Categorie

Novemila giorni e una sola notte

Jessica Brockmole

Traduttore: I. Annoni
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2013
Pagine: 334 p., Rilegato
  • EAN: 9788842923329
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,64

€ 16,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Novemila giorni e una sola notte ha tutti i requisiti per essere un successo. Prova d'esordio di Jessica Brockmole, è un romanzo epistolare che racconta una storia d'amore e di speranza, di attesa e di distanza.
La vicenda di una madre si rispecchia in quella di sua figlia, vent'anni dopo, ed ecco che il passato riemerge. Tutto inizia quando Margaret scopre una lettera che appartiene a sua madre Elspeth. È indirizzata a una ragazza di nome Sue da parte di un giovane americano che si chiama David. La lettera, una dichiarazione d'amore assoluto che resiste al tempo, è il primo tassello da cui la ragazza parte per ricostruire la vita della madre, una donna taciturna e riservata che, alle sue domande ha sempre risposto:"Il primo volume della mia vita è esaurito". Cosa nasconde Elspeth? Chi sono Sue e David e perché non ha mai voluto che Margaret sapesse nulla riguardo a suo padre?
Jessica Brockmole fa parlare le lettere ed esse danno voce ai sentimenti più intensi dei personaggi, restituiti con voce diretta, senza il filtro del racconto che spesso attenua e nasconde. Come in un gioco a incastro, le lettere si alternano nel tempo: dalla prima alla seconda guerra mondiale assistiamo al ritorno di paure e desideri che accomunano i personaggi. Novemila giorni e una sola notte ha anche un'importante dimensione storica. L'autrice sceglie le guerre come i periodi in cui le distanze amplificano le sofferenze e gli affetti e ce le racconta attraverso le storie di due coppie di giovani che si innamorano nelle difficoltà.
Tutto il romanzo si costruisce sul tema del doppio: la giovane Margaret è indipendente e ostinata come la ragazza che un tempo fu sua madre. Tutte e due non accettano di rinunciare all'amore perché non si può mai scegliere di chi innamorarsi. Accanto a loro c'è David, un ragazzo che diventa uomo, una lettera dopo l'altra, vincendo le sue paure e affrontando la solitudine e la guerra, orgoglioso e fiero di non essersi mai piegato al destino.
Il libro ci ricorda l'importanza del racconto come atto di gratitudine: Elspeth accetta che sua figlia conosca la sua storia perché la ama e la vuole aiutare. Il romanzo ha un lato molto lirico che si esprime nelle poesie e nei racconti che i due personaggi scrivono e si scambiano. Perché Elspeth è una poetessa e la loro storia d'amore passa proprio attraverso i libri.

A cura di Wuz.it

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    kiara88

    16/08/2016 16.31.53

    Un libro delicato. Una storia d'amore che resiste al tempo, alla distanza, alla guerra! La trama non mi è parsa un granché originale, piuttosto è originale lo stile di scrittura! Non nego che inizialmente ero un po' scettica nel leggere un romanzo scritto sotto forma di solo scambio di corrispondenza. Invece devo ricredermi. La trama coinvolge e lo stile narrativo è scorrevole. Un libro che non annoia e che rilassa il lettore.

  • User Icon

    Elena

    08/04/2016 18.57.37

    Una storia d'amore durata decenni, quasi totalmente platonica, raccontata sottoforma epistolare. Tutto ciò da vita ad un libro veramente bello, toccante e originale che non ti lascia andare fino all'ultima pagina e ti fa anche versare qualche lacrimuccia. Contentissima di averlo letto, lo consiglio davvero.

  • User Icon

    Cristina

    17/08/2015 22.21.00

    Ho letto questo libro coinvolgente tutto di un fiato in meno di 24 ore e mi e' piaciuto moltissimo. L'amore dei due protagonisti e' pulito e va al di la di ogni terreno tradimento, dimostrandolo oltre il tempo , la guerra e la distanza. Il libro e' scritto molto bene e il romanzo epistolare da un ritmo fluido alla storia. Finale splendido.

  • User Icon

    ROMINA

    07/07/2015 15.54.43

    Non amo molto le storie d'amore ma questa scritta sotto forma epistolare mi ha colpita direttamente al cuore. Belli i personaggi, bello il modo di raccontare, belle le lettere che i due innamorati si scrivono, bello tutto anche il finale. Ne consiglio assolutamente la lettura perchè merita. Romina

  • User Icon

    Alessandro

    24/01/2015 18.13.21

    Una storia romantica di altri tempi....peccato per alcuni tratti che sembravano degli SMS, ma il libro mi e' piaciuto molto.^_^

  • User Icon

    valentina

    15/09/2014 19.55.59

    Una storia d'amore molto coinvolgente! Particolare il fatto che sono tutte lettere.Il finale non delude!!

  • User Icon

    Oriana

    22/07/2014 16.26.23

    Bellissima storia d'amore.... e raccontata attraverso le lettere che si scrivono i due protagonisti... molto originale. Finale giusto, a me piacciono i bei finali. Resta vivo, resta vivo per me... le parole più belle in assoluto....

  • User Icon

    ester77

    12/05/2014 19.06.24

    Non mi ha coinvolto molto questo libro. Solo le ultime venti pagine sono piene di significato.

  • User Icon

    lalla

    07/05/2014 12.40.33

    Prima di inziare a leggere questo libro non sapevo cosa aspettarmi. Ho pensato che fosse un libro rosa, ma appena ho letto la prima lettera ho capito che le mie paure erano state vane. L'insieme delle vicende che vengono narrate iniziano con l'audacia di un giovane studente americano, che scrive una lettera da "fan" ad una poetessa scozzese. Da lì nasce una relazione epistolare sublime e ricca di mistero, il tutto sullo sfondo della guerra, con lo sguardo dei civili, con i razionamenti, bombardamenti, ma anche direttamente tramite i soldati, che tornano spesso dal fronte con delle ferite gravi e/o mutilazioni sia fisiche che psicologiche. Non nascondo che è con grande piacere che si segue questo scambio un pò fortuito ed improbabile, che si rivela presto essere molto più di quello che sembra: la poetessa incontrerà la sua musa, e la musa conoscerà infine la poetessa che lui inspira, e questo incontro sarà come una riunione tanto sperata e farà così scoprire che sono due esseri complementari e, quindi destinati a stare insieme. I protagonisti di questo libro hanno uno spirito vivace, sono intelligenti ed hanno il senso dello humour. Va detto che "Sue" e "Davey" si rivelano reciprocamente i loro dubbi, certezze, sogni, speranze, e le loro esperienze gli faranno prendere decisioni, crescere insieme ed in parallelo la loro relazione si trasformerà in amore profondo. Jessica Brockmole è una eccellente scoperta,grazie alla sua avvincente scrittura è riuscita a dipingere un ritratto molto vivo e reale dei suoi personaggi ma ha anche saputo descrivere i modo mirabile i paesaggi e le atmosfere della Scozia. Consiglio questo magnifico romanzo, che scommetto vi arriverà dritto nel cuore come la storia straordinaria di due giovani persone che si sono incontrate per caso . . . Ottimo libro!!!

  • User Icon

    Isa

    02/05/2014 12.26.30

    Tra un thriller e l'altro un po' di romanticismo non guasta!

  • User Icon

    Filippo

    31/01/2014 23.04.42

    Libro bello!l'idea di raccontare la storia con uno stile epistolare lo rende ancora più interessante!consigliato

  • User Icon

    V. Terzi

    22/01/2014 12.29.14

    Classico libro per donne scritto da una donna con l'aiuto di altre donne (cfr. sezione Ringraziamenti) per sognare una relazione romantica ideale per le donne. Non vuole essere una critica, ma solo una classificazione. La realtà maschile (e non) è piuttosto (parecchio) diversa. Personalmente trovo irreale come l'elemento clou della vicenda (l'innamoramento) sia potuto scaturire da uno scambio epistolare. Di quel tenore, poi! Forse anche per questo non ha saputo coinvolgermi emotivamente. Ciò nonostante lo stile è piacevole, lo stratagemma epistolare simpatico (funzionavano bene le poste allora, anche in tempo di guerra!), la noia non subentra mai (pregio non indifferente) e qua e là (specie all'inizio) ci scappa anche la risata. Il finale scontato lo trovo più un pregio che un difetto. Tutto sommato, una vicenda un po' stile "C'è posta per te". Anche nella conclusione.

  • User Icon

    Chiara

    01/01/2014 10.59.48

    Libro piacevole, scorrevole e denso di significati, l'ho trovato carino, delicato e .... vero, se non altro nei sentimenti!

  • User Icon

    Megant

    23/12/2013 14.24.35

    Libro epistolare molto coinvolgente dove si intrecciano due storie d'amore che hanno in comune la caratteristica di essere vissute durante una Grande Guerra: la Prima Guerra Mondiale per Elspeth e la Seconda Guerra Mondiale per sua figlia Margaret. In qualche modo la bomba che cade proprio di fronte alla loro casa mettendo a rischio le loro vite ma anche tutti i ricordi, come si rende conto Elspeth quando vede tutte le lettere di David per la sua Sue sparpagliate a terra. Lì capisce che ha indugiato fin troppo e parte alla ricerca del suo grande amore, un amore che sta aspettando di essere vissuto da ormai quasi novemila giorni. E' un libro molto toccante che parla di sentimenti veri ed intensi ma anche di guerra, di poesia, di affetti, di famiglia e di quanto possano sembrare insormontabili le paure quando non si trova una buona ragione per affrontarle.

  • User Icon

    Lucas_0

    20/11/2013 17.15.16

    Libro BELLISSIMO! Attraverso uno stile epistolare, l'autrice è riuscita a rendere benissimo le emozioni dei protagonisti! Più si va avanti con la storia e più si vuole scoprire cos'è successo. Forse il finale sarà anche prevedibile, ma ciò non vuol dire che sia brutto ... anzi, è perfetto!

  • User Icon

    elena

    11/11/2013 16.27.43

    bello per trama e stile epistolare, romantico e suggestivo nelle parole e nelle descrizioni, cattura e affascina.... però, ahimè, il finale è scontato, anzi già intuito dal titolo! una lettura confortante senza troppe pretese.

  • User Icon

    Monica

    07/11/2013 22.51.46

    Il mio commento è assolutamente positivo: l'unico rammarico è averlo già finito. La storia è bellissima, romantica e avvincente; la forma epistolare svolta su due piani temporali è efficace e rende la lettura molto scorrevole. E' un romanzo che risveglia i sentimenti, dei sentimenti positivi e fa sognare. Lo consiglio a tutti, soprattutto a chi ha bisogno di un libro "positivo".

  • User Icon

    sara

    05/11/2013 12.02.26

    Il libro mi ha lasciato perplessa. La forma epistolare che doveva conferire intimità alla vicenda, alla fine appesantisce il romanzo, lasciando invece inattesi tutti gli spunti di una storia che non brilla certo per originalità. Le lettere datate 1940 non servono a descriverci le fatiche di Elspeth nel crescere da sola una figlia, le mille domande di Margaret su un padre mai conosciuto, il dolore di Iain per aver scoperto l'innamoramento della moglie per un altro uomo, i rancori di Finlay per una gamba perduta in guerra, per un amore finito, per una sorella che ai suoi occhi l'ha tradito. E cosa dire di David che scompare nel nulla quasi come un martire, salvo ricomparire con facilità vent'anni dopo per ricominciare daccapo come se niente fosse. È in questo buco nero che finiscono le speranze di un lettore che desiderava un romanzo che uscisse dal solito cliché.

  • User Icon

    Didi

    05/11/2013 10.21.26

    Bello ! Mi è piaciuto, lo stile epistolare che ad altri può aver dato qualche perplessità a me è piaciuto molto... sarà che amo leggere vecchie cartoline ritrovate in soffitta, lettere ingiallite con calligrafia inclinata....Magari quelle dei mie nonni inviate ai prozii ... Mentre leggevo immaginavo proprio quelle lettere, e quindi l'ho letto in 2 gg, ma non darò il massimo perchè mi è mancato un qualcosa, ancora non identifico cosa, ma è mancato. Comunque è da leggere.

  • User Icon

    Emanuela

    26/10/2013 19.16.27

    Bello. E' une bel libro, che si legge in un soffio, perché é scritto bene, dà belle emozioni, fa riflettere e fa "sentire" il cuore dei protagonisti. Lo stile epistolare, all'inizio, mi ha resa un poco scettica, ma mi sono ricreduta, appena le lettere hanno ben delineato la trama e le emozioni. Emozioni provate dai protagonisti e sentite anche dal lettore. Lo consiglio, perché fa sognare e sognare bene.

Vedi tutte le 38 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione