Categorie

Daniele Biacchessi

Editore: Chiarelettere
Collana: Reverse
Anno edizione: 2007
  • EAN: 9788861900066

Daniele Biacchessi, giornalista di Radio 24, racconta le grandi stragi che hanno insanguinato l'Italia dal 1944 al 1993, dal punto di vista degli esiti giudiziari. Trovati i colpevoli? A che punto sono le indagini? Sant'Anna di Stazzema, Marzabotto, Portella della Ginestra, Piazza Fontana, Piazza della Loggia, treno Italicus, stazione di Bologna… Le stragi impunite dalla parte delle vittime. L'Italia delle verità negate.
E ancora, com'era avere vent'anni, con le storie di Fausto e Iaio, Piero Bruno e dei cinque anarchici del Sud. I delitti di mafia, con Peppino Impastato, Giorgio Ambrosoli, Falcone e Borsellino, don Puglisi, Libero Grassi.
Il paese della vergogna contiene flash, racconta circostanze, dà volti a nomi e personaggi, ne colora i contorni, li mette insieme, infonde e intreccia emozioni, ma soprattutto sollecita la coscienza civile, quella che parla di altri ma che si riferisce proprio a noi stessi. Ci sveglia da una letargia pericolosa e profonda, ci scuote e ci invita a meditare.
Un libro sulla cronaca nera e giudiziaria, ma soprattutto una testimonianza appassionata scritta dalla parte delle vittime, dei familiari delle vittime e di chi ancora aspetta che sia fatta giustizia.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco S.L.L.

    31/08/2012 14.38.57

    Semplicemente un capolavoro, un libro a mio avviso da adottare nelle scuole in quanto profondo, scorrevole e mai invadente. Un libro per non dimenticare eroi ed eroine che hanno portato a termine la loro dura missione: non arrendersi innanzi alle ingiustizie che crimine organizzato, talvolta agevolato dalla parte marcia dello Stato, pretende di imporre. Un libro nel quale è doveroso immergersi e riflettere perchè se non apprendiamo la storia non possiamo pretendere neppure di sperare in un futuro migliore. Se posso permettermi, a mio modesto e sindacabile parere, l'unica cosa che non ho condiviso nel libro (capitolo "Gli occhi di Piero") è stato comparare il povero Piero Bruno con Carlo Giuliani in quanto quest'ultimo credo fermamente, a differenza di tutti gli altri esempi riportati nel capolavoro di Biacchessi, sia stato vittima delle proprie azioni piuttosto che dello Stato. Concludo complimentandomi con il Sig. Biacchessi perchè anche pubblicando questi libri si combatte il marciume, organizzato o istituzionale cha sia, dal quale siamo circondati.

  • User Icon

    Gianmarco

    13/03/2008 09.40.53

    Libro breve ma efficace che tiene vivo il ricordo di persone morte per ideali o più semplicemente per essersi trovate nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Interessante anche perché l'autore ci narra le vicende di persone ai più sconosciute, la cui scomparsa non viene certo ricordata annualmente dai nostri imparziali (???) mezzi di comunicazione.

  • User Icon

    Daniele Biacchessi

    11/07/2007 11.59.44

    Caro Sarri, apprezzo i suoi consigli. Ma "Il paese della vergogna" non é un libro d'inchiesta. Raccoglie i testi degli spettacoli di teatro civile (oltre 500) che racconto sui palchi italiani. E dimostra che in Italia si parla molto di queste ma non ha la capacità di indignarsi davanti alla giustizia negata, al revisionismo sulle verità accertate dalla storia.

  • User Icon

    Giuseppe Sarri

    28/06/2007 18.36.36

    Nulla da dire sull'impegno civile di Biacchessi. Però, (ma questa è una mia opinione personale che vale quel vale), fossi in lui eviterei di pubblicare libri a gettito continuo su plurimi argomenti e mi concentrerei nell'approfondire al meglio qualche singola vicenda. Questo perchè accanto a libri davvero ottimi (penso ad esempio a Vie di Fuga o al libro su Tobagi) ce ne sono alcuni che francamente trattano le vicende dei cosiddetti Misteri d'Italia in modo troppo sbrigativo e non molto approfondito. E francamente mi pare che questo libro faccia parte di questo secondo caso.

  • User Icon

    retedigreen

    25/06/2007 21.00.57

    Non gli servono effetti speciali. Bastano la sua voce e la volonterosa musica di un paio di amici. Perché è la storia d’Italia, quella più fosca, più scomoda, più vergognosa, ad accapponare la pelle del pubblico. Daniele Biacchessi gira le piazze come un antico cantastorie a svegliare le coscienze dei cittadini. Nel suo repertorio ha Marzabotto, piazza Fontana, il treno Italicus; Peppino Impastato e Giorgio Ambrosoli; le stragi di mafia, l’assassinio di Falcone e Borsellino; le vittime dell’odio rosso-nero negli anni di piombo, quando ci si sparava in strada per niente. Insomma, non il delittaccio che suscita brividi morbosi tra uno spot e l’altro. Bensì le stragi dimenticate per insipienza o, ancora più grave, per interressi e depistaggi. Nel volumetto Il Paese della vergogna (esce da ChiareLettere) sono raccolti i testi più eloquenti di questo giornalista-scrittore che si muove nello stesso solco di Ascanio Celestini o Marco Paolini, o prima ancora Dario Fo o Giorgio Gaber. È un vessillifero del «teatro civile», una forma di «spettacolo» che non vuole arrendersi alla superficialità della civiltà televisiva. E ci riesce. Perché c’è un’Italia che s’accalca nelle piazze ad ascoltarlo, che rimanda la partenza delle ferie per andare il 2 agosto a Bologna, che crede ancora, in silenzio, che percepirsi cittadini di una moderna democrazia non possa ridursi al problema di pagare meno tasse o lanciare pietre nelle vetrine per protestare contro Bush. «Sento una partecipazione fortissima intorno a me - dice Biacchessi -, le mani che mi stringono, che mi accarezzano in segno di ringraziamento. Se leggo i miei spettacoli nella sala d’attesa della stazione di Bologna, con i familiari delle vittime, o tra i superstiti della strage nazista di Sant’Anna di Stazzema, la commozione è naturale. La cornice aiuta. Ma lo stesso accade nelle piazze di provincia, nei paesini e nelle scuole. Quando racconto agli studenti le stragi impunite del nostro Paese percepisco una commozione fortissima. Mista a uno stupore indignato>>

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione