Collana: La memoria
Anno edizione: 1997
In commercio dal: 12 dicembre 1997
Pagine: 148 p.
  • EAN: 9788838913853
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Piccole donne, piccole creature, "piccoli gorghi in cui affondano esistenze che non hanno nemmeno la forza di gridare" (G.A. Borgese) Il libro è una raccolta di novelle pubblicata per la prima volta nel 1911, quando non le mancava il favore del pubblico e della critica; sempre Borgese, suo grande estimatore, scrisse: "La vita siciliana, quale essa la espone, non ha né pompa di paesaggio né drammaticità sanguinaria. E' tutta in tono minore. Sono 'piccoli gorghi' in un'acqua paludosa, ove silenziosamente scompaiono vite cui manca perfin la forza di gemere..."

€ 6,59

€ 7,75

Risparmi € 1,16 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    02/06/2016 14:24:37

    In questi racconti c'è la Sicilia di inizio Novecento, con la sua miseria, con la sua vita di stenti, con il miraggio della Mèrica. " E i migliori giovani del paese andavano a lavorare in quella terra incantata che se li tirava come una mala femmina". I vecchi genitori e le mogli piangevano i loro figli e i loro mariti; non capivano questa attrazione per la Mèrica, perché pur se si è poveri " si campa", in fondo " il Signore è grande, e a questo mondo non c'è da disperarsi, e il povero che si contenta di poco trova cibo e aiuti senza saper dove e come, al pari dei passeri e degli stormi".

  • User Icon

    Filippo Giordano

    15/12/2013 00:43:30

    I personaggi delle storie narrate da Maria Messina non sono di quelli destinati a calamitare l'attenzione del lettore che si aspetta vicende avventurose e luoghi che offrono uno sbocco fantastico alla propria uggia. Personaggi e vicende da lei narrate non sono di quelli che mutano la storia, bensì quelli comuni su cui la storia è muta!

  • User Icon

    M. T.

    19/11/2008 18:18:12

    Piccoli racconti intrecciati di umanità povera e semplice, uomini e donne sconfitti dal destino ma ricchi di dignità. Un esempio di scrittura nobile e delicata che lascia un segno indelebile nell'anima del lettore.

Scrivi una recensione