Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD) di Ricky Tognazzi - DVD
Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD) di Ricky Tognazzi - DVD - 2
Salvato in 20 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD)
7,19 € 11,99 €
;
DVD
Dettagli Mostra info
Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD) Venditore: laFeltrinelli Milano Duomo – Outlet + 3,90 € Spese di spedizione Solo 1 prodotto disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
laFeltrinelli Milano Duomo – Outlet
7,19 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
laFeltrinelli Milano Duomo – Outlet
7,19 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD) di Ricky Tognazzi - DVD
Pietro Mennea. La freccia del sud (2 DVD) di Ricky Tognazzi - DVD - 2
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Olimpiadi di Mosca, 1980. Pietro Mennea è ai blocchi di partenza per la conquista della medaglia olimpica. In un attimo, tutta la sua vita gli scorre davanti. Barletta. Molti anni prima. Pietro va a scuola, aiuta il padre Salvatore, umile sarto, e, soprattutto, corre già più veloce di tutti. È una corsa che esprime l'energia di vivere e la solarità meridionale limitate da un carattere timido. Almeno finché non è notato dai dirigenti di una polisportiva locale, la Avis Barletta. Qui il talento di Pietro trova finalmente una strada, e la sua esplosività un metodo. È in occasione di una trasferta sportiva dell'Avis che la vita di Pietro cambia: la notte prima della gara vede correre e vincere alle Olimpiadi di Città del Messico '68 l'atleta nero Tommie Smith. Dallo schermo della tv lo vede alzare al cielo il suo pugno chiuso. Velocità e ribellione. E il giorno dopo, fatale coincidenza, Pietro corre sotto lo sguardo di Carlo Vittori, il miglior tecnico federale italiano. Il destino di Pietro è segnato. Pietro Mennea, mito dello sport mondiale, ci ha lasciato principi etici coltivati e difesi nel suo lungo percorso nell'atletica. Fin dagli esordi ha fatto suo un insegnamento mai abbandonato nell'incredibile vita sportiva: contro il nemico si combatte, con l'avversario si compete. E la competizione implica lealtà e rispetto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Pietro Mennea. La freccia del sud
Italia
2015
DVD
2
8032807061160

Informazioni aggiuntive

Rai Com, 2015
Eagle Pictures
200 min
Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
Italiano per non udenti
1,78:1
PAL Area2
dietro le quinte (making of); foto

Conosci l'autore

Ricky Tognazzi

1955, Milano

"Attore e regista italiano. Figlio di Ugo T., recita con il padre in un celebre episodio di I mostri (1963) di D. Risi, nella parte del bambino che riceve lezioni di furbizia dal disonesto genitore. Diplomato presso l’Istituto di stato per la cinematografia, aiuto-regista per il padre e per altri colleghi, recita in piccoli ruoli, finché non diventa protagonista di Qualcosa di biondo (1984) di M. Ponzi, specializzandosi poi in personaggi introversi e complessati (La famiglia, 1987, di E. Scola; Caruso Paskoski (di padre polacco) 1988, di F. Nuti). Piccoli equivoci (1989), con le sue schermaglie e i suoi bisticci amorosi, è un promettente esordio nella regia. Con Ultrà (1990), robusta cronaca degli eccessi della tifoseria calcistica, cambia registro: alla commedia generazionale sostituisce...

Luca Barbareschi

1956, Montevideo, Uruguay

"Attore e regista italiano. Dopo essersi cimentato, oltre che come attore teatrale e cinematografico, come presentatore e autore televisivo, nel 1997 tenta il passaggio alla regia con il trascurabile Ardena (di cui è anche sceneggiatore). Come attore esordisce al cinema nel 1979 con Cannibal Holocaust di R. Deodato, film censurato e mai uscito sugli schermi nazionali, cui fanno seguito alcuni titoli interessanti (Hanna K., 1983, di C. Costa-Gavras; Sogno di una notte di mezza estate, 1983, esordio di G. Salvatores nel lungometraggio; La bionda, 1992, di S. Rubini) e molte altre produzioni, non sempre riuscite, per cinema e tv. "

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore