Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Palazzokimbo - Piera Ventre - ebook

Palazzokimbo

Piera Ventre

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Neri Pozza
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 4,45 MB
Pagine della versione a stampa: 425 p.
  • EAN: 9788854514447

€ 9,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella prima metà degli anni Settanta, Stella, detta a scuola stelladamore, col nome attaccato al cognome, ha un palazzo intero per madre. A Napoli, tutti lo chiamano Palazzokimbo per via dell’enorme insegna pubblicitaria che campeggia sul tetto. Chili e chili di ringhiere, porte blindate, chiavistelli. un clangore di ferro risuona per i suoi otto piani, fino alla cima, una distesa asfaltata e ricoperta di antenne, da cui si scorge tutta la città, compresa la striscia di mare dove si erge la Saint-Gobain, la vetreria proprietaria degli appartamenti in cui vive il personale della fabbrica. Settanta famiglie di operai, come il papà di Stella, e impiegati ed elettricisti che hanno a che fare con silice, ossidi, nitrati e amianto, e rientrano a casa coi vestiti che sopra i baveri sembra vi sia uno spolvero di talco. All’ottavo piano abita la famiglia D’Amore. Ci sono i genitori, zia Marina, la sorella signorina di papà, i nonni paterni, Stella e sua sorella Angela. C’è pure un gatto, battezzato Otto, per un semplice calcolo d’aggiunta. Tanti D’Amore, e ciascuno con un passo e una voce, un modo di sbattere le porte, di strascicare i piedi, di richiudere sportelli, di calibrare il volume della televisione. Quattro piani sotto vive la signora Zazzà, che calza sempre le pantofole, indossa una quantità di stracci variopinti e cela un segreto che nessuno conosce. Quando non si aggira per Palazzokimbo, Stella trascorre il tempo incantato della sua infanzia con Consiglia, l’amica del cuore coi capelli rossi che le sfiammano lampi sulle spalle, le guance accese e la lingua velenosa. Nel ventre di Palazzokimbo penetrano, però, anche i fatti di fuori, gli eventi terribili della fine degli anni Settanta: la deindustrializzazione, il rapimento Moro, la strage di Bologna. L’esistenza dignitosa della brulicante umanità di Palazzokimbo appare allora soltanto come una fugace parentesi, e l’infanzia incantata di Stella come un breve preludio alla consapevolezza dei guasti della vita che l’età adulta dona. Finalista al Premio Neri Pozza 2015, Palazzokimbo svela il talento di una scrittrice capace di dare nuova linfa al romanzo di formazione e di restituirci con brio e impeccabile scrittura l’atmosfera dell’Italia degli anni Settanta. Romanzo finalista al Premio Neri Pozza 2015. «Un romanzo ben costruito. Una forma curata e sicura. La protagonista resta il centro dell'universo narrativo ed esistenziale rappresentato con perizia dentro Palazzokimbo». Mirella Armiero, Corriere del Mezzogiorno - Campania «Domina nel romanzo di formazione della Ventre la fisicità strabordante di ogni elemento, che però ha una scintilla incantatoria agli occhi della bambina, che tutto tramutano in occasione per affrontare e conoscere il mondo». Pier Luigi Razzano, la Repubblica Napoli «Lo sguardo di una bambina su una metropoli tra voci e sortilegi». Fabrizio Coscia, il Mattino «Napoli insegna la cultura della condivisione che oggi in Italia non esiste più». Vittorio Zincone, Sette «Un romanzo dalla forte potenza narrativa... Un libro che coinvolge, perché chi scrive ha il vero dono di raccontare una storia». Romana Petri «Una scrittura molto bella, sapiente, affascinante, sicura». Sandra Petrignani
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 4
5
1
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianca

    08/03/2018 17:47:22

    Romanzo dotato di una scrittura avvolgente e di un condensato di descrizioni sulle relazioni familiari e sociali. Degno dei grandi romanzieri dell'ottocento, un complimento all'autrice.

  • User Icon

    Francesca

    30/08/2017 14:06:13

    Concordo con la recensione precedente. Un po' troppo prolisso. Ad ogni modo lo consiglio. L'ambientazione regna sovrana nel romanzo.

  • User Icon

    aurora

    31/03/2017 05:57:28

    concordo pienamente con Donatella. c'è solo un piccolo neo: è un po' lungo, forse con un centinaio di pagine in meno sarebbe stato meglio. il mio motto è sempre TAGLIARE, TAGLIARE, TAGLIARE

  • User Icon

    donatella

    17/10/2016 16:21:15

    Se dovessi dare una forma al romanzo sceglierei quella della matrioska. Dentro la Grande Madre, Napoli, c'è palazzokimbo, Dentro palazzokimbo, vivono una settantina di famiglie . La famiglia D'Amore, protagonista, abita all'ottavo piano, quattro piani sotto c'è la misteriosa signora Zazzà . Agli occhi della piccola Stelladamore, la narratrice, il palazzo-labirinto di scale e corridoi, si trasforma in un organismo vivente e palpitante perchè, non solo custodisce uomini donne bambini, ma vive anche delle loro pulsioni ed emozioni: paure , rabbia , dolori, sogni, desideri, aspirazioni. Come la matrioska contiene figure di tutti i tipi, così palazzokimbo è custode e madre.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Piera Ventre Cover

    Nata a Napoli nel 1967, Piera Ventre è laureata in Logopedia presso l’Università degli studi di Pisa ed è specializzata come Assistente alla comunicazione. Socia ordinaria e Consigliera dell’Associazione di promozione sociale Comunico, collabora con le scuole di Livorno, città in cui vive dal 1987. Ha pubblicato testi brevi in raccolte antologiche e siti letterari. Nel 2011 la raccolta di racconti Alisei (Edizioni Erasmo) ha avuto una segnalazione della giuria al Premio Renato Fucini. Tra gli altri suoi libri ricordiamo: Come il primo bene (Edizioni Erasmo, 2012), Palazzokimbo (Neri Pozza, 2016) e Sette opere di misericordia (Neri Pozza, 2020) Approfondisci
Note legali