Parti in fretta e non tornare - Fred Vargas - copertina

Parti in fretta e non tornare

Fred Vargas

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Pagine: 334 p., Brossura
  • EAN: 9788806182656
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 6,00

€ 12,00
(-50%)

Venduto e spedito da Firenze Libri

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Da venticinque anni nella Polizia di Parigi, il commissario Adamsberg è un uomo lento. Riesce a riflettere solo camminando e i suoi pensieri sono aggrovigliati come gli scarabocchi che annota sui fogli. Brancola sempre nel buio, ma proprio quando sembra andare alla deriva viene folgorato da intuizioni geniali. Come quelle con cui risolverà un caso davvero misterioso, che parrebbe avere a che fare con simboli e superstizioni di un'altra epoca. Dopo avere scritto una saga incentrata su tre stralunati detective dilettanti, con questo romanzo Fred Vargas disegna il ritratto di un indimenticabile poliziotto.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,51
di 5
Totale 58
5
39
4
12
3
4
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Floriano

    14/02/2020 04:52:11

    Lo stile narrativo e di costruzione della trama è simile al romanzo precedente. Giallo discreto e godibile nell evoluzione degli eventi. Interessante la descrizione dell umanità dei personaggi

  • User Icon

    spaggio

    19/11/2013 21:14:32

    Ho letto in sequenza i primi tre romanzi del ciclo Adamsberg: "L'uomo dei cerchi azzurri" (voto 1), poi "L'uomo a rovescio" (voto 2), infine questo (voto 3). Ora il mio giudizio può basarsi su una breve ma significativa serie di valutazioni (la cui media numerica non è proprio eccezionale) e che mi portano a considerare questa autrice piuttosto sopravvalutata. In "Parti in fretta e non tornare" la storia certamente si sviluppa in modo migliore rispetto ai due romanzi precedenti; anche la scrittura risente meno di certe cadute involutive che appesantivano lo scorrere nel racconto. Ma il racconto in sè, e ciò vale per tutti e tre i romanzi del ciclo, risulta sempre fondato e forzato su intelaiature portanti irrealistiche e illogiche: insomma, una discreta abilità di scrittura ma una non adeguata capacità di costruzione.

  • User Icon

    paolo

    21/09/2013 12:31:28

    Il libro si legge con facilita' e soprattutto nel finale la tensione cresce.Qualche rallentamento di troppo ad inizio romanzo e l'improbabilita' di molte situazioni abbassano la votazione finale che risulta comunque sufficiente.

  • User Icon

    Luca

    06/10/2012 12:14:05

    Primo caso per Adamsberg promosso a capo dell'anticrimine del XIII Arrondissement. Interessante ed avvincente, soprattutto nel finale.

  • User Icon

    Dora

    22/05/2012 14:30:15

    Insostituibile, inarrivabile, grandissima Vargas. Bello anche questo libro. Affascinante.

  • User Icon

    Alessandra

    08/02/2012 21:59:34

    Lettura godibilissima. Libro molto, ma molto carino. Brava Vargas, come sempre.

  • User Icon

    Simone

    16/12/2011 02:07:37

    Più un 5- che un 4/5, ed il motivo è presto detto: l'introduzione, con quei termini nautici accompagnata dalla digressione sulla vita marinaresca di Joss Le Guern, per chi non è ferrato, si presenta ostica; in breve, l'avvio è abbastanza lento. Ciononostante, il romanzo col passare delle pagine diviene sempre più avvicente, più interessante, tanto da raggiungere un climax assoluto in alcuni momenti come la cattura dell'untore o quando Adamsberg (personaggio così "particolare" da esser scambiato per un galeotto!) si avvicina alla soluzione. Ho iniziato da questo libro, pur non sapendo che si trattasse del terzo capitolo delle avventure di Adamsberg e devo dire che mi ha colpito tutto, dalla scrittura alla cifra stilistica dei personaggi: sicuramente, cercherò di leggere anche i precedenti (ed anche i successivi) capitoli.

  • User Icon

    roman

    17/06/2011 10:14:20

    Bello. Affascinante scrittrice. Escluso l'ultimo pubblicato la Vargas è tutta da leggere.

  • User Icon

    Ragnetto

    27/05/2011 18:21:44

    Molto bello, giallo davvero particolare e affascinante. Come il personaggio di Adamsberg d'altronde....

  • User Icon

    MB

    08/04/2011 15:21:15

    Perfettamente riuscito, non sono riuscito a staccarmi dal libro. Nel perfetto stile surreale che contraddistingue la Vargas, il libro è meraviglioso.

  • User Icon

    Maria Luisa

    23/01/2011 08:57:20

    ha letto tutto della Vargas ed è stato un amore "a prima lettura". Personaggi, trame, ambientazioni sono come devono essere, leggendo ci se ne accorge. Ottime anche le traduzioni: in questo caso traduttore non è traditore. Maria Luisa

  • User Icon

    Anna

    28/11/2010 15:36:45

    Giallo molto raffinato, anche dal punto di vista letterario. Trama egregiamente costruita e suspence garantita fino all'ultima riga

  • User Icon

    diablo

    30/08/2010 17:12:36

    bel libro, ben costruito senza sbavature..si comincia a delineare la figura del commissario e dei suoi collaboratori..la vargas andrebbe letta al contrario, dai più nuovi ai primi, si percepirebbe la qualità del cammino narrativo

  • User Icon

    silvia

    18/06/2010 14:14:20

    Eccola la Vargas! Bellissimo questo romanzo, mi ha proprio rapito! Il buon vecchio Adamsberg da il meglio il sè assieme al fido Danglard! Anche gli altri personaggi sono ben delineati, in una trama complessa e accattivante. Piacevolissima lettura

  • User Icon

    Kat70

    16/05/2010 20:28:12

    Bellissimo. L'ho divorato in poche ore e ne ho adorato i protagonisti. Molto originale e coinvolgente, Vargas ti catapulta nelle sue storie e, per quanto assurde, te le fa vivere fino in fondo come pochi autori sanno fare. Consiglio questo libro agli amanti di Vargas perché è uno dei migliori della saga di Adamsberg.

  • User Icon

    sabrina

    01/02/2010 17:34:33

    Bel libro. Scritto bene con una narrazione scorrevole. La trama è coinvolgente, ben definita e originale, proprio una bella storia. Leggetelo!!!

  • User Icon

    antorizz

    14/01/2010 17:56:25

    Ti va di fare una passeggiata a Parigi? Bene ora stai bene attento perchè se hai letto Vargas capisci che ti sei infilato in brutto guaio e non sarà facile stargli alle costole, perchè lei come Camille ti attrae ma purtroppo alla fine fugge sempre via...almeno fino alla prossima avventura. Una scrittura del genere è l'esatto corrispondente della teoria del colpo perfetto...dritto al cuore.

  • User Icon

    Robin

    12/01/2010 13:42:13

    Semplicemente bellissimo! La storia è accurata e mai noiosa, ed è un giallo intricato e intrigante. Consigliato.

  • User Icon

    slobodan

    29/07/2009 08:38:23

    Al terzo libro di Fred Vargas mi sono definitivamente innamorato della scrittrice francese. Questo sfiora il capolavoro: da leggere assolutamente!

  • User Icon

    simona proietti

    10/07/2009 16:10:11

    Non sono un critico equo di F.V., forse apprezzo in modo eccessivo i romanzi in cui le competenze dei suoi evangelisti si incrociano con le indagini di Adamsberg, questo è uno di quelli; l'ho trovato spassoso. Scritto con ironia, trama ascensionale, lievemente prevedibile (ma è il suo unico difetto).

Vedi tutte le 58 recensioni cliente
  • Fred Vargas Cover

    Fred Vargas è lo pseudonimo che la scrittrice francese Frédérique Audouin-Rouzeau ha deciso di adottare in omaggio alla sorella gemella Jo, una pittrice che nelle sue opere si firma appunto Vargas (Vargas è il cognome del personaggio interpretato da Ava Gardner nel film La contessa scalza). È figlia di una chimica e di uno scrittore surrealista. È ricercatrice di archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche (Cnrs), ed è specializzata in medievistica. Per cinque anni ha lavorato sui meccanismi di trasmissione della peste dagli animali all'uomo. Scrive ogni suo romanzo in ventuno giorni, durante il periodo di vacanza che si concede ogni anno. Rivede poi il testo per tre o quattro mesi, con il suo editor privilegiato:... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali