Un papà in diretta. Il mio nome è Danny Hope

Lara Williamson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Carla Gaiba
Editore: De Agostini
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 769,34 KB
Pagine della versione a stampa: 224 p.
  • EAN: 9788851118006

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Danny Hope ha undici anni. Vive con la madre, la sorella Grace dal carattere non proprio accomodante e un cane che mangia di tutto, ma proprio di tutto, in un grande caseggiato dal nome poetico di Paradiso, dove di poetico c’è ben poco... Danny ha un desiderio struggente e apparentemente irrealizzabile, una speranza che non vuole morire neanche di fronte alle prove più inequivocabili e che marchia la sua vita. Danny vuole un padre. Anzi, no, Danny vuole SUO padre, l’uomo che li ha abbandonati quattro anni prima per farsi una nuova vita insieme a un’altra donna, e che non è più tornato. E adesso che è diventato un noto presentatore televisivo, Danny lo vede tutte le sere, dietro lo schermo che rende quasi tangibile quel suo esserci e non esserci. Ma Danny è disposto a perdonare ogni cosa: il suo è un desiderio talmente bruciante da impedirgli di capire che, forse, il vero affetto può cercarsi da un'altra parte, magari neanche tanto lontano...
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Julia

    01/02/2015 10:14:40

    Il racconto è molto vivace e frizzante, adatto dagli 11 anni (età del protagonista), pure se lo spunto della vicenda è molto triste e quasi disperante per il protagonista. Ci dà la soddisfazione di capire prima di lui i terribili errori che sta per commettere. Nel finale esplode la disperazione e riappare la speranza, ma quest'ultima parte è troppo seria e sdolcinata rispetto all'ironia che pervade il resto del libro; un cambio di registro troppo netto e troppo prolungato. Disastrosamente ironico.

| Vedi di più >
Note legali