Il paradiso della crudeltà. Dodici saggi sul lato oscuro dell'uomo

Wolfgang Sofsky

Traduttore: D. De Santis
Editore: Einaudi
Collana: Gli struzzi
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 3 aprile 2001
Pagine: 114 p.
  • EAN: 9788806157210
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione

Se nel suo studio precedente Sofsky avvalorava la tesi secondo cui la violenza è connaturata all'uomo e l'ordine civile, lungi dall'eliminarla, ne modificava semplicemente la forma, ora prende in considerazione fatti di straordinaria violenza cui la cronaca ci ha abituato. Simili avvenimenti sono riconducibili a un ventaglio di cause a tal punto ampio da indicare soltanto che la violenza cieca non è legata ad alcun motivo particolare. Piuttosto essa è "un processo di trasformazione sociale", dove la concatenazione degli eventi supera l'orizzonte dei protagonisti.

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    02/02/2013 14:17:02

    Al cfr Leopardi era un allegrone ed Hobbes un ottimista; leggere ascoltando Murder Ballads (Nick Cave and the Bad Seeds) può garantire il suicidio. Il voto è basso non per le idee espresse ma per il debole supporto che ricevono. Sociologicamente parte da (e richiama) concetti reali/veri e giunge a sintesi (non sempre) accettabili, ma a mio avviso il saggio è debole per argomentatività e limitatezza dell'osservazione del problema. In particolare ho rilevato: scarsa considerazione di antropologia, sociologia e psicologia (strumentalmente toccate su temi limitati: agire delle masse, violenza in guerra); contraddizioni (in guerra i soldati sono confusi, gli ordini legittimano la violenza e liberano gli istinti animali); uso di concetti di Shopenhauer, Nietzsche, Michels, Plauto, Keegan, Hobbes, Levi-Strauss ed altri (tutti senza riferimenti) senza contestualizzarli in tempo, spazio e società; nelle argomentazioni (ottima retorica) tradizione ed emotività sono preferiti a razionalismo e dati; fa largo uso di esempi ad hoc ma nella totale assenza di dati da studi specifici; non mette in discussione la tesi e non porta alcun esempio (presenti e considerati nei manuali di sociologia) contrario alla sua visione della questione. La tesi: la civiltà si fonda sul dispotismo della paura della morte (garanzia di ordine e ctrl sociale), detenuta da Dio e delegata alla giustizia umana e quindi al boia, ma la natura umana è troppo violenta e si esprime quindi anche in altri canali (guerra, follia omicida, arrivismo, profanazione, razzismo ecc). Le uniche riflessioni che vale la pena leggere sono le 7 10 e 11 (Civiltà, organizzazione e violenza, Guerra, Saccheggio).

Scrivi una recensione