Salvato in 2 liste dei desideri
scaricabile subito scaricabile subito
Info
Nuovo dizionario delle cose perdute
4,99 €
EBOOK
Dettagli Mostra info
Nuovo dizionario delle cose perdute 5 punti Premium Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,99 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,99 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Nuovo dizionario delle cose perdute - Francesco Guccini - ebook
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Chiudi

Informazioni del regalo

Descrizione

Da quando è uscito il primo "Dizionario delle cose perdute", Francesco Guccini non può fare un passo, per strada, senza che qualcuno lo fermi per suggerirgli con entusiasmo e commozione qualche oggetto "del tempo andato" che merita di essere ripescato dal veloce oblio dei nostri anni e celebrato dalla sua penna. Dall'idrolitina ai calendarietti profumati dei barbieri, dal temibile gioco del Traforo alle cabine telefoniche, dal deflettore all'autoradio passando per i "luoghi comodi" e i vespasiani, le letterine di Natale piene di buoni propositi da mettere sotto il piatto del babbo, le osterie (quelle vere, senza la H davanti per darsi un tono) e molto altro, Guccini torna a scavare nel passato che ha vissuto in prima persona per riportarcelo intatto e pieno di sapore. E con questo suo catalogo delle cose perdute dà vita a un personalissimo genere letterario nel quale l'estro del cantautore - capace di condensare in poche strofe un universo intero di emozioni -, la sua passione storica e filologica e la sua vena poetica trovano sintesi piena: regalandoci pagine in cui ogni oggetto, ogni situazione, suscita intorno a sé un intero mondo, sempre illuminato dalla luce di un'insuperabile ironia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Testo in italiano
Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
866,09 KB
148 p.
9788852046995

Valutazioni e recensioni

3,86/5
Recensioni: 4/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(2)
2
(1)
1
(0)
Alessio
Recensioni: 4/5

Il musicista Francesco Guccini è anche uno scrittore, dalla penna ironica e dalla capacità di ricostruire atmosfere che hanno caratterizzato la provincia italiana, in particolare la sua terra d’origine, con intelligente e raffinata analisi, sociologica e linguistica. Il Nuovo dizionario delle cose perdute sembra proprio uno strumento per non far dimenticare le tante cose perdute che la società globalizzata, internazionalizzata, resa troppo spesso priva di memoria dal consumismo che impone ritmi incalzanti. Questo libro è un excursus intelligente e profondo su come eravamo, su come siamo diventati. Grande Francesco Guccini, la sua ricostruzione storica attraverso oggetti, abitudini, personaggi, modi di dire e di pensare, ci consegna un’Italia arcaica dalla quale siamo faticosamente usciti, ma attraverso la memoria di come eravamo ci mette in guardia dagli eccessi, dalle esagerazioni, dai falsi miti di cui siamo troppo spesso imbevuti.

Leggi di più Leggi di meno
ton
Recensioni: 3/5

Operazione un po' commerciale ma al "vecchio" Francesco si perdona tutto. Alcune pagine sono da commovente e piacevole nostalgia (oh la carta carbone, le drogherie, il traforo e i maliziosi calendarietti dei barbieri). Però forse il primo dei volumetti dedicati alle cose perdute era meglio. E' stata comunque l'occasione per provare a chiedere al mio barbiere, di poco più giovane di Guccini, se aveva ancora qualche calendarietto e, sorpresa delle sorprese, me ne ha tirato fuori dal fondo di un cassetto almeno una ventina ! Un tuffo al cuore: erano almeno 40 anni che non ne vedevo più !

Leggi di più Leggi di meno
claudio
Recensioni: 5/5

Dopo Il Dizionario delle cose perdute, non poteva mancare il seguito. E anche qui Francesco Guccini centra l'obbiettivo: riportare alla luce quel periodo successivo all'ultima guerra quando "eravamo povera gente". Nonostante dieci anni di meno di Guccini, nonostante la mia gioventù l'ho vissuta a Verona dove sono nato, ci sono delle assonanze bellissime fra le nostre due esperienze. Leggendo il libro e chiudendo gli occhi mi sono ritrovato bambino a giocare in strada con gli amici, a scrivere le letterine a Babbo Natale, a lavorare al traforo, a collezionare figurine con la colla fatta in casa. Bravissimo Francesco e dannata nostalgia.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,86/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(2)
2
(1)
1
(0)

La recensione di IBS

Nel 2012 ci aveva già deliziato con la sua personale galleria di ricordi del tempo che fu, ora a distanza di due anni dal suo primo Dizionario, Guccini torna a scrivere degli oggetti e delle cose che hanno rappresentato generazioni di italiani.
Con lo stesso tocco elegante e poetico che contraddistingue la prima raccolta, l’amato cantautore italiano scava di nuovo nel baule della memoria e ci consegna altre situazioni e ricordi generazionali ormai sepolti.
Tutto nel Nuovo dizionario delle cose perdute profuma di passato, a partire dall’immagine che trionfa sulla copertina: il disco forato di un telefono. Questo apparecchio, vecchia presenza nella casa degli italiani, figura come simbolo di un tempo ormai andato e sempre più lontano. Il telefono così come l’autoradio estraibile e la carta carbone, i deflettori e le drogherie sono le metafore scelte dallo scrittore per rappresentare una quotidianità fatta di cose piccole e semplici, che ormai non sembra più appartenere al nostro presente.
Per rendere più agile la consultazione del Dizionario, Guccini divide il libro in piccoli capitoli, ognuno dedicato ad un pezzo della nostra memoria collettiva: dai vespasiani presenti sullo spartitraffico dei viali e destinati ai bisogni “impellenti”, ai vecchi cari rimedi casalinghi contro l’orzaiolo o il fuoco di S. Antonio, e ancora, le famose cabine telefoniche che funzionavano con i gettoni in lega metallica e la cui fine è stata decretata dall’avvento dei telefonini. Sono tutte cose di cui abbiamo, per fortuna, ancora memoria ma delle quali non ci serviamo più.
L’elenco è lungo e ogni oggetto descritto ci mostra un mondo lontanissimo dal nostro presente; oggetti che sono lo specchio di una realtà cambiata alla velocità della luce, dove anche il più semplice gesto è diventato digitale: a quanti di voi capita di andare in vacanza e spedire ancora delle cartoline? Naturalmente a pochissimi perché ora con i tablet è possibile, in qualsiasi momento, inviare foto e commenti direttamente dai luoghi esotici in cui ci troviamo. Questa piacevole riflessione sul passato, che si legge come un romanzo, non si presenta come una ballata nostalgica o un’invettiva contro la nuova socialità e le drastiche trasformazioni generazionali, bensì il tentativo, da parte dell’autore, di aprire una finestra sui ricordi e le situazioni che hanno accompagnato un pezzo della sua vita per rivivere con commozione, ma senza amarezza, un tempo che è stato e che non tornerà più.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Francesco Guccini

1940, Modena

Cantautore mito di più di una generazione, anche la sua attività di scrittore si configura come una delle esperienze più originali e suggestive della scena letteraria italiana dell'ultimo decennio. Sporadicamente anche attore, autore di colonne sonore e di fumetti. Fino alla metà degli anni Ottanta ha insegnato lingua italiana al Dickinson College di Bologna, scuola off-campus dell'Università della Pennsylvania. Ha anche lavorato come docente presso la sede bolognese della Johns Hopkins University (Washington, DC, USA). La sua vita si è svolta tra Modena, Pàvana e Bologna. Tra i suoi libri si ricordano: Cronache epifaniche (Feltrinelli 1989, ripubblicato da Mondadori nel 2013), Vacca di un cane (Feltrinelli, 1993), Storie d'inverno (Mondadori...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Compatibilità

Formato:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Compatibilità:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Cloud:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Clicca qui per sapere come scaricare gli ebook utilizzando un pc con sistema operativo Windows

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore