Le novelle del defunto Ivan Petrovic Belkin - Aleksandr Puskin - ebook

Le novelle del defunto Ivan Petrovic Belkin

Aleksandr Puskin

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 223,27 KB
  • EAN: 9788833540184

€ 1,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il testo è una raccolta di cinque racconti, pubblicata nel 1831, il cui unico legame tematico è la figura di Bjelkin, un personaggio misterioso e colto che crea una cornice narrativa unitaria in quanto ha udito e messo per iscritto le storie. Puskin nell'introduzione finge di essere il suo editore e allega persino una fittizia lettera scritta da un amico dello stesso Bjelkin che lo descrive al lettore. Amori, inganni, colpi del destino e avventure fanno da sfondo alle storie. In ognuno di questi racconti Puskin, usando i diversi generi letterari in voga in quel periodo, crea anche una sorta di parodia. Ogni novella, inoltre, è introdotta da una citazione tratta da opere di scrittori russi che la richiamano, un ornamento stilistico molto usato dallo scrittore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Aleksandr Puskin Cover

    Aleksandr Sergeevic Puškin, considerato uno dei massimi poeti della Russia del XIX secolo e il padre della moderna letteratura russa, fu autore di liriche, poemi, favole, romanzi, racconti, drammi e saggi. Nato a Mosca nel 1799 da una povera famiglia aristocratica, cominciò molto presto a comporre versi. Fu allevato da balie e precettori, frequentò poi il liceo di Carskoe Selo ed ebbe successo fin dal primo poema, Ruslan e Ljudmila, pubblicato nel 1820. Impiegato al ministero degli Esteri, fece parte di un gruppo di radicali, molti dei quali saranno coinvolti nella rivolta decabrista del 1825. Nel 1820 fu cacciato dalla capitale e confinato a Ekaterinoslav, a causa di alcuni suoi componimenti poetici politici. Fu poi trasferito a Kišinëv in Moldavia, dove scrisse... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali