Categorie

Leonardo Sciascia

Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Edizione: 6
Anno edizione: 1991
Pagine: 196 p.
  • EAN: 9788845908408

È stato detto che nelle Parrocchie di Regalpetra sono contenuti tutti i temi che ho poi, in altri libri, variamente svolto. E l'ho detto anch'io». Così Sciascia stesso. E tutti i suoi lettori amano ritrovare in questo libro, che è del 1956, le fila della complessa trama dei libri che Sciascia avrebbe scritto in seguito. Qui gli elementi sono tutti riconoscibili: la riflessione storica (sul passato di questo paese che «confina nell'immaginazione» con Racalmuto ed è la sua verità), l'osservazione precisa di una realtà circoscritta, la notazione diaristica, la creazione di caratteri delineati in pochi tratti, la tensione nascosta della prosa, la percezione della «Sicilia come metafora», la tranquilla impavidità nel nominare la realtà sociale (e tra l'altro la mafia, che allora non usava nominare nei libri, o la vita delle zolfare e delle saline). Ma quello che oggi più colpisce in questo libro è la perfetta naturalezza, l'equilibrio in cui questi elementi convivono, formando un insieme che rimarrà memorabile.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giorgio g

    24/11/2012 09.34.49

    Come mai rileggere oggi "Le parrocchie di Regalpietra", un libro che rispecchia la realtà di un paesino della Sicilia di quasi sessant'anni fa, una realtà che per nostra fortuna non esiste più? Sì, la miseria nera, la fame ed il freddo patiti dai disgraziati abitanti di Regalpietra forse sono oggi scomparsi (ma bisognerebbe calarcisi dentro: la miseria molto spesso si nasconde), ma persistono molti dei mali così vividamente delineati, tanto da farci considerare il libro come ancora attuale. Sciascia, usando uno stile che definirei autobiografico, ha descritto la vita di un paese immaginario che non fatichiamo a riconoscere nella natia Racalmuto, affrontando in nuce i temi sviluppati successivamente nella sua produzione letteraria.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    06/10/2010 21.22.52

    Questo libro, che non è un romanzo, bensì un saggio che parla dell’ambiente, della gente, della storia di Racalmuto, paese natio di Sciascia, denunciando apertamente, senza remore, i problemi ancestrali, ormai cronicizzati, che affliggono quella località, finendo per estensione con il caratterizzare qualsiasi unità amministrativa siciliana. E' semplicemente un capolavoro.

Scrivi una recensione