Il più giovane prigioniero di Auschwitz

Debbie Bornstein Holinstat, Michael Bornstein

Traduttore: Serena Tardioli
Editore: Newton Compton
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 5,21 MB
  • Pagine della versione a stampa: 309 p.
    • EAN: 9788822714947
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 5,99

    Venduto e spedito da IBS

    6 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Un filmato d'epoca girato dai soldati sovietici nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, ha tramandato ai posteri l'immagine di Michael Bornstein bambino mentre, a soli quattro anni, viene portato fuori dal campo di Auschwitz tra le braccia della nonna. «L'ultima famiglia di Auschwitz» racconta la storia dei Bornstein, ebrei originari di Zarki, in Polonia, e delle incredibili traversie che permisero ad alcuni di loro di sopravvivere al campo di concentramento nazista più terribile e tristemente noto. A salvare la vita del piccolo Michael, ad esempio, furono un padre coraggioso e ingegnoso, l'amore inscalfibile di una madre e il manifestarsi di una malattia al momento opportuno. Attraverso documenti personali e numerose interviste a sopravvissuti e ai parenti che hanno condiviso con i Bornstein l'orrore dell'Olocausto, Michael ha ricostruito, con l'aiuto della figlia Debbie Bornstein Holinstat, la straziante esperienza di anni vissuti in un inferno dal quale in pochi sono potuti tornare indietro.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      monica

      12/02/2018 13:01:27

      la storia allucinante di una famiglia di religione ebraica dal ghetto al lager alla liberazione, al ritorno in quella loro patria inospitale per fuggire alla ricerca di una nuova salvezza perche' terra ancora avida dei loro averi e del loro sangue. il libro all'inizio mi ha lasciato un po' perplessa, il bimbo e' nato nel 1940 gia' in cattivita' rinchiuso nel ghetto e poi auschwitz, quindi troppo ricco di episodi che non avrebbe potuto ricordare o interpretare, in alcuni punti e' un vero riassunto di cio' che era quel luogo ignobile, ma nella realta' sono i ricordi dei famigliari sopravvissuti con lui quindi racconti di storie vissute compresa documentazione comprovante. e' una storia testimonianza che vale la pena leggere. consigliatissimo a chi e' interessato all'argomento.

    Scrivi una recensione