Ossi di seppia

Eugenio Montale

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Tipologia: Libro usato vintage
Anno edizione: 1942
Pagine: 152 p.
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Usato - In buone condizioni
  • EAN: 2560025257325
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 330,00

Venduto e spedito da Studio Bibliografico Marini

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO VINTAGE

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

. 8vo. pp. 152. Ottimo (Fine). Prima edizione Einaudi (First Einaudi Edition). Prima edizione Einaudiana, con varianti, rispetto alle precedenti edizioni di Gobetti (1925), Ribet (1928), Carabba (1931) e ancora Carabba (1941). Scrive Montale nella nota esplicativa di questa edizione: Per uniformare anche esteriormente questa edizione degli Ossi di seppia a quella delle Occasioni che è un libro pieno di dediche taciute, ho tolto dagli Ossi tutte le dediche, e anche la prefazione di Gargiulo......... Ritocchi ho potuto farne pochi, a distanza di tanti anni, o avrei scritto un libro nuovo. Una poesia Vasca cammin facendo si è scorciata di molto tutte le altre varianti sono di minor interesse e non tentano affatto di aggiornare i miei versi di gioventù.
  • Eugenio Montale Cover

    12 ottobre 1896 - 12 settembre 1981Nato da una famiglia di commercianti, frequentò le scuole tecniche e intraprese studi di canto che dovette interrompere nel ’17 per andare al fronte come ufficiale di fanteria. Tornò dopo la guerra a Genova, dove cominciò a dedicarsi agli studi di poesia e a frequentare gli ambienti letterari. Nel ’27 andò a Firenze per lavorare prima presso la casa editrice Bemporad e dal ’28 come direttore del Gabinetto scientifico-letterario Vieusseux, incarico che dovette lasciare dieci anni dopo perché non iscritto al partito fascista: d’altronde Montale aveva già mostrato il suo dissenso verso il regime, firmando, nel 1925, il manifesto degli intellettuali antifascisti promosso da B. Croce. A Firenze... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali