Salvato in 114 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Orientarsi con le stelle. Tutte le poesie
16,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Orientarsi con le stelle. Tutte le poesie Venditore: LIBRERIA KIRIA + 4,90 € Spese di spedizione Solo 2 copie disponibili
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
LIBRERIA KIRIA
16,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
12,80 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
LIBRERIA KIRIA
16,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
12,80 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Orientarsi con le stelle. Tutte le poesie - Raymond Carver - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Anche se sono stati i racconti a renderlo celebre, Raymond Carver ha sempre alternato alla prosa la poesia, con risultati di pari perfezione, al punto che l'autore si considerava prima poeta e poi narratore. Questa raccolta completa dei suoi versi offre una visione totale di quella che è stata definita «l'altra musa» di Carver. Dalle prime poesie di "Voi non sapete che cos'è l'amore" (1983) all'opera matura di "Racconti in forma di poesia" (1985), "Blu oltremare" (1986) e "Il nuovo sentiero per la cascata" (1989), con l'aggiunta di tre poesie non incluse negli altri volumi, "Orientarsi con le stelle" permette al lettore di assaporare l'evoluzione di una voce poetica indimenticabile. Scrive Tess Gallagher nell'introduzione: «Dalle prime alle ultime, le poesie sono meravigliosamente chiare, e questa limpidezza, come il dolce fragore dell'acqua sorgiva in bocca, non ha bisogno di giustificazione. Il tempo trascorso a leggere le poesie di Ray diventa subito fecondo, perché i suoi versi si concedono con la stessa facilità e spontaneità naturale del respiro».
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

3
2016
10 novembre 2016
Brossura
9788875217556

Valutazioni e recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
fede
Recensioni: 5/5

Racconti sotto forma di poesia. Una finestra aperta sull'intimità di Carver che, da narratore di vite, diventa disegnatore di se stesso, delle proprie emozioni, del proprio quotidiano, con lo stesso sguardo forte e accudente assieme, che lo contraddistingue.

Leggi di più Leggi di meno
Marilu
Recensioni: 5/5

Oltre che raffinato autore di racconti, Raymond Carver ha scritto poesie. E questo volume le raccoglie tutte. Brani in versi liberi, dal lirismo quasi nullo, che mantengono inalterato il minimalismo dei racconti. Come se l’idea di scrivere in prosa non lo avesse mai abbandonato del tutto ma che fosse solo un modo diverso per esprimere la stessa narrazione, magari piú breve. Sincero, ironico e profondo. E a modo suo.

Leggi di più Leggi di meno
charlie
Recensioni: 4/5

Per chi ama la scrittura di Carver, questo è un volume indispensabile; per chi non lo conosce, è un ottimo invito: ci sono tutte le sue poesie, e ogni poesia, per dirla con la traduzione italiana di una delle sue raccolte, è prima di tutto un "racconto in forma di poesia". Lo stesso Carver ammise, ad un certo punto della sua esistenza, di amare più la poesia che il racconto. Le sue poesie si intrecciano ai suoi racconti, a volte sembrano scaturire da essi o averne rappresentato lo spunto originale; e, come i racconti ma più dei racconti, spesso colgono, fulminee, istanti di vita quotidiana, impressioni di un'intera esistenza racchiuse in piccoli gesti o in brevi sguardi, e parlano della sua, di esistenza, del Carver forse più autobiografico di sempre, per parlare infine della vita così com'è, con i suoi ricordi, le sue disillusioni, le sue aspettative o, semplicemente, le impressioni del momento. Lì forse sta l'unica verità rivelata da Carver: nell'impressione del momento, che subito affonda dentro di noi e che ancora non si sa, se un giorno potrà venire a galla, emergere chissà in quali forme, in quali modi. La poesia intrecciata al racconto intrecciata alla vita.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

(…) Carver è il cronista supremo dell’America dei lavoratori precari e dei disoccupati, degli sbandati e degli alcolizzati. (…) Un’America per lo più bianca, vittima della propria marginalità, polverizzata nelle tante periferie, estenuata dalla disfunzionalità lacerante dei legami affettivi e famigliari. Come i suoi personaggi e come lo si ritrova nelle poesie, Carver, nomade ed irrequieto fin dall’infanzia, si procacciò ogni sorta di mestiere per sbarcare ?il lunario, facendosi mantenere a lungo dalla prima moglie (…). In quell’oscurità anonima e travagliata, durata quasi due decenni, Carver si disperava, bevendo fino alla soglia dell’annichilimento e scrivendo forsennatamente. E la breve vita, o meglio le due vite di Raymond Carver, prima e dopo l’alcol, sono la vena profonda a cui attingono le poesie. (…). Una passione per la materialità delle cose e per la vita fisica non meno che un anelito costante per la grazia salvifica dell’amore che trasforma il momento ordinario in epifania, fissa lo stato d’animo che illumina il paesaggio interiore, e rimanda al mistero del vivere (…).

Questo vasto e stridente panorama, il folklore moderno creato da Carver ne spiega la venerazione e la popolarità quasi leggendaria. (…) In America, Carver appartiene al canone dei maestri del racconto, alla pari con Hemingway, Fante, Updike e Salinger; un classico la cui fenomenologia del disagio, ha pesantemente influenzato, negli anni ottanta e novanta, un’intera generazione di scrittori e prodotto non pochi epigoni. (…) La poesia in prosa di Carver (…) è regionalista nell’ambientazione e universale nei temi. Il lessico è piano e scorrevole, il ritmo evoca la ballata e la voce, anche quando mesta e sofferente, vive delle sonorità della lingua parlata per la quale Carver aveva un orecchio assoluto. È poesia narrativa, intima e disinibita, un ininterrotto diario del corpo e dell’anima. E la perizia di Carver consiste proprio nell’ottenere la massima, controllata espressività con il minimo dispiego di mezzi. Una versificazione fortemente empatica, di comprensibilità immediata, anche propedeutica per lettori intimiditi dalla complessità e dalla vertigine formale di molta della grande poesia moderna. (…)

Se lette per quello che sono, ovvero pagine di una biografia trasfigurata, accade che la voce di Carver diventi la nostra stessa voce (…).Vi troviamo la tenerezza e la minima musica del vivere e, soprattutto nelle pagine più tarde, la gioia del sopravvissuto, la ritrovata integrità dell’uomo e dell’artista, a cui la sobrietà ha offerto una seconda occasione (…).E ogni possibile variazione, e celebrazione, del fiele e del miele del quotidiano, ovvero la trama di una qualsiasi esistenza ordinaria. La nostra, appunto (…).

Recensione di Ennio Ranaboldo

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Raymond Carver

1938, Clatskanie

Scrittore americano.Figlio di un operaio di segheria e di una cameriera, è nato a Clatskanie, nell'Oregon, il 25 maggio 1938 ed è morto nel 1988. È considerato uno dei maggiori scrittori americani di short stories del Novecento. Einaudi ha iniziato a ripubblicare le sue opere narrative nel 2009 con Principianti (ripubblicato in una nuova edizione nel 2010), la versione originale di Di cosa parliamo quando parliamo d'amore. Sempre nel 2009 ha pubblicato Vuoi star zitta, per favore? (ripubblicato negli ET Scrittori nel 2012), nel 2010 Se hai bisogno, chiama e Da dove sto chiamando e nel 2011 Cattedrale. Presso Einaudi Stile libero era uscito, nel 1997, Il mestiere di scrivere (ripubblicato in una nuova edizione nel 2008). Nel 2013 è uscito Carver Country...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore