Le origini dell'hitlerismo - Roberto Revello,Simone Weil - ebook

Le origini dell'hitlerismo

Simone Weil

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: Roberto Revello
Editore: Meltemi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 663,41 KB
Pagine della versione a stampa: 109 p.
  • EAN: 9788883537714
EBOOK € 6,99
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Hitler è tornato. Hitler non se n’è mai andato. Era Silla, era Cesare, era Carlo V, era Luigi XIV e ancora Napoleone. L’Impero dei Romani definito dai suoi ideologi “pace”, la Grandeur della Francia, il Destino dei Tedeschi: non esiste differenza e l’atteggiamento sbagliato di sempre è quello di accreditare una presunta eternità a dei caratteri che esistono solo nella retorica dei vincitori di turno. Ecco perché di eterno c’è solo Hitler, cioè l’hitlerismo, inteso come idolo, la brama spasmodica del potere per il potere, l’asservimento alla macchina dello Stato e della produzione: non un’invenzione necessariamente tedesca. Non c’è una riga di questo lucidissimo saggio di Simone Weil che non imponga una scelta a noi uomini, l’unica scelta di sempre, la più drammatica: il culto del potere o la sua critica. Non c’è una riga che non possa essere ritrascritta oggi, pensando alla presunta eterna minaccia dell’Islam, del pericolo cinese, dei popoli minacciati dal terrore e dalle guerre. Questo libro interroga tutti gli europei, gli occidentali, e li costringe a guardare alle loro origini, all’Hitler che è in loro e che proiettano sul nemico.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anto

    19/09/2019 11:07:51

    Simone Weil si conferma, nel mio personale pantheon di scrittori, come una delle più acute e piacevoli autrici da leggere. "Le origini dell'hitlerismo" è un piccolo pamphlet che merita senz'ombra di dubbio maggiore attenzione, perché Weil getta luce su un atteggiamento dei moderni quanto mai vero, sebbene ipocrita e quasi incomprensibile. E cioè la tendenza dei moderni a rivestire di oro le imprese 'eroiche' degli storici personaggi del nostro passato, sebbene, con un minimo di astrazione, potremmo bene accorgerci che si trattava di imprese violente, afferenti a una cultura del dominio. In questa cultura Weil trova le origini dell'hitlerismo: tanto che Hitler (o lo stesso Mussolini, ma anche Napoleone) si rifaceva direttamente a un immaginario che ricalcasse quello dell'impero romano. Da qui, Simone Weil cerca di riportare gli esempi della spietata condotta romana. Se non fosse per la sua intransigenza e per la ripetitività, dopo un po', del sentirsi raccontare di nuovo la storia romanza, questo scritto sarebbe ancor più gradevole.

  • Simone Weil Cover

    Simone Adolphine Weil, di ricca famiglia ebraica che le impartì un’educazione raffinata e severa, fu allieva di Alain di cui subì profondamente l’influsso. Dopo essersi laureata in Filosofia all’École Normale Supérieure, insegna fra il 1931 e il 1938 nei licei di varie città di provincia. Nell’inverno del 1934 abbandona l’insegnamento per lavorare come manovale nelle fabbriche metallurgiche di Parigi (per poter “parlare della causa operaia con cognizione di causa”). lavorando nelle officine Renault come operaia per circa otto mesi. Testimonianza di questa esperienza, che ebbe gravi conseguenze per la sua salute, sono il diario e le lettere raccolte sotto il titolo La condizione operaia (La condition ouvrière,... Approfondisci
Note legali