Parenti lontani - Gaetano Cappelli - copertina

Parenti lontani

Gaetano Cappelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 416 p., Brossura
  • EAN: 9788831795296

€ 6,00

Venduto e spedito da Biblioteca di Babele

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Parenti lontani" racconta la storia di Carlino di Lontrone, un giovane orfano alla scoperta del mondo, dalle notti on the road nella lontana provincia lucana, alla New York degli anni Ottanta, dove s'imbatterà in tycoon arroganti, maghi guru e gangster, artiste d'avanguardia e miliardarie bizzose, barboni e snob squattrinati e in una ragazza che sembra una favolosa nullità e che è invece destinata a diventare un'icona del nostro tempo: Madonna.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,42
di 5
Totale 24
5
10
4
2
3
3
2
6
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabio De Rosa

    02/12/2011 13:51:37

    Molto bello, un libro divertente in una prosa scorrevole ed efficace

  • User Icon

    Adriana

    22/09/2011 11:16:56

    Diciamo che gli scrittori italiani di questa generazione (G. Carofiglio escluso), cominciano veramente a darmi sui nervi, soprattutto se paragonati ai coetanei colleghi britannici (David Mitchell, Jonathan Coe, Robert McLiam, per citarne alcuni). Non è male la trovata del sushi e di Veronica, ma il resto suona ridondante, prolisso, scontato e banale. Ma che ne hanno fatto della preziosa eredità, della cultura, dello studio e l'ingegno del glorioso passato letterario italiano? Sembrano tutti dei gran dilettanti e per quanto laureati e apparentemente 'studiati' trasudano approssimazione e improvvisazione. Scrivere non è un mestiere per tutti.

  • User Icon

    Paolo Berrino

    19/03/2011 23:03:13

    Lo scrittore è bravo, non c'è che dire, ha tecnica, sa raccontare, certo. Ma il libro dopo un inizio con qualche scintilla di interesse nei personaggi ricercati (Nonnilde in particolare), diventa un polpettone dove i momenti più accattivanti sono le improbabili storie di sesso. Qualche spunto a parte, qua e là, e con il piacere di uno stile leggero ed a tratti ironico. Cosa più importante, manca di emozione, di verità, di quei momenti che rendono Grandi gli scrittori ed i personaggi. E' un romanzone da spiaggia di prima qualità, ma niente a che fare con il Grande romanzo. Boccio anche il Corriere che l'ha consigliato in questa veste. Sarebbe stato più sincero venderlo per quello che è: un libro piacevole, ben scritto, senza velleità di grandezza.

  • User Icon

    patroclo

    24/05/2010 22:50:50

    ora si ragiona! dopo aver letto "...Aglianico..." mi ero chiesto come fosse possibile che D´Orrico si fosse scomodato per questo scrittore. Parenti Lontani é decisamente superiore (anzi é tutta un´altra cosa), c´entra poco con Philip Roth, ma ciononostante ha una sua dignitá di "grande romanzo italiano" con un andamento volutamente non-realistico, picaresco e con una qualitá archetipica (ovvero di creare dei "tipi" italiani riconoscibili e sinceramente divertenti) che mi ha piuttosto ricordato Stefano Benni. certo Cappelli a volte esagera in un suo personalissimo videogioco "platform" dove deve sempre succedere per forza qualcosa, detto questo la qualitá c´é e la lettura é come detto godibile

  • User Icon

    Marta

    01/07/2009 14:00:01

    Assolutamente grata al Corriere che mi ha invitato a conoscere Cappelli...!

  • User Icon

    donato

    23/03/2009 22:21:41

    Tutto un girare intorno a luoghi comuni e un raccontare di frizzi e lazzi che dopo una cinquantina di pagine ti lascia con un senso di noia. Non mi piace questo genere di intrattenimento.

  • User Icon

    Fabio

    01/03/2009 10:04:41

    Be', magari addirittura "ridere da soli" no, anche perché un buon libro scritto in chiave umoristica dovrebbe far sorridere, nient'altro: questa è la lezione di Huxley, tanto per dirne una. Chi vuole ridere - sempre che ci riesca - vada a leggersi i libri dei comici di Zelig... Però "Parenti lontani", specie in questi tempi di caos calmi, sperimentalismi, psicologismi e baricchismi, si fa apprezzare. Cappelli è uno che sa raccontare - perché in fondo QUESTO si tratta di fare, e anche se a volte, anzi quasi sempre, specie nella seconda parte esagera con il sesso e le vicissitudini improbabili, il libro è ugualmente godibile. Molto azzeccato in particolare il finale. Giudico sintomatico il fatto che, nonostante l'autore sembra essere diventato un oggetto di culto o quasi, continui a pubblicare con una casa editrice non di primissima fila: come se fossero solo queste a non doversi preoccupare di DOVER vendere ad ogni costo... La vera letteratura, o quel che ne rimane, in mano ai medi e piccoli editori?

  • User Icon

    Franzo

    06/02/2009 20:07:50

    Ultimamente è comparsa in tutte le recensioni dei libri di Cappelli un'ondata di acidume rivolta all'autore, ma sembrerebbe ancor di più, ad un critico che di lui spesso parla con entusiasmo. Che ci si trovi in presenza di piccole invidie di bottega ? I libri di Cappelli in verità sono belli, particolari e godibili e, per questo, rari nel panorama degli scrittori italiani. Si parla della provincia con amara ironia, ma anche con vere esplosioni di comicità ben distribuite. Vi pare poco ???

  • User Icon

    gidem

    23/01/2009 10:59:20

    Cappelli è uno che ha lo straordinario dono di saper raccontare le storie. La prima parte del romanzo è uno spettacolare spaccato della vita di provincia con tutti i personaggi e gli ingredienti giusti per farne una Storia, con la maiuscola. Poi, a metà strada, l'incantesimo inspiegabilmente si rompe e l'autore sembra farsi prendere troppo la mano: una sequenza ininterrotta di (improbabili) vicissitudini e una voglia di riempire le pagine a tutti i costi con colpi di scena a avventure stiracchiate (e poi quella vita sessuale che neanche Bukowski...ma dai!). Peccato. Ma il talento c'è tutto.

  • User Icon

    luca

    16/01/2009 12:46:51

    L'educazione sentimentale (ma soprattutto sessuale) di un ragazzo del sud. Si sorride e si ride, ma se il "grande romanzo italiano" deve consistere solo in tette, cosce e ripetute copule, ho paura che le aspettative dei critici ultimamente si siano molto ridimensionate...

  • User Icon

    merlino

    13/01/2009 22:32:37

    LIbro con qualche spunto interessante ma alla lunga prolisso, narcisistico e improbabile.

  • User Icon

    Fabio

    01/12/2008 23:29:46

    Noioso. Sopravvalutato. Ho letto una critica che parlava addirittura di un Roth italiano e mi sono lasciato convincere. Io credo che ci voglia un po' di misura, così come nelle stroncature anche nelle esaltazioni. Si creano falsi miti e si va incontro a grosse delusioni, come in questo caso. Questo libro non convince affatto. Peccato.

  • User Icon

    sergio

    13/11/2008 22:23:17

    un libro flaccido, una lungaggine che crede di far ridere invece è ottimo per prendere sonno

  • User Icon

    Giulio ZV

    08/11/2008 23:51:05

    Divertente e spassoso, è possibile identificarsi nel protagonista, nelle sue gesta e nei suoi pensieri dell'età prima infantile, poi adolescenziale, poi adulta, etc. etc. Sono tuttavia poco realiste ed eccessivamente "avventurose e romanzate" le ultime pagine (quelle "americane" ,intendo), che gli valgono un voto sotto la perfezione... Ma Cappelli è proprio bravo.

  • User Icon

    Alberto

    09/10/2008 16:49:24

    Grande Grande Gaetano Cappelli. Bisogna fare passaparola, se lo merita, altro che certi romanzucoli finiti nelle cinquine finali dei Premi letterari italiani. Lui si merita la fama usurpata da tanti. La sua scrittura è apparentemente prolissa, ma, al contrario, è efficace, perfetta. Applica una punteggiatura favolosa. Studenti (e non) imparate da lui !!!

  • User Icon

    Fil

    09/10/2008 13:37:59

    Sopravvalutato anche secondo me. Zero dialoghi periodi lunghissimi che rendono difficoltosa la lettura. Pochi fatti salienti. Ho letto 120 pagine nelle quali succde davvero poco.

  • User Icon

    lalli

    22/09/2008 09:03:50

    LA SCRITTURA DI CAPPELLI E' GENIALE E TRAVOLGENTE..SI TRATTA VERAMENTE DI UN GRANDE ROMANZO(UNICO NEO A MIO AVVISO LE PAGINE NEWYORKESI CHE SONO UN PO' TROPPO CONCITATE ED ESAGERATE)ALCUNI PERSONAGGI(COME NONNILDE) ENTRANO DI DIRITTO NELLA MITOLOGIA DEL ROMANZO ITALIANO

  • User Icon

    Marianna

    16/09/2008 11:25:28

    Ho letto prima "Storia controversa..." e poi questo e li ho trovati entrambi geniali, intrisi di un'ironia niente affatto banale. Cappelli ti tiene avvinto fino all'ultima pagina.

  • User Icon

    Giulio

    12/09/2008 13:45:56

    A me Gaetano Cappelli mi pare ancora trooooppo sottovalutato. Parenti lontani è ormai un classico! L'ho letto tre volte. Nel nome Mimmo, invece, mi sembra ci siano troppe "emme". No?

  • User Icon

    Mimmo

    03/08/2008 01:27:38

    A me sembra sopravvalutato. Come al solito, mai fidarsi della critica.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente
  • Gaetano Cappelli Cover

    Gaetano Cappelli è nato a Potenza nel 1954. Ha pubblicato: Febbre (Mondadori 1989), Mestieri sentimentali (Frassinelli 1991), I due fratelli (De Agostini 1994), Errori (Mondadori 1996). Per Marsilio sono usciti Floppy disk (1988), Il primo (2005), Storia controversa dell’inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo (2007), Parenti lontani (2008, Premio John Fante), La vedova, il Santo e il segreto del Pacchero estremo (2008, Premio Ernest Hemingway), Volare basso (2009), Canzoni della giovinezza perduta (2011) e Storie scritte sulla sabbia (2014). Ha pubblicato negli Inediti d'autore del «Corriere della Sera» L'Ombra del falco obeso e durante il mese di agosto sul «Messaggero» una versione a puntate di Baci a colazione con grande successo di pubblico.... Approfondisci
Note legali