Curatore: G. Ficara
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 maggio 2017
Pagine: XXXIV-277 p., Brossura
  • EAN: 9788804679462

37° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Antologie

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,12

€ 9,50

Risparmi € 2,38 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carlo

    06/08/2018 07:35:27

    Le “Operette morali”, 24 prose composte tra il 1824 e il 1832, furono partorite dalla sfavillante mente di Leopardi in un periodo di rinuncia alla scrittura lirica e di affermazione del cosiddetto “pessimismo cosmico”, di sovente utilizzato nell’immaginario collettivo per definire in modo negativo e superficiale l’intero sistema di pensiero del poeta. In realtà l’universo filosofico leopardiano è ben più strutturato e sfaccettato, sia nelle Operette sia nello Zibaldone emergono tratti della personalità dell’autore (es. la solidità con cui fronteggia l’apparente insensatezza dell’esistenza; l’ironia, a volte sconfinante nel sarcasmo, con cui demolisce miti e illusioni del suo tempo; la saggezza, derivatagli da profonde riflessioni e sterminate letture) che portano ad analizzarne la figura e la produzione con chiavi di lettura più ampie rispetto a quelle modellanti la semplicistica vulgata comune, tendenti a dar peso esclusivamente agli aspetti malinconici della sua poetica. Le “Operette morali” contengono passaggi che possiedono forza ed energia tuttora sottovalutate, quantomeno in ambienti non specialistici ed ancorati ad interpretazioni superate oltreché tendenziose; in questo senso è significativa la travagliata storia editoriale, segno della scomodità dell’opera: la prima edizione completa del 1835 fu censurata e ci volle l’impegno dell’amico Ranieri perché nel 1845 si procedesse con una seconda stampa presso Le Monnier (edita con avvertenze ai lettori circa gli “errori” del poeta, imposte dal censore padre Amerigo Bardi), nel 1850 le “Operette” furono inserite nel l’Indice dei libri proibiti ed anche in seguito furono osteggiate da più parti, laiche e cattoliche, per venir rivalutate appieno solo a partire dal secondo Dopoguerra grazie ai lavori di studiosi come Binni e Luporini. Opera stupenda, capace di far riflettere su temi senza tempo coniugando alto livello contenutistico ed immensa eleganza formale e lessicale.

Scrivi una recensione