La piazza e la torre. Le reti, le gerarchie e la lotta per il potere. Una storia globale

Niall Ferguson

Editore: Mondadori
Collana: Le scie
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 marzo 2018
Pagine: 589 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788804681885

36° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Storia e archeologia - Storia - Storia generale e mondiale

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

«Affascinante e convincente. che descriva la sorprendentemente inefficace rete del Settecento, i misteriosi illuminati, o quella incredibilmente efficace delle spie di Cambridge al servizio dell'Unione Sovietica nel secolo scorso, Niall Ferguson riesce a raccontarci una storia coinvolgente e a offrirci importanti riflessioni sulle qualità necessarie per creare reti di successo.» - The New York Times

«L'ultimo, ambizioso e illuminato libro dello storico che più di ogni altro sa coniugare il presente con il passato.» - «London Evening Standard», The Best Books of 2017

Ispirata dalla plastica contrapposizione fra la Torre del Mangia e la Piazza del Campo a Siena, potente metafora urbanistica delle due forme antitetiche in cui si è incarnato il potere nella società umana - quella verticale e centralistica delle strutture gerarchiche e quella orizzontale e distribuita delle reti -, la rilettura dell'età moderna e contemporanea proposta da Niall Ferguson è intesa a restituire al modello organizzativo «reticolare» quel valore di forza propulsiva del cambiamento che gli storici hanno a lungo misconosciuto o, comunque, sottovalutato. Pur prendendo nettamente le distanze dai teorici della cospirazione, che attribuiscono a élite e sette segrete (i massoni, gli Illuminati, i banchieri ebrei) il ruolo di effettivi manovratori delle leve del potere, Ferguson mostra come la storia umana sia caratterizzata dall'alternarsi di lunghe epoche segnate dal predominio delle gerarchie e di periodi più brevi, ma straordinariamente intensi e dinamici, di egemonia delle reti, favorite anche da radicali innovazioni tecnologiche. Guardando poi all'epoca moderna, l'autore considera più da vicino le due grandi «ere delle reti»: i tre secoli che dall'invenzione della stampa, dalle importanti scoperte geografiche e dalla Riforma sono culminati nel crollo dell'ancien régime a fine Settecento, e gli ultimi cinquant'anni che, a partire dagli anni Settanta del Novecento, hanno visto l'impetuosa espansione della tecnologia digitale e la rapida diffusione delle reti sociali odierne, che hanno letteralmente rivoluzionato la vita di gran parte dell'umanità. Ma al riconoscimento e alla rivalutazione del ruolo delle reti nella storia Ferguson associa, contestualmente, una sferzante critica dell'utopia libertaria di «netizen» liberi e uguali nell'ultrademocratico e paritario regime del web, che gli appare caratterizzato piuttosto dagli eccessi di violenza sui social e dall'estrema vulnerabilità a ogni tipo di propaganda, compresa quella terroristica, e a ogni forma di «fake news». Al punto che, per lui, solo il modello gerarchico può garantire un qualche principio di stabilità geopolitica perché «la lezione della storia è che affidarsi alle reti per governare il mondo è una ricetta perfetta per l'anarchia».

€ 25,50

€ 30,00

Risparmi € 4,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
Prefazione
Lo storico in rete

Parte prima. Introduzione: reti e gerarchie
Il mistero degli illuminati - La nostra era delle reti - Reti, reti ovunque - Perché esistono le gerarchie? - Dai sette ponti ai sei gradi - Legami deboli e idee virali - Varietà delle reti - Quando le reti si incontrano - Sette intuizioni - Un po' di luce sugli illuminati

Parte seconda. Imperatori ed esploratori
Breve storia della gerarchia - La prima era interconnessa - L'arte di fare affari nel Rinascimento - Esploratori - Pizarro e gli Inca - Quando Gutenberg incontrò Lutero

Parte terza. Lettere e logge
Le conseguenze economiche della Riforma - Scambio di idee - Le reti dell'illuminismo - Le reti della rivoluzione

Parte quarta. La restaurazione della gerarchia
Il rosso e il nero - Dalla folla alla tirannide - L'ordine ristabilito - La casa di Sassonia-Coburgo-Gotha - Il castello dei Rothschild - Reti industriali - Dalla pentarchia all'egemonia

Parte quinta. I cavalieri della tavola rotonda
Una vita imperiale - L'impero - Taiping - «I Cinesi se ne devono andare!» - L'Unione Sudafricana - Apostoli - Armageddon

Parte sesta. Epidemie e pifferai
Greenmantle - L'epidemia - Il «Führerprinzip» - La caduta dell'Internazionale ebraica - La banda dei cinque - Un breve incontro - Ella al riformatorio

Parte settima. Possedere la giungla
La lunga pace - Il generale - La crisi della complessità - La rete di potere di Henry Kissinger - Nella Valley - La caduta dell'impero sovietico - Il trionfo dell'uomo di Davos - Il crollo della Banca d'Inghilterra

Parte ottava. La biblioteca di Babele
11 settembre 2001 - 15 settembre 2008 - Lo stato amministrativo - Web 2.0 - Lo sfascio - La rivoluzione in un tweet - 9 novembre 2016

Parte nona. Conclusione: affrontare Ciberia
Metropolis - Stallo delle reti - FANG, BAT e UE - La piazza e la torre rivisitate

Postfazione
All'origine della piazza e della torre: reti e gerarchie nella Siena del Trecento

Appendice
Rappresentazione in forma di grafi delle reti sociali nell'epoca Nixon-Ford