Categorie

Andrew Samuels

Curatore: M. Mancini
Editore: Borla
Anno edizione: 1991
Pagine: 273 p.
  • EAN: 9788826305523

scheda di Musso, D., L'Indice 1992, n. 3

La raccolta si propone di affiancare alla lunga tradizione di studi su madre e bambino alcuni saggi in cui si riconosce al padre la funzione di potente agente interno della vita emotiva dell'individuo. Vi si delinea una prospettiva psicologica che parte dalla distillazione dell'esperienza profonda dell'analisi per riproporla nei suoi frutti in una forma narrativa mediata dal pensiero, atta ad essere fruita non solo da psicoterapeuti, ma anche da coloro il cui orizzonte è soprattutto sociologico-culturale. L'introduzione ai temi junghiani è di Samuels, unita a un suo scritto sul rapporto tra scena primaria - intesa come congiunzione degli opposti - e primo contatto del bambino con la ricchezza e il pluralismo della psiche. Altri trattano della psicopatologia paterna e della mancata formazione dell'identità personale nel figlio, del fenomeno del "semivivo" (Seligman) per assenza emotiva del genitore, del rapporto tra anoressia e figure parentali, del maschile archetipico nel suo significato per la donna, del concetto di "autorità" in relazione con la figura del padre. L'impresa porta sì sottolineature specificatamente cliniche, ma, nella sua globalità, è anche da intendersi come tentativo di condurre la riflessione sui mutamenti della nostra epoca per quanto concerne i problemi della sessualità, del genere e della condizione di genitore, partendo dalla junghiana "importanza del padre nel destino dell'individuo". Da segnalarsi un ventaglio teorico che delinea sia la diversità, sia la riconciliazione con la psicoanalisi come caratteristiche della psicologia analitica di oggi. Correda il testo un glossario.