Opere orchestrali

Compositore: Jacques Offenbach
Supporto: SuperAudio CD ibrido
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 18 novembre 2015
  • EAN: 0095115516027
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 22,90

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Jacques Offenbach (1819-1880): Ouverture da Le Mariage aux lanternes: Ouverture da Orphée aux enfers; Galop da Geneviève de Brabant; Ouverture da La Belle Hélène; Ouverture da Barbe-bleue; Ouverture da La Vie parisienne; Ouverture da La Grande-duchesse de Gérolstein; Ouverture da Vert-Vert; Ouverture da Le Voyage dans la lune; Ballet des flocons de neige; Ouverture da La Fille du tambour-major; Introduction da Les Contes d’Hoffmann; Gavotte da Les Contes d’Hoffmann; Barcarolle da Les Contes d’Hoffmann
Neeme Järvi e l’Orchestre de la Suisse Romande propongono nel terzo volume della serie dedicata dalla Chandos al repertorio orchestrale francese del XIX secolo – registrato come gli altri nella storica Salle Victoria di Ginevra – una scintillante antologia di brani di Jacques Offenbach. Spaziando dalle celebri operette satiriche come Orphée aux enfer, La Belle Hélène, Barbe-bleue, La Grande-duchesse de Gérolstein e La vie parisienne a lavori più ambiziosi come Vert-Vert, La Fille du Tambour-major e Les Contes d’Hoffmann, le brillanti ouvertures presentate in questo SACD rivelano da un lato l’incontenibile fantasia di questo prolifico compositore e dall’altro la vivacità del panorama teatrale parigino di quegli anni. Sebbene fosse nato in Germania, Offenbach compose queste opere per il raffinato pubblico parigino del Palais-Royal, del Bouffes-Parisiens, dell’Opéra-Comique e dei teatri di varietà. A distanza di oltre trent’anni dalla morte del loro autore, queste accattivanti melodie continuano a stregare il pubblico di tutto il mondo. Neeme Järvi è uno dei direttori viventi con la discografia più vasta e da quando è alla testa della Orchestre de la Suisse Romande si dedica con passione a questo repertorio, come dimostrano i due dischi dedicati alla produzione orchestrale di Emmanuel Chabrier e di Jules Massenet, entrambi salutati con unanime entusiasmo dalla stampa specializzata di tutto il mondo.