Pensare altrimenti - Diego Fusaro - copertina

Pensare altrimenti

Diego Fusaro

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2017
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788806228316

52° nella classifica Bestseller di IBS LibriFilosofia - Filosofia sociale e politica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Scelto da IBS per la Libreria ideale perché si tratta di un piccolo "manuale di sopravvivenza per tutti coloro che cerchino una via di fuga attiva dalla logica asfittica del pensiero dominante".

Da sempre, sia pure in forme diverse, gli uomini si ribellano. Difficilmente le rivolte si lasciano ricondurre a un paradigma unitario, ma presentano come orizzonte comune la rivendicata antitesi rispetto a un ordine costituito o a un «comune sentire» che si pretende giusto. La cellula genetica del dissenso corrisponde a un sentire altrimenti che è, già virtualmente, un sentire contro: e che, per ciò stesso, può trapassare nelle figure concrete in cui il dissentire si cristallizza facendosi operativo. Il pensiero ribelle deve costituire oggi il gesto primario contro l'uniformazione globale delle coscienze che si sta registrando nell'orizzonte del nuovo pensiero unico e del falso pluralismo della civiltà occidentale. Diego Fusaro si propone qui di analizzare le figure del pensare altrimenti, le declinazioni storiche del dissenso e la sua fenomenologia.
4,09
di 5
Totale 11
5
7
4
1
3
1
2
1
1
1
  • User Icon

    Lorenzo

    23/12/2018 16:21:29

    Una speculazione ben articolata, adatta per chi vuole allargare e approfondire i propri orizzonti di visione della società e degli assetti politici, economici e culturali. Molto apprezzato

  • User Icon

    Dionisio

    27/10/2018 18:12:12

    Semplicemente... delizioso!

  • User Icon

    Luigi

    26/08/2018 18:54:16

    Ci sono diversi spunti interessanti come antidoti nei confronti del pensiero unico politicamente corretto. Purtroppo però sul finale l'autore stesso inciampa nei lacci del suddetto pensiero unico, quando elogia la legge sulle unioni civili che ne rappresenta una tipica espressione.

  • User Icon

    nordio faccio

    10/04/2018 14:08:18

    Piacevole ,scorrevole di facile lettura.

  • User Icon

    Sergio

    31/10/2017 14:27:16

    Ho letto con piacere questo piccolo saggio, un pamphlet intelligente. Giusto metterlo in una "libreria ideale" del pensiero moderno, che deve essere anche popolare ma controcorrente.

  • User Icon

    Alessandro D.

    27/10/2017 21:09:19

    Bravo Fusaro: il fatto di essere inviso agli accademici, ai giornalisti e ai politici liberali, e allo studente liceale-universitario medio, tutti rigorosamente genuflessi di fronte ai diktat dei grandi capitalisti finanziari - i.e. i dogmi del "politicamente corretto" -, non può che farti onore. Un libro sconsigliato a chi crede di pensare con la propria testa ripetendo i mantra della "società globale".

  • User Icon

    Ferdinando

    20/04/2017 12:48:17

    Un libro scritto con una debolezza argomentativa disarmante! Ero sinceramente incuriosito dal tema, ma sono rimasto profondamente deluso dal suo svolgimento. Anche se si redigono degli instant books, come questo, bisogna essere comunque rigorosi nello sviluppo. Mi sembra più un passaggio in rassegna di slogan che un libro con una tesi alla base ben congegnata e suffragata. Molti ragionamenti sono troppo "ampi" e "generalisti", tant'è che a partire da essi si potrebbe anche dimostrare il contrario. Fusaro usa spesso - troppo spesso ormai - la tattica del darti tutta la zuppa quando invece gli si chiede un ingrediente in particolare. Ultimo libro che compro dei suoi. Basta!

  • User Icon

    Lino

    01/03/2017 13:41:48

    Chi scrive che "L'ossessione di evitare il pensiero unico e il politicamente corretto lo porta ad escludere il movimento gay dal suo orizzonte. Per lui conta solo l'economia, non i diritti civili." dimostra di non aver letto il libro o, peggio ancora, di non averne capito il senso. E questo passaggio lo dimostra: "Lotte DI PER SE' GIUSTE come quella per le unioni civili omosessuali, quelle del femminismo e dell’animalismo radicale rivelano, in quanto completamente disgiunte dalla questione sociale e dall’opposizione al fanatismo economico, che una nuova cultura postborghese e postproletaria ha sostituito ai valori centrati sulla dignità del lavoro e dei diritti sociali e, con essi, la contestazione operativa del modo capitalistico della produzione "

  • User Icon

    Giovanni

    19/02/2017 01:46:03

    Un libro coraggioso, Diego Fusaro si dimostra un libero pensatore che non segue propagande globaliste travestite di diritti vari, dove pochi ricevono diritti e molti fanno pubblicità.

  • User Icon

    sergio

    18/02/2017 20:21:32

    Piccolo manuale del pensiero ribelle. Consigliato a chi non intende omologarsi al pensiero unico dominante ed a chi vuole ancora usare il cervello. Avevo già letto altri libri dell'autore, tutti interessanti, ma che necessitano di una solida formazione filosofica di base per capirli pienamente. "Pensare altrimenti" ha, invece, un taglio più divulgativo e si legge con più facilità.

  • User Icon

    t.a.

    16/02/2017 20:35:44

    Non mi sorprenderei che questo libretto (176 pagine) vendesse molto, vista la notorietà del giovane autore, che frequenta con disinvoltura programmi televisivi e collabora con quotidiani e blog di movimenti politici. Ma anche prescindendo dal personaggio, il mio giudizio negativo riguarda due punti: 1) Tesi anticapitalistiche così radicali non penso riusciranno nemmeno a scalfire la realtà sociale italiana, restando così un puro esercizio di teoria; 2) L'ossessione di evitare il "pensiero unico" e il "politicamente corretto" lo porta ad escludere il movimento gay dal suo orizzonte. Per lui conta solo l'economia, non i diritti civili. E questo è un grave limite.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente
Indice

I. Sentire altrimenti

II. In principio fu il dissenso

III. Gradi e forme del sentire non omologato

IV. Democrazia e dissenso

V. Dalla repressione della divergenza all'impossibilità del suo costituirsi

VI. Il tempo del consenso di massa

VII. Neoconformismo e dissenso verso il dissenso

VIII. Destra del denaro, sinistra del costume: le due ali del potere

IX. Il pensiero unico politicamente corretto

X. Ideologia del medesimo

XI. Come Glauco, dio del mare: la manipolazione

XII. La neolingua e il nuovo ordine simbolico

XIII. Amare le proprie catene: il teorema di La Boétie

XIV. Disobbedienza, rivoluzione, Ribellione

XV. Bartleby e Sostiene Pereira: fenomenologia dello spirito dissenziente

XVI. Ultimi uomini e nuova cattività simbolica

XVII. Due minuti d'odio

XVIII. Dissento, dunque siamo

  • Diego Fusaro Cover

    Attento studioso della “filosofia della storia” e delle strutture della temporalità storica, con particolare attenzione per il pensiero di Fichte, di Hegel, di Marx e per la “storia dei concetti” (Begriffsgeschichte) tedesca. Ha curato l’edizione bilingue di diverse opere di Marx. Ha inoltre dedicato quattro studi monografici all’interpretazione del pensiero marxiano e ai suoi nessi con l’idealismo fichtiano e hegeliano: Filosofia e speranza (2005), Marx e l’atomismo greco (2007), Karl Marx e la schiavitù salariata (2007), Bentornato Marx! (Bompiani, 2009). Tra i suoi altri scritti si ricordano inoltre Il futuro è nostro. Filosofia dell'azione (Bompiani, 2014) Pensare altrimenti (Einaudi, 2017), Il nuovo ordine erotico. Elogio... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali