Categorie

L' oracolo nascosto. Le sfide di Apollo. Vol. 1

Rick Riordan

Traduttore: L. Baldinucci, L. Melosi
Editore: Mondadori
Collana: I Grandi
Anno edizione: 2016
Pagine: 353 p., Rilegato
  • EAN: 9788804664833

26° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - da 12 anni

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,72

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    16/09/2017 22.22.12

    Primo volume di questa nuova serie su Percy Jackson, dove però Percy è quasi completamente assente. Ho trovato questo libro alquanto deludente. Più infantile e frivolo rispetto agli altri libri dell’autore (il che vuol dire molto). Certo, è sempre divertente, ironico e istruttivo, però anche... abbastanza banale. È fin dal Sangue dell’Olimpo che ho la sensazione che il livello dei libri di Riordan stia calando. Tra l’altro una cosa che ho sempre apprezzato di Riordan è stato il suo attenersi, quasi sempre, ai miti antichi. Privare Apollo di quasi tutti i suoi poteri, rendendolo identico a un comune semidio, non solo manca di coerenza con i miti antichi ma è anche terribilmente banale. Forse l’errore principale è stato voler continuare con la mitologia greca, che poteva benissimo tramontare con Eroi dell’Olimpo. Perché non fare una nuova saga incentrata sui soli romani, o ancora meglio una seconda trilogia dei Kane. Però in questo libro vengono nominati anche gli dèi aztechi. Forse Riordan ci vuole dare un indizio su una futura trilogia “messicana”? Speriamo di sì, sarebbe meraviglioso! Da un punto di vista esclusivamente storico: 1- Nerone non era il demone rappresentato dagli storici (tutti senatori), anzi molti storici moderni stanno rivalutando la sua figura. 2- Gli imperatori della dinastia Giulio-Claudia non scelsero guardie del corpo germaniche perché queste erano dei “sanguinari”, ma perché, al contrario dei pretoriani, avevano un po’ di onore e quindi non avrebbero mai assassinato chi avevano giurato di proteggere.

Scrivi una recensione