Opere per organo (Integrale)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 15
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 6 ottobre 2015
  • EAN: 5028421951058
Salvato in 3 liste dei desideri

Ogni integrale delle opere per organo di Bach è un evento. La monumentalità, l'intelletto, l’ininterrotto fluire di una musica eterna mettono l’interprete e l’ascoltatore quasi in uno stato di stimolante soggezione. Utilizzando i migliori organi storici tedeschi (Silbermann, Trost, Thielemann, Hildebrandt), l’incisione di Stefano Molardi è saldamente radicata nell’autentica prassi esecutiva: articolazione ben definita, tempi sostenuti e grande trasparenza.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    04/01/2020 22:02:34

    Perché ascoltare questa ennesima raccolta integrale delle opere per organo di Bach? Perché si tratta di (un'ulteriore) integrale di altissimo livello e di riferimento, caratterizzata da giusto rigore filologico, tecnica e interpretazioni notevoli, fantasia e libertà di esecuzione magistralmente calibrate, scelta degli strumenti particolarmente felice, registrazioni di ottima qualità sonora. Purtroppo, però, il libretto non offre molte informazioni, limitato solo a stringate ed essenziali caratteristiche tecniche dei magnifici organi utilizzati e a sintetiche note di presentazione del Maestro Molardi: una stella in meno.

  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
Note legali