O la va o la spacca. Una commedia nera

Enrico Brizzi

Editore: Barbera
Collana: Centocinquanta
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 25 luglio 2013
Pagine: 138 p., Brossura
  • EAN: 9788878996076
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il quarantenne Umberto Ripamonti è l'unico erede della Rigorex, una delle più insigni ditte della Nazione nel campo dei serramenti in alluminio. Tra lui e la stanza dei bottoni si frappone però sua madre, la volitiva signora Ester, un passato da reginetta di bellezza e un presente da cinica capitana d'industria. Umberto, intenzionato a conquistarsi l'autonomia economica e la possibilità di portare avanti la sua sghemba storia d'amore con Vanessa, medita quindi di prendere una pericolosa scorciatoia: con l'aiuto dell'amico d'infanzia Cabir Polentarutti, che negli anni si è costruito un solido curriculum da malvivente, prova a estorcere un'ingente cifra alla ditta di famiglia. L'insano proposito dovrà però fare i conti con il carattere e l'ascendente della madre, ancora una volta determinata a restare regista della vita propria e di quelle altrui. Con lo stile ironico e incalzante del cinema più divertente e spregiudicato, Enrico Brizzi mette in scena una commedia nera che, d'altronde, non ci stupiremmo di ritrovare nelle più scellerate pagine di cronaca dell'Italia di oggi. In un angolo del Nord industrioso e provinciale si consuma in pochi giorni la storia di una generazione, divisa fra poveracci dal destino segnato e "ragazzi fortunati" incapaci di uscire dall'ombra di genitori troppo ingombranti.

€ 6,95

€ 13,90

Risparmi € 6,95 (50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 6,12 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Paolo Cova

    12/03/2016 21:45:09

    Bel romanzo breve di Brizzi, che col suo consueto stile sul filo dell'ironia descrive bene ambienti, caratteri, personaggi. Peccato qualche virgola di troppo tra soggetto e verbo. Nel finale la vettura di Cabir prima è indicata come Panda, poi come Punto: svista dell'editor (io ho letto l'edizione pubblicata da Barney, non quella di Barbera). Comunque una storia scritta bene.

Scrivi una recensione