Pan - Knut Hamsun - copertina

Pan

Knut Hamsun

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Fulvio Ferrari
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 2 novembre 2017
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788845932359
Salvato in 333 liste dei desideri

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Pan

Knut Hamsun

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Pan

Knut Hamsun

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pubblicato per la prima volta nel 1894, Pan divenne ben presto uno dei libri di Hamsun più amati. Perché è uno dei rari romanzi moderni in cui la natura parla, nella lingua sommessa e sognante della breve estate nordica, del suo chiarore diffuso e fosforico. Ed è, insieme, l'epos di un amore impossibile che si carica sempre più di esaltazione e struggimento. Il tenente Glahn, che nelle carte trovate dopo la sua morte racconta la sfortunata passione per la giovanissima Edvarda, diventa la voce stessa di quella passione, con le sue maree incontrastabili che invadono la natura tutta e creano un amalgama dove alla fine è arduo distinguere ciò che è paesaggio e ciò che è psiche.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,53
di 5
Totale 24
5
15
4
8
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    amber_reading

    08/08/2020 23:57:19

    In prima persona un lungo racconto causato dalla sofferenza e dal logorio di un amore maltrattato. Con una prosa meravigliosa in continuo contrasto tra la gratitudine per la bellezza della Natura e la bruttezza dell’animo umano viviamo il susseguirsi delle stagioni che scandiscono il tempo che scorre lento e poi veloce e ancora lento ma pur sempre scorre. Il turbamento interiore dovuto dall’eterna lotta tra anima ed ego. La terra con i suoi elementi che sembra conoscere il protagonista meglio di se stesso. Il bosco che diventa unico dispensatore di libertà. Poi, arriva la gelosia. Quella voce malefica, quel pensiero non voluto, quella minaccia che svolazza come un fantasma nella mente umana. Ecco che tutto cambia, tutto si “ammala” e con un colpo di scena wow si va verso l’epilogo.

  • User Icon

    Floatingstate

    31/05/2020 22:21:19

    Hamsun è un modello. Uno stile chiaro e ben riconoscibile che insiste sulla psiche dei suoi personaggi. In Pan vediamo come la natura diventa non solo il luogo prediletto dal protagonista, ma anche lo specchio del suo sconvolgimento interiore, dei suoi sentimenti. Vediamo in questo romanzo la grande opposizione natura/cultura trattata in maniera non scontata. Insomma, un libro da leggere e del quale non se ne può fare a meno. consigliatissimo

  • User Icon

    Lally

    16/05/2020 09:27:41

    Le vicende sono ambiante su un'isola della Norvegia, dove a stretto contatto con la natura il protagonista vive una stagione della sua vita i cui dall'isolamento in cui vive per scelta, si incrociano amori e desideri che credeva sopiti e di cui non pensava di aver bisogno. Da uomo solitario e silenzioso si ritrova a dover fare vita sociale per incontrare l'amore, scontandosi con la realtà e la complessità della societa e delle relazioni umane.

  • User Icon

    Fabio

    11/05/2020 13:47:35

    "Ultimamente ho continuato a ripensare al giorno perenne dell'estate nel Nordland. Me ne sto qui seduto e ci penso, e penso a una capanna in cui abitavo, e al bosco dietro alla capanna, e mi metto a scrivere qualcosa per ingannare il tempo e per mio diletto". Ultimamente, mentre cammino, ho cominciato a voltarmi, a guardare indietro, a scrutare le schiene mute degli sconosciuti che incrocio lungo il marciapiede. E quando guido, cerco di non avere una meta, e di lasciarmi portare dalla macchina, come facevo quand’ero solo un ragazzo, ma è tutto inutile. Succede spesso che fissi lo specchietto retrovisore; la strada che mi sto lasciando alle spalle mi attira più di quella che ho davanti. Ultimamente mi sforzo di appartenere a qualcosa: ad un sentimento, ad una donna, alle forze calde e liquide che brulicano sotto i nostri piedi, e che qualche volta si manifestano in una roccia, in un albero, in un’ombra particolarmente belli. In un romanzo pieno di pagine meravigliose come “Pan” di Knut Hamsun. Ho il mio da fare per tenere il tempo fuori dai miei pensieri. È ovunque. Invidio il raggio di luce che attraversa il vuoto senza risentirne minimamente. Prima o dopo me ne andrò nel Nordland, in cerca di Glahn, di uno scoglio da sfogliare con gli occhi come un libro interminabile, un libro che io non so scrivere. Ho addosso una maledetta febbre che mi toglie il respiro, Knut.

  • User Icon

    Kolja

    24/09/2019 17:25:11

    Il nome del romanzo è evocativo come possono esserlo per un abitante del mediterraneo i boschi e le rive norvegesi, è il richiamo della natura, di spazi infiniti e sconosciuti e, soprattutto, quasi disabitati. La solitudine infatti è il tratto fondamentale del protagonista, attivamente ricercata ma non del tutto accettata, c'è la volontà di separarsi dagli uomini ma il tentativo continuo di osservarli, di capirli e di esserne accettato. Il protagonista è senza rimorsi orgoglioso, incapace di piegarsi alla necessità e quindi condannato, più per scelta che per destino, a restare escluso dall'umanità e dalla possibilità dell'amore, che pure talvolta ha mostrato di tendergli la mano. Bellissima anche la prosa, scarna e fredda come ci si aspetta dall'ambientazione.

  • User Icon

    primario

    27/07/2019 19:43:08

    Bellissimo, dolce, crudele e spiazzante

  • User Icon

    Vita

    08/03/2019 17:41:07

    La migliore ambientazione,con la precisione e l'incredibile descrizione dell'autore,di ogni libro che io abbia mai letto. La storia resta pure tra i migliori che i miei occhi abbiano ammirato. Lo consiglio a tutti,quando lo lessi io,mi sentii proprio immerso nella natura ed è una sensazione così forte che nessun'altro libro m'aveva dato o mi avrebbe dato più avanti. Hausman scrittore di origini norvegesi, ci fa toccare con mano la sua patria. Capolavoro immenso, da leggere almeno una volta nella vita.

  • User Icon

    luciano

    19/11/2018 20:28:24

    Il tenente Thomas Glahn si ricorda del 1855 quando, a ventotto anni visse, nel Nordlan, in Norvegia. Pensa alla capanna in cui abitava, al bosco immenso che era dietro alla capanna, al cane Esopo, che uccise con un colpo di fucile, ad Edvarda di Sirilud, che quando lo piantò lo fece quasi impazzire e per la quale si sparò al piede sinistro e la cui ferita lo faceva soffrire ogni volta che il tempo cambiava. Pensa a Eva, che per causa sua morì, alle giornate di caccia quando si procurava il cibo per sé e per Esopo. Pensa a quando viveva in solitudine, nei boschi, come Pan. Pensa al succedersi delle stagioni, a quando, per scandire il tempo, osservava il sole e quando non c'era si basava su altre cose: "L'alta o la bassa marea, l'erba che a una certa ora si corica, l'alternarsi del canto degli uccelli: certi uccelli si mettono a cantare quando altri tacciono. E poi capivo l'ora dai fiori che si chiudono nel pomeriggio, dalle foglie che alle volte sono di un verde lucente, a volte d'un verde acuto. Inoltre lo sentivo". Al termine Glanh scrive: "Io appartengo ai boschi e alla solitudine".

  • User Icon

    Bice

    21/09/2018 21:07:24

    Beh..un capolavoro a tutti gli effetti. La migliore ambientazione,con la precisione e l'incredibile descrizione dell'autore,di ogni libro che io abbia mai letto. La storia resta pure tra i migliori che i miei occhi abbiano ammirato. Lo consiglio a tutti,quando lo lessi io,mi sentii proprio immerso nella natura ed è una sensazione così forte che nessun'altro libro m'aveva dato o mi avrebbe dato più avanti. Hausman scrittore di origini norvegesi, ci fa toccare con mano la sua patria. Capolavoro immenso.

  • User Icon

    Alessandro

    17/01/2018 21:20:40

    Meno male che è uscita una versione più economica

  • User Icon

    DIdo

    15/09/2017 16:09:20

    Storia scritta molto bene. La descrizione dei paesaggi naturali evoca bellissime sensazioni. Da regalare sicuramente

  • User Icon

    Kine

    29/09/2016 12:29:32

    Storia piena di natura, si respira proprio il profumo del bosco. ... quindi scritto molto molto bene.... letto dopo "walden" e dico che non c'è paragone, sono anche due libri un pelino diversi, ma questo Pan è decisamente migliore.... ciò che non mi aspettavo è la drammaticità della storia, profondamente amara... lo consiglio voto 4

  • User Icon

    susanna bottini

    03/11/2014 10:08:52

    Splendido esempio di grande letteratura nordica di fine '800, romanzo breve ma intenso, stile asciutto e quasi scarno, le misteriose elucubrazioni del tenente Glahn , la sua sottile vena di follia, l'ambientazione in una natura viva e che parla, insomma, un'opera eccezionale.

  • User Icon

    Luca

    02/02/2013 16:02:39

    Beh..un capolavoro a tutti gli effetti. La migliore ambientazione,con la precisione e l'incredibile descrizione dell'autore,di ogni libro che io abbia mai letto. La storia resta pure tra i migliori che i miei occhi abbiano ammirato. Lo consiglio a tutti,quando lo lessi io,mi sentii proprio immerso nella natura ed è una sensazione così forte che nessun'altro libro m'aveva dato o mi avrebbe dato più avanti. Capolavoro immenso.

  • User Icon

    gianni

    29/04/2010 11:39:15

    Questo libro mi ha fatto un effetto un po’ strano. Non posso certo dire che sia un brutto libro o che non mi sia piaciuto ma l’ho trovato un po’ datato. Mi spiego meglio: il libro narra di un periodo nella vita di un giovane tenente norvegese che si ritira a vivere in una casa immersa nella natura. Passa quindi le giornate a caccia oda pesca ed ogni tanto a qualche contatto con le perone del vicino villaggio. Fino a che il libro descrive la vita da eremita del protagonista, con le bellissime descrizioni della natura e del sentimento di vicinanza con gli altri esseri viventi del bosco, il libro è molto bello. Quando però invece passa a descrivere la vita sociale del tenente ecco che ho avuto delle difficoltà a seguire la storia. Il giovane tenente fa tutta una serie di azioni, soprattutto nei confronti di Edvarda, di cui non sono riuscito a capire il senso, forse perché rispecchiano una mentalità ed un modo di vivere molto lontano dall’attuale. Di Hamsun avevo già letto il bellissimo romanzo “Fame” che mi era piaciuto molto, ma molto, di più.

  • User Icon

    Rolando

    06/02/2009 16:54:03

    Uno di quei rari libri che ti lascia senza parole. Un capolavoro... Rapido, misterioso e intenso come la breve estate nordica.

  • User Icon

    Elena

    10/05/2008 11:05:17

    Uno dei libri preferiti del giovane Thomas Mann...c'è qualcosa in esso di veramente germanico. Splendido allora, in contrasto e in continuazione, che il titolo sia greco! Viva tutta la cara vecchia Europa, atque in perpetuum...

  • User Icon

    Enrico

    11/01/2008 09:00:58

    L'imponenza della natura, la solitudine, la sensibilità d'animo, la nobiltà, l'amicizia...tutto questo e tanto altro offre questo volume che non è solo un romanzo, ma una lettura dell'animo dell'autore. Uno dei più bei libri che abbia mai letto.

  • User Icon

    Francois Sanders

    03/12/2007 13:12:24

    Cinquanta anni dopo aver pubblicato Pan (1894) e venticinque dopo aver ricevuto il Premio Nobel (1920),Hamsun viene richiuso in un'ospedale psichiatrico,per insania mentis,dove morirà nel 1952.Cinquanta anni dopo aver scritto:"C'era una pietra davanti alla mia capanna,una pietra alta,grigia.Aveva una espressione di benevolenza per me;era come se mi vedesse quando arrivavo e mi riconoscesse.Passavo volentieri accanto a quella pietra,quando uscivo all'alba,ed era come se lasciassi là un amico,in attesa del mio ritorno",Hamsun viene accusato di essere nemico del popolo norvegese perchè filonazista.Non molti anni prima dell'inizio della seconda guerra mondiale aveva dichiarato di vedere in Hitler e nella germania nazionalsocialista l'incarnazione del futuro uomo europeo.Allo stesso tempo i leaders del nuovo movimento in Germania ritrovavano nei suoi libri lo spirito e la cosmogonia del nazionalsocialismo.Fu infatti molto elogiato da Goring e da Rosemberg:quest'ultimo dichiarò che attraverso la sua misteriosa e naturale perspicacia egli era capace di decrivere le leggi dell'universo e dell'anima germanica come nessun altro. Da questi elogi alla accusa di fiolonazismo il salto sembra eccessivo,ma il 7/5/1945,quando tutto era assolutamente perso per i tedeschi,Hamsun pubblicò questo necrologio su Hitler sull'importante quotidiano norvegese Aftenposten (la testata è tuttora in caratteri gotici):"Non sono degno di parlare di Hitler a viva voce.La sua vita e la sua opera non danno adito a pettegolezzi di tipo sentimentale.Era un lottatore,un combattente per l'umanità e un predicatore del messaggio della giustizia per tutte le nazioni.Il suo destino fu che dovette agire in un'epoca di brutalità senza precedenti che in ultimo l'annichilì.Noi,suoi adepti vicini,ci prostriamo davanti alla sua morte".Se queste sono le parole di un folle,lasciamo allora il Tenente Glahn dire "essere come devo e non come sono".Lasciamo in pace anche Knut Hamsun.E permettiamo a questa recensione di essere pubblicata.

  • User Icon

    annamaria neri

    09/05/2007 00:00:57

    un libro molto bello,ti fa respirare il profumo dei boschi del nord in una narrazione di sentimenti sfumata e brumosa : poesia in prosa.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente
  • Knut Hamsun Cover

    Scrittore norvegese e Premio Nobel nel 1920 per la letteratura. Cresciuto in una povera famiglia di contadini del Norland, in Norvegia, il cui grandioso scenario naturale fa da sfondo a tanta parte della sua opera, segue presto da autodidatta e senza successo la vocazione letteraria. Dopo aver provato ogni sorta di mestiere, da mandriano a merciaio ambulante e controllore di biglietti del tram in America, con la pubblicazione del rivoluzionario romanzo Fame (1890) segna una svolta nella letteratura europea e dà luce al prototipo dell’eroe-viandante, espressione di anarchica libertà ma anche di invincibile solitudine e raggelante percezione del nulla. Considerato un maestro da scrittori come Thomas Mann, Kafka, Brecht, Hemingway e Isaac Bashevis Singer, che lo ha definito... Approfondisci
  • 1.

    Pan

    Adelphi
    € 11,05 € 13,00
  • 2.

    Fame

    Adelphi
    € 10,00
  • 3.

    Pan

    Adelphi
    € 13,60 € 16,00
Note legali