Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La nuova lotta di classe. Rifugiati, terrorismo e altri problemi coi vicini - Slavoj Zizek - copertina

La nuova lotta di classe. Rifugiati, terrorismo e altri problemi coi vicini

Slavoj Zizek

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Vincenzo Ostuni
Collana: Saggi
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 28 aprile 2016
Pagine: 144 p., Brossura
  • EAN: 9788868335175
Salvato in 142 liste dei desideri

€ 13,00

Solo una copia disponibile

+ 7,60 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Un'interpretazione spregiudicata, che non risparmia né sinistra né destra e porge una chiave preziosa per la comprensione (e forse il superamento) dei tragici eventi di oggi.

"Non limitatevi a rispettare gli altri: offritegli una lotta comune, perché oggi i nostri problemi sono comuni; proponete un progetto universale positivo che sia condiviso da tutti i partecipanti, e combattete per realizzarlo."

«Pochi pensatori illustrano le contraddizioni del capitalismo contemporaneo meglio di Slavoj Žižek... uno degli intellettuali più conosciuti al mondo.» – New York Review of Books

«Žižek è come Socrate sotto steroidi... un'intelligenza che toglie il fiato.» – Terry Eagleton

«L'icona punk della filosofia europea, che riempie auditori in tutto il mondo.» – New Statesman

Alle porte del nostro castello di declinante benessere bussano le miserie del mondo; i suoi conflitti esplodono nelle nostre città. Come leggere questa nuova emergenza continua, il Nuovo Disordine Mondiale? Slavoj Zizek scandaglia qui con il suo stile spietato e diretto i vari fronti che si contrappongono a livello globale: da un lato i conservatori anti-immigrati, dall'altro l'ISIS e la sua barbarie, e nel bel mezzo i progressisti che si fanno promotori del peggio del politicamente corretto e di irrealistiche soluzioni di spalancamento dei confini. Denunciando parecchi tabù della sinistra, Zizek inserisce le questioni dei rifugiati e del terrorismo in un più ampio quadro, collegandole alle responsabilità militari ed economiche dell'Occidente, alle nuove schiavitù e alle nuove apartheid necessarie all'odierno capitalismo globale, ai fanatismi interni ed esterni all'Occidente. Se c'è una soluzione a tutto questo, che - avverte Zizek - può sembrare utopica ma è l'unica realistica, è connettere i vari antagonismi interni al sistema capitalistico, matrice responsabile degli attuali conflitti su scala globale, e dare l'avvio a una nuova, rivoluzionaria lotta di classe.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    n.d.

    15/10/2017 09:21:12

    Non mi aspettavo una raccolta di articoli

  • User Icon

    luciano

    11/07/2017 09:38:54

    Interessanti e condivisibili sono le conclusioni del libro, là dove l'autore si domanda, di fronte al terrorismo islamico, "cui prodest?" , poi aggiunge " dovremmo descrivere i terroristi per quello che sono, il complemento islamico-fascista dei razzisti europei anti-immigrazione: i due fenomeni sono le facce di una stessa medaglia". E per una nuova lotta di classe occorre " insistere sulla solidarietà globale degli sfruttati e degli oppressi...Forse la solidarietà globale è un'utopia. Ma se non ci impegniamo a promuoverla, siamo perduti. E meriteremmo di esserlo."

  • Slavoj Zizek Cover

    È fra i più innovativi e carismatici pensatori del nostro tempo. Insegna nella sua città natale e in molti atenei americani ed europei. L'esposizione del suo pensiero ha aspetti divulgativi grazie ai suoi continui riferimenti alla letteratura e al cinema popolari contemporanei. È autore di moltissimi volumi, tra i quali Benvenuti nel deserto del reale (Meltemi, 2002), Tredici volte Lenin (Feltrinelli, 2003), Il soggetto scabroso (Raffaello Cortina, 2003), L’epidemia dell’immaginario (Meltemi, 2004), Il cuore perverso del cristianesimo (Meltemi, 2006), Leggere Lacan (Bollati Boringhieri, 2009), Un anno sognato pericolosamente(Ponte alle Grazie), In difesa delle cause perse (Ponte alle Grazie 2013), L'oggetto sublime dell'ideologia (Ponte alle Grazie... Approfondisci
Note legali