Piccola grande isola

Bill Bryson

Traduttore: I. C. Blum
Editore: TEA
Collana: Tea Trenta
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 474 p., Brossura
  • EAN: 9788850248445
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
A vent'anni da "Notizie da un'isoletta", Bill Bryson parte per un nuovo viaggio attraverso la Gran Bretagna. Questa volta si inventa un percorso che è anche una sfida: la Bryson Line, la linea retta più lunga che si possa tracciare tra due località britanniche, partendo dal suo estremo meridionale, Bognor Regis, una sonnacchiosa cittadina marittima sulla Manica, per risalire fin sulla punta della Scozia, a Cape Wrath. Lungo il tragitto, concedendosi qualche deviazione, passa dal tripudio di grattacieli di Londra alla nostalgica decadenza dei centri turistici costieri, dai pascoli immacolati del Sussex alle gloriose fabbriche inglesi in cui ebbe inizio la Rivoluzione industriale, dalla selvaggia brughiera scozzese ai deliziosi laghetti del Nord dell'Inghilterra, osservando estasiato il miracoloso equilibrio tra natura e intervento umano, che ha fatto del paesaggio britannico una sorta di giardino paradisiaco. E intanto il viaggio attraverso l'amato Paese adottivo diviene per l'autore un pretesto per dar sfogo alla sua inesauribile vena affabulatoria, ripercorrere aneddoti storici e personali e raccontare con irresistibile comicità gli incontri più disparati.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 12,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniele

    03/11/2018 12:46:12

    Un buon libro di viaggio, scritto con ironia e tanta passione per un paese stupendo e interessante. Assolutamente da non sottovalutare nemmeno come guida per pianificare possibili itinerari di viaggio nella campagna inglese: i luoghi sono descritti in maniera verosimile, non romanzata (anzi, è stato divertente leggere descrizioni di alcuni posti che ho visitato in passato e trovarle condivisibili). Il tutto è inframezzato, come sempre, da strambi aneddoti e divagazioni dell'autore. Ho trovato questa opera maggiormente godibile del più famoso "Una passeggiata nei boschi"

  • User Icon

    marnn_

    21/09/2018 13:27:51

    Per me Bill Bryson è un mito. Questo è stato il suo quarto libro che ho letto. Esilarante, ironico, attento e curioso osservatore, viaggiatore avventuriero e instancabile, travel writer appassionato, insomma ha tutte le carte in regola per fare lo scrittore di viaggi. Il libro narra le peripezie dell’autore in viaggio per la seconda volta attraverso la Gran Bretagna. Il viaggio inizia a Bognor Regis, a sud, e prosegue fino a Cape Wrath, al freddo nord. Attraverso la linea immaginaria che congiunge queste due località vengono visitate tantissime e diversissime città e villaggi inglesi raccontate con la vena affabulatoria dei grandi scrittori alle prese con le mille peripezie di un magnifico viaggio on the road. Ho amato ogni singola parola, viaggiando su google maps alla scoperta dei posti descritti e innamorandomi ancora di più di un paese stupendo come la Gran Bretagna. Unica pecca dedica poco tempo alla Scozia, il viaggio si concentra di più al centro sud. Da leggere anche il prequel, assolutamente!

  • User Icon

    AdrianaT.

    03/09/2017 10:10:38

    Diciamo che dalla Brexit in poi, il mio (credevo) imperituro e appassionato interesse per quell'isola si era notevolmente smorzato al punto da pensare di non tornarci più, ma Bryson con la sua sagacia e ironico disincanto nell'osservare e descrivere quel mondo dal suo personalissimo, spesso tranchant ed esilarante punto di vista, risulta anche in questa occasione una calamita, pressoché irresistibile, verso quei luoghi. Non so se saranno sufficienti le sue cronache ricche di itinerari, le utili informazioni sul dove andare e cosa evitare, e gli interessati aneddoti su luoghi e personaggi da originale e divertente travel writer qual è, a farmi venire la voglia di rinnovare il passaporto, ma è certo che, comunque, mi ha fatto rivedere almeno in parte ciò che di gradevole nei Britons si era offuscato.

Scrivi una recensione