trovano una loro dimensione notturna per sconfiggere la solitudine. Le voci girano e giudicano.Il loro rapporto è mal visto e troppo spregiudicato per la mentalità chiusa di Holt, tanto da portarli a prendere una decisione per il bene di tutti. Tenera è la descrizione dei loro incontri e del cercarsi con semplicità. Irritante il comportamento di chi giudica e li vorrebbe controllare. Triste aver vissuto una vita per poi ritrovarsi senza un amico, un amore, un confidente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 11:38:21

    Delizioso, sublime, delicatissimo, fa bene all'anima, indaga l'amore in ogni sua coloritura: ne hanno tratto anche uno splendido film con Jane Fonda e Robert Redford.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 10:54:04

    “Le nostre anime di notte” è l’ultimo romanzo di Kent Haruf, l’incensatissimo autore della Trilogia della Pianura. In poco più di 150 pagine che scorrono come se fossero la metà, Haruf condensa una storia che sente l’urgenza di raccontare (sa che gli rimane poco da vivere, e scrive forsennatamente per portare a termine la sua ultima opera) sull’amore e più in generale sui sentimenti che si provano quando non si è più in tenera età. Spesso siamo portati a considerare fisiologico che nella vecchiaia diventino cose lontane le tempeste emotive, gli innamoramenti e gli accesi sentimentalismi. Haruf smonta questo preconcetto, costruendo una storia che non solo racconta un amore nato (all’inizio per noia) tra due vedovi, ma che anche mette in luce come alle volte siano i giovani stessi a reprimere i propri desideri autentici in virtù di un qualche borghese senso del pudore. D’altronde, come direbbe qualcuno, non è forse vero che nessuno può essere colpevole di ciò che prova? Nel complesso, ho apprezzato il romanzo di Haruf, ma più che nell’immediato (confesso che all’inizio mi è parso un libro senza infamia e senza lode) l’ho preso in questa considerazione a distanza di qualche settimana dalla lettura. Dopo qualche tempo a chiedermi quale fosse il “punto” di questo testo, ora so che mi rimarrà in mente la spiccata atmosfera di tenera intimità che per tutto il racconto lo pervade.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/04/2020 10:47:08

    Ho volutamente centellinato questo breve, intenso gioiello che Haruf ci ha donato perchè fin dalle prime frasi ho capito che la storia mi avrebbe emozionato. Il testo è permeato da un senso di urgenza, fatalismo, di ultime battute e a volte rimpianto, ma soprattutto di dolcezza, umanità, intimità, poesia. E’ l’incontro tra due solitudini che decidono di "attraversare insieme la notte" e che trovano una felicità tardiva e temporanea, ma autentica e profonda, osteggiata dai pregiudizi altrui. Sia Addie che Louis hanno una intera vita trascorsa alle spalle, fatta di rimpianti ed errori, ma decidono di farsi compagnia nei capitoli finali delle loro vita "fin quando potremo, finchè dura". Molto belli anche i personaggi di Ruth e Jamie. La storia è un po' agrodolce, un omaggio delicato ad una forma di amore profonda (una delle più belle mai lette). E' una storia che scalda il cuore, un po' lo ricompone e un po' lo spezza; storia scritta da Haruf in una corsa contro il tempo e contro la malattia e dedicata alla moglie Cathy. Una menzione d'onore anche alla traduzione di Cremonesi e alla copertina che raffigura una notte stellata, perfettamente coerente con il contenuto del libro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/04/2020 17:33:32

    Ebbene, sono ritornata a Holt! Questa volta Kent Haruf mi sorprende con una prosa sì scarna ed essenziale, ma caratterizzata da un’urgenza che obbliga anche il lettore a finire in fretta il libro. È la fame di vita di Addie a muovere ogni cosa, trama e dialoghi. Mi ha commosso - lo ammetto - il suo desiderio di felicità, che reclama a gran voce come fosse il diritto stesso alla libertà, che Louis asseconda o forse lo stesso Haruf. La forza di Addie coinvolge il lettore, ed è così diversa da quella di Edith, la protagonista di Vincoli. E sarebbe bello trovarsi per discutere sulle due coppie Edith/John e Addie/Louis e perché no su Roy/Gene!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/04/2020 18:21:26

    Non conoscevo Kent haruf, scrive in modo semplice e diretto ,capitoli brevi una storia semplice di due persone non più giovani che fanno la scelta ardita di trascorrere le notti tenendosi compagnia per conoscersi meglio, mi è piaciuto mi ha tenuto compagnia in questa quarantena!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/02/2020 08:54:37

    Questo romanza breve è un piccolo gioiello che mi porterò dentro a lungo. Una storia semplice, pochissimi personaggi, narrazione scarna eppure poetica, intima, che ti attira come in vortice dalle prime righe alle ultime. Anime tratteggiate con delicatezza, senza falsi sentimentalismi, senza fronzoli inutili. Pensieri in bilico tra il coraggio di sentirsi ancora parte del flusso della vita e il timore della solitudine, vite raccontate nel silenzio della notte, senza giudicare, con toni sommessi e vaga nostalgia del passato. Tra le mura domestiche nasce così una storia d'amore tra due persone attempate, ma ancora desiderose di dare e di ricevere, di uscire dalla routine, di raccontarsi e di ascoltare. Fa da sfondo la società pettegola e un po' bigotta di un piccola paese americano. Mi avventurerò nella lettura della trilogia, Haruf è stata una magnifica sorpresa.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/02/2020 19:50:19

    Molto bello! L' ho preso per mia mamma e ha gradito molto!

    Leggi di più Riduci